Morfina al neonato, il legale «Così l'infermiera ha salvato la vita al piccolo»

Federica Vecchini
VERONA - «La mia assistita  si professa estranea ai fatti» è la dichiarazione del difensore dell’infermiera veronese  Federica Vecchini, la donna arrestata con l'accusa di aver somministrato senza ricetta della morfina a un neonato, provocandogli un'overdose. L’avvocato Massimo Martini spiega: «Ha praticato un intervento salvifico del bambino sulla base della sintomatologia che presentava in quel momento, perché è un’infermiera esperta e specializzata in situazioni critiche».

I sospetti si sarebbero concentrati su di lei, perché ha capito subito come intervenire per salvare il neonato, mentre in realtà - sostiene la difesa - avrebbe semplicemente fatto bene il suo lavoro, riconoscendo il problema all’origine. È questa la posizione dell’infermiera, che oggi si ritroverà faccia a faccia con il giudice per le indagini preliminari Livia Magri.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Venerdì 4 Agosto 2017, 11:35






Condividi su Google+ Commenta
<< CHIUDI
CONDIVIDI LA NOTIZIA
Morfina al neonato, il legale «Così l'infermiera ha salvato la vita al piccolo»
CONDIVIDI LA NOTIZIA
DIVENTA FAN
SEGUICI SU TWITTER
COMMENTA LA NOTIZIA
5 di 23 commenti presenti
2017-08-05 11:03:42
E' strano che abbia trovato l'antidoto pero' prima di condannare una persona e sbatterla in prima pagina definendola mostro bisognerebbe aver raccolto tutte le prove ed aver fatto un processo equo...e come dice giustamente antonio da padova a proposito dell'infermiera che si faceva i selfie con i vecchietti...comportamento moralmente discutibile...ma da qui ad avvelenarli ce ne passa...Poi che ci siano ospedali e case di riposo che ne fanno di ogni e' appurato...Quello che mi fa specie e' che a persone che colte sul fatto perche' si sono macchiate di crimini efferati si invoca la privacy...in questo caso in cui c'e' solo un sospetto ma mancano le prove hanno sbattuto quella povera crista in prima pagina...con questo non voglio dire che magari non sia colpevole ma almento aspettare la conclusione delle indagini...
2017-08-05 10:32:22
Abbiamo assistito a troppe "certezze" giudiziarie, enfatizzate da stampa e tv per dare acriticamente credito adesso (sottolineo: adesso) a certe notizie. E' di pochi giorni fa l'assoluzione PERCHE' IL FATTO NON SUSSISTE (rip.: NON SUSSISTE) dell'infermiera che si faceva i selfie con le vecchiette defunt e mandata a giudizio per avvelenamenti vari.
2017-08-04 19:09:08
Quindi per lo stesso principio posso somministrare dell'arsenico a questa infermiera perché, per il mio giudizio, è una donna fastidiosa?
2017-08-04 18:55:18
Scoperta casa di riposo privata in cui , tra l'altro che non dico, si somministravano in abbondanza ansiolitici.Insomma: vecchi e bambini uniti nella steessa sorte di persecuzione in quanto "rognosi"
2017-08-04 18:32:35
E' strano. Per la maggior parte delle volte il nome non viene espresso ed e' tanto se vengono messe le iniziali. per quanto riguarda la foto del soggetto poi, o non c'e' proprio mai oppure il volto viene travisato. In questo caso invece fiato alle fanfare.