Giovedì 11 Ottobre 2018, 11:48

Il Pronto soccorso cade a pezzi: lo tiene in piedi il personale

PER APPROFONDIRE: adria, degrado, ospedale, pronto, soccorso
Il Pronto soccorso  cade a pezzi:  lo tiene in piedi il personale

di Guido Fraccon

ADRIA - La sala d'attesa di un Pronto Soccorso rappresenta il più delle volte il biglietto da visita di un ospedale. Se la regola vale per tutti i nosocomi, questo non si può dire per l'ospedale di Adria.
La sala d'attesa del Pronto Soccorso infatti versa in pessime condizioni. La situazione è sotto agli occhi di tutti tra sedute rotte e sedie spellate. Un'immagine che si protrae da circa due mesi e che rischia di gettare discredito all'intera sanità locale. Secondo le segnalazioni sono almeno sessanta giorni che lo stato della sala è in queste condizioni. E da altrettanto tempo è stato tolto il contenitore dell'acqua da bere.
Ci sono anche cartelli che invitano a non usare alcune poltroncine perché rotte o rovinate.
CONTINUA A LEGGERE L'ARTICOLO
Condividi su Google+ Commenta
<< CHIUDI
CONDIVIDI LA NOTIZIA
Il Pronto soccorso cade a pezzi: lo tiene in piedi il personale
CONDIVIDI LA NOTIZIA
DIVENTA FAN
SEGUICI SU TWITTER
COMMENTA LA NOTIZIA
2 di 2 commenti presenti
2018-10-12 18:40:52
Andate a vedere come sono i pronto soccorso degli ospedali oltre il sacro fiume. Non se ne salva uno e vengono tutti a farsi curare nei nostri ospedali togliendo posti a noi indigeni
2018-10-11 13:02:54
Gare d'appalto a ribasso per per l'arredamento ospedaliero, nel quale non tengono conto del materiale e l'uso a lungo termine dei prodotti assegnati. Quel tipo di sedie non dovrebbe essere a disposizione come nelle sale di attesa pubbliche in quanto igenicamente non conformi. I tessuti e i loro interni possono annidare contaminanti tipo parassiti portatori di malattie virali o batteriologiche. Questo avviene anche negli arredi dei sedili dei treni e autobus di linea. E' possibile comunque sostituire questo tipo di sedie e sedili con sedie inifughe e comode. Trattasi di ergonomia. Studiare e mettere in pratica.