Pendolari "intrappolati" sul treno: porte bloccate, aperte a mano

Pendolari "intrappolati" sul treno: porte bloccate, aperte a mano

di Andrea Gardina

ROVIGO - Si appellano a maghi e cartomanti e addirittura chiedono la costruzione di una pista ciclabile per poter far prima, i pendolari della tratta ferroviaria Rovigo-Chioggia, vittime di un'odissea quotidiana che non trova fine. A dispetto degli annunci dei mesi scorsi di potenziamento del servizio, la situazione continua a peggiorare. Ieri un nuovo picco di disavventure quotidiane è stato toccato.

Stavolta ad essere interessate sono state le porte di alcuni treni, rimaste bloccate, costringendo a un super lavoro i macchinisti, che ad ogni stazione si sono dovuti adoperare per sbloccare le uscite ai viaggiatori, altrimenti costretti a rimanere a bordo. Un po' come su un autobus quando, a fermata richiesta, il conducente aziona il tasto di apertura delle porte: ma certo su un treno cose del genere non dovrebbero essere la normalità. Il treno delle 14.38 è stato soppresso appena venti minuti prima della partenza prevista e ritardi generali hanno visto protagonisti quasi tutti gli altri, con quelli serali che nei 15 km di percorrenza sono riusciti ad arrivare a quindici-venti minuti totali di ritardo.


 
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Venerdì 21 Aprile 2017, 05:02






Condividi su Google+ Commenta
<< CHIUDI
CONDIVIDI LA NOTIZIA
Pendolari "intrappolati" sul treno: porte bloccate, aperte a mano
CONDIVIDI LA NOTIZIA
DIVENTA FAN
SEGUICI SU TWITTER
COMMENTA LA NOTIZIA
1 di 1 commenti presenti
2017-04-24 07:38:08
Sempre in polesine....hahahahahahaahahahahahahaha....ciao.