Mercoledì 12 Dicembre 2018, 22:46

«Cacciato dal Patriarca, non ci sto». Sacerdote rifiuta il trasferimento e accusa

PER APPROFONDIRE: d'antiga, moraglia, san marco
Don Massimiliano D'Antiga e il patriarca di Venezia Francesco Moraglia

di Alvise Sperandio

«Io, a San Marco a fare il chierichetto dei canonici, non ci vado. Sabato mi ritiro dal ministero ed esco di scena. Mi astengo per un periodo di riflessione, ma la mia prima scelta è rinunciare al sacerdozio in distonia col trattamento ricevuto». 
È durissima la reazione di don Massimiliano D’Antiga alla scelta del patriarca Francesco Moraglia di toglierlo da San Salvador e San Zulian per mandarlo, senza un ruolo preciso, in basilica. E per tutta risposta il sacerdote annuncia di voler gettare la spugna. 
CONTINUA A LEGGERE L'ARTICOLO
Condividi su Google+ Commenta
<< CHIUDI
CONDIVIDI LA NOTIZIA
«Cacciato dal Patriarca, non ci sto». Sacerdote rifiuta il trasferimento e accusa
CONDIVIDI LA NOTIZIA
DIVENTA FAN
SEGUICI SU TWITTER
COMMENTA LA NOTIZIA
5 di 41 commenti presenti
2018-12-14 13:17:41
Bisogna ragionare tenendo presente il contesto, quello ecclesiastico, per non perdere la bussola. Quindi il sacerdozio e' una vocazione e non certo un mestiere, ergo i commenti che trattano il sacerdote alla stregue di un lavoratore hanno poco pregio nel caso di specie, ivi comprese le pretese del Don. Poteva mettere in luce problemi e incombenze delle parrocchie che guidava, certamente non porre in dubbio la decisione del Patriarca. Per essere il primo devi essere ultimo, passando per l'obbedienza e liberandoti dell'orgoglio per le cose fatte (non sappia la destra cosa fa la sinistra).
2018-12-14 12:44:13
Perché fare il chierichetto è forse un disonore ? L'umiltà che dovrebbe contraddistinguere un uomo di Chiesa dov'è finita?
2018-12-14 11:56:04
E' che si spreta per godersi una vita agiata, altrimenti Moraglia farebbe bene a sbatterlo nelle missioni in Africa!
2018-12-14 11:11:45
E’ bellissimo capire chi difende anche cio’ che e’ indifendibile. Leggete il Gazzettino di oggi e capirete altre cose del Don Massimiliano (o dovrei dire Massimiliano, visto che non sembra tanto sicuro di cio’ che vuole essere). Chi scrive in sua difesa sono solo persone della sua cerchia e la sorella. Come e’ bello vedere che quando ti tolgono il salvadanaio di famiglia ti vengono i dubbi sulla tua fede. Sembra di essere tornati indietro nel Rinascimento o nel Medioevo dove i “devoti” della Chiesa vendevano le pseudo-reliquie dei vari Santi o le cariche Ecclesiastiche. Cara signora “veneziana”, ognuno puo’ trovare il tempo per far sentire il proprio disgusto per fatti che rendono la Fede e la Religione uno mera opera monetaria. TIC.. TOC.. il tempo passa e la Giustizia Divina si abbattera’ su chi pratica la Cupidigia (peccato Capitale).
2018-12-14 10:59:56
@veneziana: premesso che i fedeli non sono "suoi" e nemmeno la Chiesa è "sua" (l'uso di questi possessivi fa pensare, in effetti) è così "pronto" che si autosospende ovvero dichiara di voler fare quello che vuole. Reazione emblematica.