Le banche non finanziano il Mose: deserta la maxi gara da 150 milioni

Le banche non finanziano il Mose  Deserta la maxi gara da 150 milioni

di Roberta Brunetti

VENEZIA - Le banche non sembrano interessate a finanziare il Mose del dopo tangenti. Un'altra maxi gara bandita dal Consorzio Venezia Nuova dei commissari è andata deserta. Doveva servire a raccogliere fino a 150 milioni di euro da anticipare alle imprese, in attesa che i finanziamenti già decisi dallo Stato per la grande opera si traducessero in liquidità, ma nessun istituto di credito europeo si è fatto avanti. Era già successo ad agosto, quando in palio c'erano una sessantina di milioni. Una notizia accolta ieri con un certo disappunto dai commissari del Consorzio Venezia Nuova, così come dal Provveditorato alle Opere Pubbliche del Triveneto. A chi sta gestendo questa fase delicata della grande opera, appare paradossale che soldi certi, garantiti della Stato, non interessino alle banche.

Un paradosso che potrebbe mettere a rischio il completamento stesso del sistema di dighe mobile per salvare Venezia dalle acque alte. Il finanziamento bancario è fondamentale. Con le procedure e i tempi della Stato, le imprese rischiano di non essere pagate per mesi. Già ora vantano crediti per decine di milioni dal Consorzio e, in un clima di contenzioso crescente, i cantieri hanno già subito un forte rallentamento. Senza soldi freschi potrebbero fermarsi definitivamente e il completamento del Mose slittare a chissà quando...
 
 
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Martedì 13 Marzo 2018, 09:23






Condividi su Google+ Commenta
<< CHIUDI
CONDIVIDI LA NOTIZIA
Le banche non finanziano il Mose: deserta la maxi gara da 150 milioni
CONDIVIDI LA NOTIZIA
DIVENTA FAN
SEGUICI SU TWITTER
COMMENTA LA NOTIZIA
5 di 21 commenti presenti
2018-03-13 18:57:20
Ci vorrebbe un bel finanziamento per noleggiare uno stormo di aerei che procedano al bombardamento del Mose. Punto e a capo.
2018-03-13 18:21:55
certo può apparire paradossale che le banche non si fidino dello stato,ma se non si fidano è perchè lo stato e ben noto con le sue modalità di pagare i debiti. Dovrei pensare che in questo momento il nostro stato non possiede 150 milioni e quindilicerca tra le banche per completare l'opera ? incredibile
2018-03-13 17:27:37
torre di Babele insegna... sarebbe stato meglio lasciar interrare da secoli addietro.
2018-03-13 16:20:40
Fatto bene ! Lo Stato purtroppo non dà alcuna certezza di solvibilità .Per esempio io avanzo 9000 Euro dal 2013 . Quando li vedrò ? Con quali finanziarie ? Non per niente siamo stati declassati a categoria B- roba da paesi in via di sviluppo .
2018-03-13 14:55:45
scusate,eh ma i soldi non li deve tirare fuori, lo stato, o no?? se un a banca vuole andare in fallimento tira fuori milioni per il MOSE. punto e basta. io lo ho sempre detto che questa pagliacciata non finira ma. anzi no E| è già tutto finito, perchè è già tutto arrugginito. si dovrebbe ogni anno fare manutenzione a tutto ,paratoie, tubazioni ,pompe quadri elettrici cavi struttur anche esterne. invce si lascia tutto andare. NON ANDRA MAI IN FUNZIONE:. scommetterei UN MILIARDO di euri. ringo alberoni