Guerra simulata nei cieli bellunesi, da domani coinvolti sette Paesi

PER APPROFONDIRE: belluno, guerra simulata, internazionale
Guerra simulata nei cieli bellunesi, da domani coinvolti sette Paesi
BELLUNO - Belluno teatro di guerra. Ma solo per finta. I cieli della provincia finiscono nello scacchiere dell'addestramento dell'aeronautica militare. Da domani al 28 giugno prossimo andranno in scena i corsi operativi per il recupero di personale civile e militare in ambiente ostile. Tradotto, elicotteri militari sorvoleranno la Valbelluna immaginando uno scenario da guerra. Anche se si tratta di una normale procedura di addestramento.Questa la sostanza di Aproc (air centric personnel recovery operatives course), a cui 450 tute mimetiche provenienti da 7 Paesi europei (aderenti all'Eprc, l'ente multinazionale e interforze European Personnel Recovery Centre): Belgio, Francia, Germania, Italia, Olanda, Regno Unito e Spagna. In azione anche 17 elicotteri e 3 velivoli ad ala fissa. La base operativa sarà la sede del Secondo Stormo dell'Aeronautica Militare di Rivolto (Udine). Ma anche Belluno sarà interessata dalle operazioni. Perché l'aeroporto cittadino Arturo Dell'Oro sarà il cosiddetto farp (forward arming and refuelling point). Vale a dire un punto di rifornimento avanzato carburante elicotteri, in modo da consentire una sosta rapida e allungare il raggio di volo.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Martedì 13 Giugno 2017, 10:11






Condividi su Google+ Commenta
<< CHIUDI
CONDIVIDI LA NOTIZIA
Guerra simulata nei cieli bellunesi, da domani coinvolti sette Paesi
CONDIVIDI LA NOTIZIA
DIVENTA FAN
SEGUICI SU TWITTER
COMMENTA LA NOTIZIA
3 di 3 commenti presenti
2017-06-14 12:14:48
Un colpo di stato in casa dal 2011, ma questi giocano ai soldatini. Cialtroneria tutta italiana.
2017-06-14 06:43:06
Guerra simulata? E perchè invece non utilizzano personale, mezzi e denaro per la guerra vera?
2017-06-13 22:03:35
ancora con questi giochini, ma perche non ve ne state a casa a divertirvi con le macchinine ed i soldatini in plastica ?