Acqua e malori: guerra con Trento: «La fontana non è contaminata»

Acqua e malori: guerra con Trento  «La fontana non è contaminata»

di Lauredana Marsiglia

BELLUNO - «Vogliamo che la notizia diffusa dal Comune di Trento, infondata e dannosa per la nostra valle, venga rettificata quanto prima. L'Usl di Trento non ci ha mai fornito alcuna documentazione che provasse quanto incautamente divulgato. Valuteremo anche eventuali altre azioni, sia risarcitorie sia penali».

Camillo De Pellegrin, sindaco di Val di Zoldo, non ha certo lasciato correre il caso scoppiato ai primi di agosto, quando al pronto soccorso di Trento, finirono una parte dei musicisti della European Spirit Of Youth Orchestra che, la sera prima, si erano esibiti in Val di Zoldo. Accusavano malesseri da intossicazione, nausea e vomito. In una nota il Comune di Trento, informato dall'Usl locale, si premurò subito di far sapere urbi et orbi che la colpa era di una fontana del Bellunese dalla quale avevano bevuto gli orchestrali prima di partire per il concerto di Trento. E siccome uno più uno fa due, si fece presto a risalire a Val di Zoldo. Esattamente in piena stagione turistica. Scoppiò il caos in tutta la valle, mentre la notizia faceva il giro d'Italia su tutti media. «Un danno di immagine pesantissimo» affermò nell'immediato De Pellegrin, avviando nel contempo tutte le contromisure per contenere le paure dei cittadini e per fare luce su un caso che, fin da subito, non trovò riscontro nell'acquedotto locale che serve anche le fontane...
 
 
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Mercoledì 8 Novembre 2017, 09:16






Condividi su Google+ Commenta
<< CHIUDI
CONDIVIDI LA NOTIZIA
Acqua e malori: guerra con Trento: «La fontana non è contaminata»
CONDIVIDI LA NOTIZIA
DIVENTA FAN
SEGUICI SU TWITTER
COMMENTA LA NOTIZIA
5 di 7 commenti presenti
2017-11-08 11:51:50
Sono stata in ferie in Val di Zoldo giusto nel periodo "incriminato".Il divieto di bere era previsto solo nelle frazioni più in alte del comune di Forno di Zoldo e quindi non di tutta la Val di Zoldo. Ho bevuto tranquillamente l'acqua e sono ancora viva!
2017-11-08 12:19:50
Anche gli abitanti di Mareson e Pecol sono tutti sopravvissuti, qui non si parla di peste nera; tanti pero', a partire da mio nipote e altri amici, hanno avuto la vacanza rovinata dopo avere bevuto l'acqua di rubinetto.
2017-11-08 11:34:57
Allora il Comune di Zoldo dovrebbe spiegare come mai tra il 15 luglio ed il 15 agosto l'acqua che usciva dai rubinetti era stata dichiarata NON potabile? Un batterio che si diffonde nell'aria provoca un'epidemia che si estende rapidamente verso altri paesi, mentre un batterio o virus che contamina l'acqua colpisce solo gli abitanti serviti dall'acquedotto. Oltre agli abitanti di Zoldo, nessun altro si è ammalato nei paesi limitrofi.
2017-11-08 11:32:49
comunque è vero che l'acqua bellunese sa troppo di cloro!
2017-11-10 15:59:52
siccome vivo a belluno, so quello che dico.. i pollici versi sono sicuramente foresti...