Frasi razziste sul Facebook: a scrivere il dipendente comunale

Frasi razziste sul Facebook: a scrivere il dipendente comunale

di ​Federico Rossi

BADIA POLESINE - È bufera su un dipendente comunale finito nell'occhio del ciclone per essersi lasciato andare a esternazioni sui social che di certo mal si sposano con le deleghe a Cultura e Pari opportunità, da poco affidategli dal sindaco. Una delle frasi è stata inserita a commento di un articolo condiviso sul profilo Facebook dal capogruppo di minoranza Gianni Stroppa. Da qui ci è voluto poco perché l'eco dell'accaduto si diffondesse. Cittadini ed esponenti politici della minoranza hanno manifestato per i post del dipendente, fino alla nota di Adesso Badia in cui il consigliere Idana Casarotto riporta alcuni post, compreso un riferimento a Hitler.

«Chiediamo al sindaco e all'Amministrazione di prendere le distanze e provvedimenti urgenti - scrive Casarotto, ora all'opposizione, ma fino a poche settimane fa assessore alla Cultura -. Il dipendente, sul social network, ha pubblicamente dichiarato che L'Italia è un paese di bianchi commentando una notizia di attualità relativa alla scelta di un albergatore di non assumere un cittadino italiano per il suo colore della pelle. La cultura, ci chiediamo preoccupati, può essere messa sotto la responsabilità di chi condivide simili opinioni e quindi rinnega spudoratamente e con orgoglio i principi fondamentali della Costituzione? Il dipendente, a oggi, si troverebbe in ferie. E da parte sua, il sindaco Giovanni Rossi rimanda al mittente qualunque tipo di collegamento tra quanto scritto e il Comune sottolineando che come primo cittadino ha sì la responsabilità sul ruolo dei dipendenti, ma non su quanto scrivono o dicono.

«Innanzitutto sia chiaro che rifiuto ogni collegamento tra quanto scritto e la nostra amministrazione ha precisato Rossi . Valuteremo il da farsi, ma intanto mi limito a un'osservazione: il gruppo consiliare Adesso Badia, se lo crede giusto, può presentare formali denunce ma non deve strumentalizzare questa vicenda. E ricordo che anche nella precedente Amministrazione, dove erano presenti esponenti dell'attuale minoranza, si era già discusso in sede di giunta su frasi come queste postate sui social».
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Domenica 6 Agosto 2017, 18:58






Condividi su Google+ Commenta
<< CHIUDI
CONDIVIDI LA NOTIZIA
Frasi razziste sul Facebook: a scrivere il dipendente comunale
CONDIVIDI LA NOTIZIA
DIVENTA FAN
SEGUICI SU TWITTER
COMMENTA LA NOTIZIA
5 di 8 commenti presenti
2017-08-11 18:22:59
Non ha scritto nulla di male
2017-08-08 21:09:56
Sempre e comunque in Polesine ma boh ciao
2017-08-07 18:38:56
... uccidi la parola e uccidi l'uomo.. il razzismo vero unico e reale è quando la libertà d'opinione è negata. il resto è solo espressione di sudditanza psicologica e odio verso le proprie radici.. una maniacale forma di depressione identitaria che va ben oltre il suicidio collettivo..
2017-08-07 16:04:49
non è che uno nasce razzista. Ti ci fanno diventare razzista
2017-08-07 14:24:42
esattamente, in cosa consisterebbe l'affermazione razzista?