Maltempo e tragedie, volontari delle pro loco in piazza: «Tutelateci»

Luca Zaia
VENEZIA - «Abbiamo portato la nostra solidarietà e abbiamo assicurato ai volontari che daremo il nostro aiuto alla loro difesa legale». A dirlo il governatore del Veneto Luca Zaia che ha incontrato, a Venezia, i volontari delle pro loco che hanno dato vita a una manifestazione per chiedere una legge che tuteli le associazioni da possibili risvolti giudiziari legati a fatti tragici derivanti dal maltempo, come quella di domenica scorsa nel bellunese.

«Basta - ha affermato Zaia - con gli esperti del giorno dopo, con gli illuministi del caso, che rivedono la storia con i se e con i ma. Siamo davanti a una tragedia, ma è vero anche che, in quell'area, da decenni si fa la stessa sagra e non è mai successo nulla. Si è trattato di una congiuntura astrale negativa, una bomba d'acqua "chirurgica", perché, a cento metri di distanza, non è caduta nemmeno una goccia. Da qui a imputare i volontari, quindi, ne passa». «Se - ha aggiunto - abbiamo decido di dare pieno sostegno alla difesa legale è perché si tratta di una pietra miliare dal punto di vista giurisprudenziale, perché se passa questo principio di responsabilità, un gran numero di volontari resterà a casa invece di promuovere la propria comunità. Non dimentichiamo infatti mai che si tratta di gente che lavora gratis per il Veneto».

 


IL PUNTO
Estate vuol dire tradizionalmente sagre, ma sempre più spesso anche furioso maltempo. Una combinazione micidiale, come si è purtroppo visto domenica pomeriggio alla sagra paesana di Marziai di Lentiai (il 77enne morto dopo la caduta di un albero) e venerdì sera alla festa campestre di Alverà a Cortina d'Ampezzo (la 61enne travolta e uccisa da una colata di detriti), ma anche tre anni fa alla festa dei omi al Molinetto della Croda a Refrontolo (quattro uomini stroncati dall'esondazione di un torrente che spazzò via una tensostruttura). È proprio dal dramma trevigiano che è scaturita la mobilitazione dell'Unione delle Pro loco, promossa a livello veneto e condivisa sul piano nazionale, dopo che in ambito locale erano state anche sospese le attività estive in segno di solidarietà con l'associazione. Sul presidente locale Valter Scopel pende infatti una richiesta di rinvio a giudizio (insieme a tre tecnici e progettisti) per omicidio colposo plurimo e disastro colposo. Inoltre sullo stesso sodalizio grava una richiesta di risarcimento danni per 2,5 milioni di euro. «Una Pro loco non può essere assolutamente tacciata di imprudenza perché nessun pericolo incombeva, né era neppure potenzialmente prevedibile», si legge nel Manifesto solidale e di buon senso stilato dall'Unpli, che finora ha raccolto più di diecimila firme.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Martedì 8 Agosto 2017, 12:30






Condividi su Google+ Commenta
<< CHIUDI
CONDIVIDI LA NOTIZIA
Maltempo e tragedie, volontari delle pro loco in piazza: «Tutelateci»
CONDIVIDI LA NOTIZIA
DIVENTA FAN
SEGUICI SU TWITTER
COMMENTA LA NOTIZIA
1 di 1 commenti presenti
2017-08-10 14:00:21
Qualsiasi ristoratore deve disporre di bagni per clienti separati da quelli per il personale, di cucine a orma, di illuminazione di emergenza.... E se u ospite inciampa scendendo dalle scale, è chiamato a risarcirlo. I "signori" delle PRO-LOCO sponsorizzano pseudosagre e fantasiose ricorrenze impiantando "tendoni" e cucine ... non proprio perfette, senza servizi igienici degni e tutto il resto che conosciamo. E se succede qualsiasi cosa, non prevista per superficialita', non vogliono aver responsabilita'. E trovano l'appoggio dei politici, che dai primi ricevono laute imposte e dai secondi..... Sapremo ricordarci di chi accoglie le loro richieste!!!!