«Pronti alle barricate», i sindaci minacciano battaglia sui profughi

PER APPROFONDIRE: bagnoli, profughi, protesta, sindaci
«Pronti alle barricate», i sindaci minacciano battaglia sui profughi

di Nicola Benvenuti

BAGNOLI - Pronti alle barricate. I sindaci della Bassa padovana minacciano battaglia se non diminuirà il numero di richiedenti asilo stipati nei centri di accoglienza della zona. «La misura è colma. Si devono chiudere subito le grandi concentrazioni della vergogna: San Siro e Conetta devono essere svuotate. Da oggi tappezziamo il distretto del profugo con striscioni che chiedano la chiusura degli hub». Parole di fuoco quelle del primo cittadino di Bagnoli, Roberto Milan, che è sceso in piazza ieri mattina con i colleghi di Agna, Gianluca Piva, e Cona, Alberto Panfilio. I sindaci si sono presentati con la fascia tricolore alla manifestazione, organizzata dopo la tentata violenza sessuale ai danni di una quarantenne da parte di uno straniero, che contava circa 300 persone.

Sul palco, davanti al municipio di Bagnoli, anche i sindaci di Arre, Bovolenta, Saletto di Montagnana e Polverara, venuti a dare manforte. Nessuna bandiera di partito presente alla manifestazione e nemmeno i comitati in forma ufficiale. Tanto che si vociferava di un certo disappunto della Lega Nord, che si sarebbe sentita scippata dell'iniziativa dai sindaci che, proprio perché hanno appartenenze politiche diverse, hanno insistito per una protesta di carattere istituzionale, anche se con toni forti e ultimativi per il Governo.
 
 

Lunedì 20 Marzo 2017, 05:03




Condividi su Google+ Commenta
<< CHIUDI
CONDIVIDI LA NOTIZIA
«Pronti alle barricate», i sindaci minacciano battaglia sui profughi
CONDIVIDI LA NOTIZIA
DIVENTA FAN
SEGUICI SU TWITTER
COMMENTA LA NOTIZIA
5 di 54 commenti presenti
2017-03-20 12:06:01
Ma fate le barricate per cose più serie, dai, fate il favore........ciao.
2017-03-20 11:04:32
Per vostra informazione: la RAI (che pur paghiamo) NON ha dato NESSUNA notizia su Bagnoli ed il tentato stupro, avvennuto intorno alle 20. Ha riportato invece come prima notizia di cronaca, il pestaggio di un disgraziato del Bangladesh su un treno a Roma. Praticamente, nessun altro media ha riportato questa notizia, considerata "Veneta" e quindi totalmente IGNORATA, minimizzata o DERISA a livello nazionale......i Veneti (i piu' sono convinti) accettano TUTTO ...nuovi migranti (anche senza documento alcuno), nuove tasse, nuova corruzione, e cosi' via...DEGRADO questo e' quello che i prefetti e l'autorita' centrale ci impongono ed e'...vietato ribellarsi.
2017-03-20 11:10:19
purtroppo siamo governati da complici dell'immigrazione a tutti i costi ecco le conseguenze....
2017-03-20 11:36:33
basta votare PD.. Ci porta allo sfascio frontiere colabrodo aperte a tutta l africa.. perfino dal algeria arrivano in sardegna .. non vanno in francia o spagna . tutti qua .. accolti tutto gratis ...che paese finito!!
2017-03-20 11:25:30
Basta! I nostri politici se li portino a Montecitorio o a casa loro; Che importunino le persone è cosa abominevole. La misura è colma.....o il governo provvede oppure si finisce con una vera guerra in casa nostra. Spero che capiti a qualche persona degli alti scanni...forse allora prenderanno provvedimenti. Tutti questi fatti mi han fatta mutare idea sull'accoglienza......gli indesiderati si buttano fuori a calci sul sedere!|