Morto per lil sangue infetto, battaglia di mezzo secolo per avere ragione

Morto per il sangue infetto, battaglia  legale degli eredi per il risarcimento

di Olivia Bonetti

PIEVE DI CADORE - Carabiniere morto per la trasfusione di sangue infetto ricevuta all'ospedale di Pieve di Cadore: la famiglia chiede i danni al ministero della Salute per un milione di euro. La battaglia per vedere risarcito quanto patito era iniziata quando la vittima era in vita: l'uomo ha ottenuto una pensione e un risarcimento di quasi 400mila euro. Ma è morto prima di riceverli. Era il maggio 1972, quasi mezzo secolo fa, quando un carabiniere di Latina, allora 28enne, in servizio in Cadore, a seguito di un infortunio ebbe la necessità di una trasfusione. Venne ricoverato all'ospedale di Pieve di Cadore e tutto sembrò andare per il meglio. Nel 1996 la scoperta del virus: l'infezione ha determinato un'epatite cronica.

Poi, a seguito del maxi-scandalo del sangue infetto, il carabiniere si ricorda della trasfusione in Cadore e collega le due cose. Nel 2002 la certezza: l'infezione epatica dal Hcv, ovvero l'epatite C, è «di natura postrasfusionale». Comincia allora la battaglia legale. Il carabiniere  è mancato l'8 giugno  2016, a 72 anni. 

 
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Mercoledì 18 Ottobre 2017, 05:00






Condividi su Google+ Commenta
<< CHIUDI
CONDIVIDI LA NOTIZIA
Morto per lil sangue infetto, battaglia di mezzo secolo per avere ragione
CONDIVIDI LA NOTIZIA
DIVENTA FAN
SEGUICI SU TWITTER
COMMENTA LA NOTIZIA
5 di 14 commenti presenti
2017-10-18 14:58:23
Il virus del l'epatite C qualcuno lo ha preso dal dentista e qualcun altro lo ha preso dalle trasfusioni prima del 92, altri lo hanno preso dalle prostitute. Non so veramente come sia possibile stabilire se l'origine dell infezione del paziente sia stata proprio quella trasfusione del 72.potrebbe anche essere ma stabilirlo al cento per cento mi sembra molto audace.pensate che ad un infermiera che conosco non le hanno riconosciuto la TBC come infortunio sul lavoro in quanto le hanno detto che poteva averla contratta anche al supermercato.non ho parole
2017-10-18 14:09:26
Sono passati 45 anni, l'anziano signore è morto a 72 anni. L'epatite C è stata confermata come malattia nell'89! Che controlli se ne potevano fare nel '72?? La solita caccia ai risarcimenti facili. Mi auguro che i parenti perdano la causa.
2017-10-18 15:13:05
La causa l'hanno già vinta a maggio di quest'anno, ma notificata solo adesso all'avvocato. Imparare a leggere no eh.
2017-10-19 10:21:11
Riportano: "morto per la trasfusione di sangue infetto ricevuta all'ospedale di Pieve di Cadore: la famiglia chiede i danni ... per un milione di euro" quindi la causa è postuma la morte. Altrove ho trovato la seguente frase: "Una vicenda giudiziaria che non si conclude qui. «La sentenza tiene conto solo dell’invalidità del paziente» spiega l’avvocato di Latina Renato Mattarelli, «e non anche del successivo danno da cirrosi epatica e del danno da morte successiva. Per questo gli eredi dell’uomo, che si era illuso di aver superato la malattia, stanno per iniziare una nuova causa contro il Ministero della Salute per ottenere giustizia per la morte del loro congiunto e dei successivi danni»." Credo che non debba essere io quello che deve imparare a leggere, anche perchè prima di esprimere un parere io mi informo adeguatamente.
2017-10-19 11:22:26
"A fare giustizia, seppur dopo il decesso, è il giudice Carmen Bifano che ieri, con sentenza 8641/2017 del Tribunale di Roma, ha condannato il Ministero della Salute a riconoscere un risarcimento per il danno subito quasi 45 anni prima". «La sentenza tiene conto solo dell’invalidità del paziente» spiega l’avvocato di Latina Renato Mattarelli, «e non anche del successivo danno da cirrosi epatica e del danno da morte successiva. Per questo gli eredi dell’uomo, che si era illuso di aver superato la malattia, stanno per iniziare una nuova causa contro il Ministero della Salute per ottenere giustizia per la morte del loro congiunto e dei successivi danni». Come vedi le fonti sono le stesse. Si tratta di una nuova causa, stavolta riguarda la morte come conseguenza della malattia. Quindi abbiamo ragione entrambi. Io, a differenza tua, mi auguro che gli eredi vincano la causa.