Salvini: «Ad Avvenire sei milioni di contributi pubblici: parte di quei soldi potrebbero andare ai cittadini in difficoltà»

PER APPROFONDIRE: avvenire, matteo salvini, soldi pubblici
Salvini: «Ad Avvenire 6 milioni di fondi pubblici»
Salvini attacca di nuovo i fondi pubblici per l'editoria. «Che Avvenire, il giornale della conferenza episcopale italiana, prenda sei milioni di euro di contributi pubblici dai cittadini italiani» non va bene. «Penso che parte di questi soldi possano essere spesi per chi è davvero in difficoltà». Lo dice Matteo Salvini, parlando a Radio anch'io del taglio dei fondi ai giornali, dove, accusa, «si leggono una sequela di cavolate». Per il ministro dell'Interno «in un momento in cui si chiedono sacrifici a tutti, penso che siano troppi 130 milioni di euro che i cittadini italiani, quando faticano a tirare a fine mese, danno ogni anno a giornali».
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Giovedì 20 Dicembre 2018, 11:04






Condividi su Google+ Commenta
<< CHIUDI
CONDIVIDI LA NOTIZIA
Salvini: «Ad Avvenire sei milioni di contributi pubblici: parte di quei soldi potrebbero andare ai cittadini in difficoltà»
CONDIVIDI LA NOTIZIA
DIVENTA FAN
SEGUICI SU TWITTER
COMMENTA LA NOTIZIA
5 di 40 commenti presenti
2018-12-21 13:07:39
"avvenire" il megafono dei preti! con tanti soldi che ricevono dallo stato italiota, che ricevono "gratis et amore dei" hanno bisogno anche dei fondi per la stampa!!!
2018-12-21 06:38:23
Se fossero veramente solidali, intendo Avvenire e altri di area cattolica che ricevono finanziamenti dei contribuenti, li darebbero in beneficenza agli anziani in difficolta' e alle famiglie veramente bisognose, ma tant'e' che pecunia non olet
2018-12-20 23:41:38
Se qualcuno stampa un giornale per sostenere delle tesi bislacche pazienza, dato che c'e' la liberta' di opinione e anche di stampa, ma farlo a spese di Pantalone, proprio no. Ovviamente questo non riguarda soltanto l'Avvenire.
2018-12-20 20:08:27
E alla lega decine di milioni spariti nel nulla.
2018-12-20 20:02:55
Tagiare TUTTI i contributi. Se uno non galleggia si arrangia. E cosi' dovrebbe essere anche la RAI.