Turista padovano in bici travolto da un'aut, vola per 10 metri: morto sul colpo

Foto di archivio

di Luca Pozza

ASIAGO - Incidente mortale oggi lungo la provinciale "Fratellanza" che collega l'Altopiano dei Sette Comuni con il Bassanese, ai confini tra i comuni di Asiago e Lusiana, nel tratto compreso tra il ristorante "Al fungo" e la deviazione che conduce nella frazione Sasso, in un tratto non rettilineo. A perdere la vita un turista padovano, Roberto Meggiotto, 67 anni, nativo e residente a San Pietro in Gu, professione geometra, sposato, dipendente dello stesso comune (lavorava all'ufficio tecnico), salito nella stessa mattinata odierna dalla pianura per un tour in bici, che è stato investito da una Fiat Panda condotta da un uomo di Asiago, F. F.

Quest'ultimo, che viaggiava in direzione di Asiago, così come il ciclista, si sarebbe trovato di fronte la bici  all'improvviso (non è escluso che quest'ultimo possa essere sbandato, forse per una distrazione o per un malore) e nonostante un tentativo disperato di frenata, non ha potuto evitare l'investimento che è stato molto violento: il ciclista ha rotto con il capo il parabrezza, per poi essere proiettato in avanti per una decina di metri, rimanendo esanime sull'asfalto.

Immediato l'allarme lanciato dalla stesso conducente dell'utilitaria e da altri automobilisti, giunti qualche istante dopo sul luogo della disgrazia. Sul posto si è precipitata un'ambulanza del Suem 118, ma ogni tentativo di salvare il 66enne è stato vano: non è escluso che il decesso possa essere stato immediato. In un primo momento era stato fatto alzare in volo l'elisoccorso dall'ospedale di Trento, poi fatto rientrare quanto è stato accertato il decesso.

Rilievi in corso da parte dei carabinieri della stazione di Lusiana, raggiunti poi dai colleghi del nucleo operativo e radiomobile di Bassano del Grappa, che stanno cercando di ricostruire l'esatta dinamica dell'accaduto. 

Altri particolari sul Gazzettino del 21 Aprile
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Venerdì 20 Aprile 2018, 16:08






Condividi su Google+ Commenta
<< CHIUDI
CONDIVIDI LA NOTIZIA
Turista padovano in bici travolto da un'aut, vola per 10 metri: morto sul colpo
CONDIVIDI LA NOTIZIA
DIVENTA FAN
SEGUICI SU TWITTER
COMMENTA LA NOTIZIA
5 di 21 commenti presenti
2018-04-21 20:52:08
maurizzzio,"SE torna in italia!!!" ogni 2 mesi ci vengo per un fine settimana,poi ci vengo per le vacanze estive [1 Luglio, 15 Settembre] strano ma vero, avendo la moglie italiana, "sono diventato [sulla carta] cittadino italiano" ho pure votato. il reddito!!! qui ha un'altro nome e chi ne ha bisogno ci vive mentre da voi [purtroppo] ci sono 15 milioni di poveri assoluti
2018-04-21 11:55:14
E ora comincia il calvario
2018-04-21 09:45:01
maurizzzio sempre con i SE e i NON, "SE non eri utente del forum NON scrivevi baggianate
2018-04-21 19:54:32
SE torna in italia che il reddito lo danno anche a lei. O e' diventato cittadino olandese ?
2018-04-20 21:54:39
Fatalità: a quell'ora ero a Campo Mezza Via e andavo verso Bassano. Una colonna lunga da una parte all'altra della strada. Non so per quanto tempo il traffico sia restato bloccato...penso almeno un'ora a far poco. Io sono arrivato in corrispondenza dell'albergo a destra della strada venendo da Bassano. Pensano ai tempi biblici di attesa causati dall'incidente (dovevo non perdere tempo per impellenti impegni a Bassano) ho invertito la marcia e per arrivare a Bassano ho percorso la strada che dal Turcio va a Gallio, poi a Foza e a Valstagna. Tempo perso: circa un'ora visto che ho allungato il percorso di venticinque chilometri almeno! Mi dispiace per chi ha lasciato la vita sulla strada ma...i cicloturisti in genere sono maleducati: viaggiano affiancati, se ne stanno anche in mezzo alla strada e se anche c'è la pista ciclabile precorrono la strada normale intasandola. Io quando li incrocio rallento e suono fino a quando non si mettono in modo di marcia corretto ma non tutti lo fanno specie se hanno fretta e magari forse non sono perfettamente lucidi. Questa secondo me è una morte annunciata! Che riposi in pace e che i cicloamatori rispettino il codice della strada!