«Colpito dagli schizzi di metallo fuso. E i vestiti ignifughi sono stati inutili»

«Colpito dagli schizzi di metallo fuso E i vestiti ignifughi sono stati inutili» /Foto

di Vittorino Compagno

VIGONOVO - «Mi sento un miracolato. Mi trovavo con un mio collega ad una cinquantina di metri dal luogo in cui è caduta la siviera, ossia il grande recipiente a forma di secchio che raccoglie il metallo fuso dal forno per essere trasportato e versato nelle apposite forme. Stavamo rivestendo all'interno con del materiale refrattario proprio una siviera di riserva. Il mio collega si trovava dentro il grande recipiente, mentre io ero all'esterno. All'improvviso c'è stato un gran botto. Mi sono girato e ho visto arrivare verso di noi una grande massa di materiale incandescente. Sono stato investito in tutto il corpo dagli schizzi che volavano dappertutto, ma sono riuscito a scappare prima che la massa incandescente che si stava allargando sul pavimento giungesse sotto i miei piedi».



PIEDI BRUCIATI
Al collega è andata decisamente peggio: «Lui, che inizialmente era stato protetto dagli schizzi perché si trovava all'interno della siviera, ha invece dovuto camminare sopra il materiale fuso. Si è bruciato tutti i piedi, nonostante indossasse le scarpe antinfortunistiche. Anche lui, mentre scappava, è stato investito dagli schizzi incandescenti in tutto il corpo. Uno in particolare, più grosso degli altri, lo ha colpito alla schiena procurandogli una grossa ferita. L'abbigliamento ignifugo non è servito a nulla. Gli schizzi fiammeggianti hanno forato i vestiti e ci hanno colpito in tutto il corpo, specialmente alla schiena, ai fianchi e all'addome. E' stato un inferno di fuoco».

LEGGI ANCHE Venerdì sciopero generale dei metalmeccanici in Veneto

Il 34enne Simone Vivian è un operaio di Vigonovo alle dipendenze di una azienda friulana che ha in appalto alla fonderia delle Acciaierie venete di Padova, in Riviera Francia, alcuni lavori di manutenzione. Tra i quattro feriti di domenica mattina, dopo il grave incidente successo all'interno di un capannone adibito ad altoforno, è quello che se l'è cavata meglio.
 
 
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Martedì 15 Maggio 2018, 15:35






Condividi su Google+ Commenta
<< CHIUDI
CONDIVIDI LA NOTIZIA
«Colpito dagli schizzi di metallo fuso. E i vestiti ignifughi sono stati inutili»
CONDIVIDI LA NOTIZIA
DIVENTA FAN
SEGUICI SU TWITTER
COMMENTA LA NOTIZIA
5 di 16 commenti presenti
2018-05-17 17:39:23
L'indumento ignifugo non è servito a nulla? Se non aveva indumenti idonei con particelle a 1600 gradi altro che scottature, lo avrebbero trapassato il corpo come burro. Si dichiari fortunato, e auguro una pronta guarigione ai suoi colleghi.
2018-05-16 21:32:39
caro Simone, un poco di rispetto per i tuoi colleghi che hanno veramente delle scottature importanti su tutto il corpo, quello che mostri tu non sono altro che dei brufoli se avessi avuto un centesimo delle scottature dei tuoi colleghi non saresti certo qui a mostrare le piaghe, te lo dice uno che si è fatto due mesi e mezzo di ospedale ed altri tre e mezzo a casa, se vuoi veramente vedere cosa sono le scottature vieni a casa mia che te le mostro a distanza di 32 anni
2018-05-16 14:32:55
Due cose: o han scelto i DPI sbagliati, o han funzionato egregiamente in quanto loro due sono ancora salvi. Il signore è un miracolato grazie ai Dispositivi di protezione che lo han protetto dal calore e han causato solo ferite di bruciatura. Metta un cero al produttor dei DPI.
2018-05-16 13:26:42
Vestiti fabbricati in Cina! Cosi aumentano i profitti...grazie Sindacati, RSU, addetti alla sicurezza...
2018-05-16 19:23:55
Devono essere marcati CE. Dunque pur prodotti in cina devono avere le stesse prestazioni di quelli prodotti in europa. Anzi visti i controlli per i DPI di terza categoria.....