La rivelazione: nell'appartamento di Marco e Gloria anche due amici

La rivelazione: nell'appartamento
​di Marco e Gloria anche due amici

di Marco Corazza

SAN STINO DI LIVENZA - «Nell'appartamento di Marco e Gloria erano in quattro». A comunicarlo è Gianni Gottardi, il papà del giovane architetto di San Stino di Livenza. «Marco e Gloria quando è scoppiato l'incendio stavano dormendo - spiega - me lo disse Marco al telefono. Poi erano stati chiamati dai vicini di casa che, vedendo le fiamme si erano preoccupati e avevano cercato conforto a casa dei nostri ragazzi».

GUARDA Grenfell Tower, ecco cosa resta degli appartamenti distrutti dall'incendio
 
 


LA RICOSTRUZIONE
Sembrerebbe confermato che l'allarme anti-incendio non sia entrato in funzione dal momento che i due architetti stavano dormendo, nonostante le fiamme fossero già alte, tanto da preoccupare la coppia di vicini che vivevano nello stesso pianerottolo. «Le due persone che vivevano nell'appartamento attiguo - spiega il papà - si erano rifugiate a casa di Marco e Gloria perché dal loro lato del grattacielo, il rogo aveva già raggiunto il ventitreesimo piano». Un incendio che si è sviluppato in pochi minuti ed ha avvolto, risalendo di piano in piano, tutta la Grenfell Tower. La Farnesina ed il Consolato a Londra ci hanno però comunicato che gli addetti non hanno ancora raggiunto il ventitreesimo piano per un questione di sicurezza. Quindi ufficialmente i corpi non sono ancora stati trovati e per questo non sappiamo nemmeno quando rientreranno in Italia»...
 

 
 
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Lunedì 19 Giugno 2017, 08:26






Condividi su Google+ Commenta
<< CHIUDI
CONDIVIDI LA NOTIZIA
La rivelazione: nell'appartamento di Marco e Gloria anche due amici
CONDIVIDI LA NOTIZIA
DIVENTA FAN
SEGUICI SU TWITTER
COMMENTA LA NOTIZIA
1 di 1 commenti presenti
2017-06-20 18:26:55
I pompieri potevano usare aerei Canadair è buttare acqua o liquido riguardante, sono convinto che è meglio usare anche metodi Non convenzionali in città piuttosto che non fare niente