Perché è difficile che questo governo, nonostante ciò che dicono Di Maio e Salvini, duri 5 anni

PER APPROFONDIRE: governo, lega, luigi di maio, m5s, matteo salvini
Egregio Direttore,
vorrei fare un commento sulla più usata delle affermazioni che, in questo periodo, sentiamo dai politici che ci governano: le cose che proponiamo sono volute dalla maggioranza degli italiani. E questa frase mi permetto di contestarla. Che il contratto di governo abbia stabilito un accordo secondo il quale io approvo una proposta tua e tu approvi una proposta mia e stiamo assieme al governo è un dato di fatto. Ma da questo ad affermare che i progetti di riforma rappresentino la volontà della maggioranza della popolazione ce ne passa, in quanto progetti presentati dal solo movimento 5 stelle o dal solo centro destra o dalla sola Lega. E quindi tutte proposte che sono state ben al di sotto del 40% dei voti. E mi permetto questa considerazione da, ormai ex, sostenitore del partito di Salvini.
Andrea Gullino
Martellago (Ve)


-- --

Caro lettore,
il contratto è un accordo di governo. Non rappresenta ciò che vuole la maggioranza degli italiani, ma fissa le priorità programmatiche delle due forze politiche uscite vincenti alle ultime elezioni e che quell'accordo hanno sottoscritto. La debolezza o, se si preferisce, l'anomalia di quell'accordo sta nell'accordo stesso che è il risultato di un patto tra due forze politiche che, in condizioni di normalità, starebbero su fronti contrapposti e si contenderebbero, l'una contro l'altra armata, la guida del governo e che invece oggi si trovano a condividere le responsabilità della guida del Paese. Le difficoltà che il governo incontra sul suo percorso derivano essenzialmente da questo: Lega e M5s condividono alcune posizioni politiche (per esempio l'avversione per l'attuale gestione Ue) ma, di fondo, sono l'espressione di mondi spesso molti distanti fra di loro e portatori di esigenze confliggenti. Lo si registra quotidianamente su tanti temi, dalla giustizia alle grandi opere passando per la politica economica. I leader delle due forze politiche nonchè vice primi ministri continuano ad affermare che, nonostante tutto, quello guidato da Conte sarà un governo di legislatura, che durerà 5 anni. Mi permetto, per le ragioni che ho cercato di indicare, di pensarla diversamente
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Sabato 24 Novembre 2018, 05:05






Condividi su Google+ Commenta
<< CHIUDI
CONDIVIDI LA NOTIZIA
Perché è difficile che questo governo, nonostante ciò che dicono Di Maio e Salvini, duri 5 anni
CONDIVIDI LA NOTIZIA
DIVENTA FAN
SEGUICI SU TWITTER
COMMENTA LA NOTIZIA
5 di 17 commenti presenti
2018-11-25 11:15:52
Oserei dire , meglio tardi che mai, comunque al di la di come la si pensi sarebbe buona regola ogni 10 anni cambiare, come si è fatto con il PD, che secondo me immeritatamente è stato mandato all'opposizione, e ha evidenziato, ma non c'e' ne era bisogno, che la sinistra in Italia è quasi niente ed il centro sinistra una cospicua minoranza, detto ciò, l'operazione lega-Grillo non è derivata da un accordo politico che si impegnava a cambiare veramente le regole e anche se il "popolo" esprime vasto consenso, il cosiddetto contratto è stato stipulato da parte della lega nazionale, per mera sete di potere, convinta di saper amministrare l'Italia visto che sgoverna al Nord, e da parte dei grillini la certezza di dominare la macchina pubblica avendo imparato come si fa un decreto, o come si dice in aula al Senato o Camera "sospendo la seduta". Dureranno? forse è meglio parlare di legislatura, visto che nessuno vuole le elezioni, anche perchè sarebbe difficile ripromettere tutte quello che fin'ora ci è costato 1,5 miliardi senza muovere un dito.
2018-11-25 10:21:25
Qualcuno deve essere stato dal mago Telma per sapere che nel 2019 il governo cadra. Sinceramente ne sarei felice...il "Felpa"non mi ha mai convinto e mai piaciuto...( la sua politica basata sul nulla )ma cosi va il mondo e dobbiamo prenderne atto.
2018-11-25 06:44:39
In campagna elettorale, se si ha memoria, uno dei loro slogan era che i capi di governo e ministri del precedente NON ERANO STATI ELETTI DAL POPOLO, poi sifrugava nei titoli accademici dei ministri e ministre. Mutate mutandis, ci ritroviamocon un miscugliodidue partiti che non quagliano, capo di governo e ministri nominati,proposte che gia ci sono sottoaltronome.Il reddito d icittadinanza gia' c'e', com epure patrimoniale cammuffata eun'infinita' di balzelli, pure le sanzioni a raffica.Non ci si muove piu' per strada, si va in ansia.Come nelMedio Evo, adogni angolo ed ogni confine, ipuo' lasciare unbalzello per ilsemplic epassaggio.Metterenno una tassa sul passaggio sui ponti? mettono telecamere e poi ti arriva fattura ocomplessiva a casa con la tua targa e le date ed ore..in periododi tredicesima ,lascia fare al pontevelox. Quanto alla trattativa con l'Europa, ci arriva Crozza a dare il sunto di come potrebbe andare a finire .
2018-11-24 21:09:21
Maggio 2019.... Quella sarà la data della svolta. Se Salvini andrà oltre il 30% il governo cadrà poco dopo... È già scritto.
2018-11-24 19:54:09
Entrambi i contendenti non hanno nessun interesse a darsi battaglia quindi colludono, come la nota strategia nella "Teoria dei Giochi". Dovranno essere altri a spodestarli altrimenti a costo di impegnarsi le famiglie, ce li ritroviamo insieme per 30 anni.