Overdose da morfina al neonato, infermiera arrestata. «Era un bimbo rognoso»

Federica Vecchini
VERONA  - Aveva definito il neonato «rognoso» mentre lo teneva in braccio davanti alle colleghe, l'infermiera 43enne Federica Vecchini arrestata a Verona dalla squadra mobile per aver somministrato senza alcuna prescrizione medica della morfina ad un piccolo, provocandogli una overdose e un arresto respiratorio. Il neonato era ricoverato presso la terapia intensiva neonatale dell'ospedale civile di Verona. Dagli esami che sono stati effettuati successivamente è stata confermata la presenza di oppioidi nel sangue.

L'episodio sul quale hanno indagato gli agenti dopo la segnalazione dell'Azienda ospedaliera risale alla notte tra il 19 e il 20 marzo scorso. Prima dell'overdose, il bimbo stava benissimo, non assumeva alcun farmaco ed era stata programmata la sua dimissione per il giorno successivo. Dopo la mezzanotte il neonato inspiegabilmente aveva subito ripetute crisi respiratorie, tali da rendere necessario il suo trasferimento in una stanza di cura intensiva per praticare le manovre di rianimazione.
Con il peggiorare del quadro clinico, la stessa infermiera ha ordinato a una collega di somministrare un farmaco antagonista degli oppiacei, come la morfina, indicando anche il dosaggio. Immediatamente dopo il neonato aveva ripreso a respirare autonomamente. Dagli accertamenti medici è emerso che la crisi respiratoria era stata dovuta proprio all'assunzione di morfina, avvenuta poche ore prima della crisi. Secondo gli investigatori, non si è potuto trattare di un errore, in quanto la morfina viene somministrata ai neonati per via endovenosa e non orale o nasale. A destare sospetti è stato il fatto che l'infermiera, durante l'indagine interna avviata dall'Asl, aveva dichiarato di non ricordare chi avesse ordinato la somministrazione del farmaco antagonista agli oppiacei, mentre le testimonianze concordavano che fosse stata proprio la donna ad aver accudito il bambino con una collega e di essere stata sempre lei a ordinare con sicurezza la somministrazione del farmaco anti-morfina. In più, una collega ha raccontato che l'infermiera le aveva confidato di fare abituale utilizzo di morfina e benzodiazepina, pur in assenza di prescrizione, somministrandola ai neonati per via orale o nasale per farli stare tranquilli, senza rendersi conto dei pericoli.

La squadra mobile di Verona sta compiendo accertamenti per verificare se l'infermiera avesse compiuto la stessa azione anche in passato. Lo ha detto il dirigente della squadra mobile Roberto Di Benedetto, illustrando in conferenza stampa le indagini che hanno portato all'arresto della donna.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Giovedì 3 Agosto 2017, 10:09






Condividi su Google+ Commenta
<< CHIUDI
CONDIVIDI LA NOTIZIA
Overdose da morfina al neonato, infermiera arrestata. «Era un bimbo rognoso»
CONDIVIDI LA NOTIZIA
VIDEO
DIVENTA FAN
SEGUICI SU TWITTER
COMMENTA LA NOTIZIA
5 di 26 commenti presenti
2017-08-05 08:28:04
sollevamento popolare contro questa donna che, dopotutto alla fine ha salvato la vita al neonato. Vergognatevi. Prima di condannare bisogna essere certi della sua malafede. Perché non ci si accanisce contro i casi piu' eclatanti? Gli investitori con le auto ad esempio oppure chi guadagna con l'immigrazione clandestina
2017-08-05 04:18:08
La parola rognoso l'ha usata.Quindi e' in colpa. Ma che ci stai a fare al lavoro se non sai farlo con pazienza. Via, licenziamento e benvenuto uno migliore. Paga i danni vipera!
2017-08-04 18:16:10
I bambini sono la cosa più preziosa che abbiamo sono il futuro è l'amore incondizionato chi li tocca deve sparire dalla faccia della terra ...ciao cucciolo per fortuna stai meglio
2017-08-04 17:36:55
Chissa' se questa e' la prima volta che sta infermiera ha somministrato la morfina o altro narcotico o l'inizio di una serie... Povero piccolo, speriamo se la cavi bene adesso.
2017-08-04 10:52:43
Inutile fare commenti prima ancora di capire la causa. So soltanto che anche lei ha tre figli, essendo mamma e importante per capire cosa l'ha spinta (sempre se e stata lei) ad arrivare a fare quel gesto.Quante sparate buttate a l'aria