Allarme Oms, macellaio tappezza
la vetrina di cartelli per protesta

PER APPROFONDIRE: cartelli, macellaio, protesta, scorze, vetrina
La rivolta del macellaio: carne rossa? ​Ve lo dico io cosa fa male davvero
SCORZE' - Un'immagine che la dice davvero lunga sulllo stato d'animo di un ironico macellaio di Scorzè, Mauro Bortolato. Il libero professionista ha reagito così all'allarme lanciato dall'Oms che, evidentemente, sta causando una flessione anche ai suoi affari.



E allora, avrà pensato, occorre comunicare meglio e nel dettaglio cosa fa bene alla salute e cosa no. Un esempio? Alcune verdure sono piene di pesticidi, il pesce di mercurio, e poi va oltre: gli industriali inquinano, l'aria è irrespirabile, i politici rubano e così via...



© RIPRODUZIONE RISERVATA

Giovedì 29 Ottobre 2015, 10:12






Condividi su Google+ Commenta
<< CHIUDI
CONDIVIDI LA NOTIZIA
Allarme Oms, macellaio tappezza
la vetrina di cartelli per protesta
CONDIVIDI LA NOTIZIA
DIVENTA FAN
SEGUICI SU TWITTER
COMMENTA LA NOTIZIA
5 di 21 commenti presenti
2015-10-30 12:56:53
.... fa male tutto ciò che non fa bene... specialmente il superfluo ( necessario rubato ad altri )...
2015-10-30 09:41:22
L'oms non fa altro che prendere atto degli studi scientifici. E ormai tutti gli studi condotti scientificamente, quindi inconfutabili, lo confermano: le carni elaborate (wurstel, insaccati, prosciutti ecc) provocano uno stato di infiammazione dell'organismo che e' alla base di molti tumori. Questo ormai è assodato e inconfutabile. Fare paragoni con i nostri nonni è sbagliato: i nostri nonni mangiavano carne e salumi 2 volte l'anno e quella che mangiavano non conteneva le sostanze chimiche inserite adesso negli insaccati o date da mangiare ai bovini che vengono macellati e poi facevano lavori di fatica, quindi molto movimento. Detto questo, se una persona mangia carne una volta, 2 volte al mese non succede nulla. I problemi nascono quando si mangia carne tutti i giorni, oltretutto questa dieta iperproteica non è farina del nostro sacco ma l'abbiamo copiata dagli americani. Altra cosa copiata dagli americani è fare colazione con una bella tazza di latte tutte le mattine cosa che dopo l'adolescenza in poi fa malissimo (ormai molti studi lo confermano: l'abuso di latte, latticini e formaggi è alla base del tumore al seno). In Usa ormai una persona su 3 è colpita da tumore e qui non è che siamo tanto lontani da questa media, quindi farsi delle domande e non chiudere gli occhi ed accettare tutto quello che viene proposto, è giusto. Purtroppo sono stato colpito da tumore e giocoforza ho deciso di cambiare alimentazione, quindi zero carne e latte e farine raffinate, ho eliminato tutti i prodotti industriali (TUTTI, nel senso che al supermercato proprio non ci vado) e ho letto e studiato molte pubblicazioni scientifiche. Tra vivere, anche se con qualche privazione e morire ho scelto di vivere (spero) e godermi i miei figli. Poi vorrei anche confutare quello che dicono i nostri industriali: i nostri prodotti sono diversi da quelli americani. Basta andare su internet e vedere gli ingredienti di un wurstel made in usa e uno made in italy: sono gli stessi. Lo stesso vale per gli insaccati. Anche perché,dopo la seconda guerra mondiale, i processi di lavorazione sono stati tutti copiati o importati dagli Usa.
2015-10-30 09:10:13
No no... la carne fa male! Scolta... andiamo a far colazione da macdonald! scusa, hai da accendere?
2015-10-30 06:10:37
I miei Genitori, nati negli anni 20, mi raccontarono spesso della loro rabbiosa fame giovanile.La carne era un miraggio che si avverava solo nelle Feste Grandi ed in porzioni minimali da dividere tra i componenti di affollate tavolate di famiglie patriarcali.Per saziare la voglia di proteine...ricorrevano a caccia con fionda e trappole, pesca con attrezzature o tecniche artigianali.Finalmente negli anni'60, salumi e carne rossa diventarono più frequenti ..ma incominciarono pure i metodi di allevamento e infarcimento di chimica.
2015-10-30 00:19:06
Libero professionista Il libero professionista è un lavoratore che svolge un'attività economica, a favore di terzi, volta alla prestazione di servizi mediante lavoro intellettuale. L'attività svolta da tale soggetto è detta libera professione. ( fonte Wikipedia)