Melegatti chiude: deserta l'asta per rilevare la storica azienda di pandori

PER APPROFONDIRE: asta, fallimento, melegatti
Melegatti addio: deserta l'asta per rilevare la storica azienda di pandori
Addio allo storico marchio del pandoro veronese Melegatti. Quello del 2018 sarà il primo Natale negli ultimi 124 anni, che sotto gli alberi di luci e colori non vedremo il logo del gruppo veneto, il cui fallimento era stato dichiarato lo scorso maggio. L’asta per rilevare l’azienda è infatti andata deserta: nessuno si è fatto avanti. Nonostante i gruppi interessati non mancassero, alle 12 del 27 luglio - orario e data di scadenza per le offerte - nessuna proposta è stata presentata.

Il tribunale potrebbe anche dare il via libera a una nuova asta. Ma i tempi saranno indubbiamente lunghissimi per l’azienda che da oltre un secolo produce i pandori. E' praticamente così svanita la speranza di far ripartire lo stabilimento di San Giovanni Lupatoto nel Veronese e avviare la campagna natalizia.

I dipendenti in queste settimane avevano mantenuto in vita il lievito madre utilizzato dal 1894 per produrre il pandoro, nella speranza di riprendere l'attività. Un lievito storico, più che centenario, sempre mantenuto in vita, che ora vogliono salvare comunque.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Sabato 28 Luglio 2018, 19:20






Condividi su Google+ Commenta
<< CHIUDI
CONDIVIDI LA NOTIZIA
Melegatti chiude: deserta l'asta per rilevare la storica azienda di pandori
CONDIVIDI LA NOTIZIA
DIVENTA FAN
SEGUICI SU TWITTER
COMMENTA LA NOTIZIA
5 di 21 commenti presenti
2018-07-30 08:53:48
Dov' e' quell' esperto, quel capitano d'industria, quell'economista da Nobel che si era permesso di rintuzzarmi nei commenti quando mesi fa dicevo che, nonostante i proclami, l'asta Melegatti sarebbe andata buca comunque ? Dove sei, professore ?
2018-07-29 19:13:52
E pensare ad un crowdfunding per rilevare l'azienda alla prossima asta, in modo (poi) da farla gestire ai dipendenti in cooperativa? E' pur sempre un patrimonio locale!
2018-07-29 18:11:31
Ma con tutti i pandori acquistati da enricchietto2 è fallita lo stesso?Enricchietto,sempre il solito fanfarone stile lega.......ora il triste destino tocca alla Zara....se si sono impegnati Zaia e Fedriga......io una toccatina me la darei.....
2018-07-29 12:27:21
Non vi nascondo che qualche lacrima mi e' scesa leggendo la costanza di lottare di questi lavoratori che ammiro e a cui faccio tati auguri per un futuro positivo. Detto questo i sindacati c'entrano eccome! Solo che in italia non svolgono correttamnete il loro ruolo. Che politiche hanno svolto per la tutela del lavoro nazionale e degli italiani? Perche' deve comandare industrialmente la Germania? I sindacati servono eccome ma non quelli italiani che vanno a contrattare senza il consenso dei lavoratori. In germania il sindacato viene mantenuto SOLO dagli iscritti e con i SOLDI degli iscritti che quindi beneficiano dei contratti. Non come in italia dove io che non sono iscritto subisco i diktat_ collusivi padronato sindacato anche se in disaccordo. Qual'e' allora la differenza tra sindacati italiani e tedeschi? Che quelli tedeschi vanno a trattare nell'unico interesse del lavoratore e spingono per stipendi e politiche migliori altrimenti NON ricevono soldi e deleghe!! In Italia se ne fregano tanto sono legittimati in ogni caso (come parti sociali) anche senza consenso..che truffa!
2018-07-29 14:11:53
Concordo in pieno.