Caporalato, l'allarme della Pimi: «Qui lavoro onesto, le vere vittime siamo noi»

PER APPROFONDIRE: caporalato, indagine, trebaseleghe
I responsabili dell'azienda Pimi di Trebaseleghe
Trabaseleghe - «Siamo un’azienda seria con le carte in regola. Siamo anche noi vittime. Vittime di personaggi che hanno evaso e non pagato i contributi». A parlare è Fabio Lamon, 67 anni, da 30 amministratore delegato e legale rappresentante della Pimi srl a Trebaseleghe, tra gli indagati dell’operazione Sardinia Job della guardia di finanza di Pordenone. Lamon è turbato, sconvolto e arrabbiato per quel che sta avvenendo. Assicura di essere «tranquillo e fiducioso nella magistratura. Tutti i nostri documenti sono corretti e depositati nello studio del nostro commercialista».

LEGGI ANCHE Caporalato, coinvolte tre aziende padovane
 

LEGGI ANCHE La fabbrica "fantasma" degli operai in nero per le aziende del Nordest

 La Pimi srl sorge nella zona industriale di Trebaseleghe, in via dell’Artigianato, ed è specializzata nella prefabbricazione e nel montaggio di tubature industriali. «Noi siamo a posto, non temiamo nulla» ribadisce Lamon, affiancato dal socio Domenico Baù, 63 anni, e al figlio Giordano 36 anni), ostentando serenità e tranquillità all’interno della loro azienda, che ieri mattina era operativa.

LEGGI ANCHE 
Le minacce al saldatore che osò lamentarsi: «Gli idioti come te li cancelliamo»
 
 
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Venerdì 12 Gennaio 2018, 06:30






Condividi su Google+ Commenta
<< CHIUDI
CONDIVIDI LA NOTIZIA
Caporalato, l'allarme della Pimi: «Qui lavoro onesto, le vere vittime siamo noi»
CONDIVIDI LA NOTIZIA
VIDEO
DIVENTA FAN
SEGUICI SU TWITTER
COMMENTA LA NOTIZIA
5 di 13 commenti presenti
2018-01-13 09:27:34
brutte storie da brutte zone.....mah......ciao enrico..ciao.
2018-01-12 13:00:58
azz tutti gli indagati si professano innocenti ed in regola...vuoi vedere che gli investigatori sono dei perditemo...a già sono impiegati statali che ostacolano l'iniziatia privata...
2018-01-12 12:05:45
il punto è che spesso si hanno picchi di lavoro improvvisi e serve personale aggiuntivo oltre a quello in forza in azienda...ciò determina la necessità di ricorrere a interinali o cooperative di lavoro...detto ciò quando io pago le fatture all'agenzia o alla cooperativa credo di poter dire di aver agito correttamente e di essere in pace con la coscienza....a chi fa certi commenti consiglio di aprire una partita IVA e poi ne riparliamo
2018-01-12 13:16:03
sono d'accordo, consiglio anch'io a tanti immprenditori incapaci di trovarsi un lavoro da dipendente
2018-01-12 14:52:57
nn preoccuparti che la selezione la fa il mercato, se un imprenditore è incapace chiude solitamente, se un dipendente è incapace va dai sindacati e il giudice del lavoro lo reintegra solitamente..