Pinotti: «Valutare ampliamento servizio civile»

Pinotti: «Valutare ampliamento servizio civile»
La riproposizione di una qualche forma di leva obbligatoria declinata in termini di utilizzo dei giovani in ambiti di sicurezza sociale «non è un dibattito obsoleto», tanto che in Europa «si è riaperto non solo in Svezia ma anche in Francia, dove, alle ultime presidenziali, l'argomento è stato toccato da molti candidati, compreso Macron». Lo ha detto oggi il ministro della difesa, Roberta Pinotti, a margine della sfilata degli Alpini, a Treviso. Una leva, ha specificato, «non più solo nelle forze armate ma con un servizio civile che divenga allargato a tutti». 

«Da un lato, per le missioni internazionali - ha osservato il ministro - abbiamo bisogno di militari professionalmente preparati e qui la leva obbligatoria non sarebbe lo strumento più idoneo. Ma l'idea di riproporre a tutti i giovani e alle giovani di questo paese un momento unificante, non più solo nelle forze armate ma con un servizio civile che divenga allargato a tutti ed in cui i giovani possono scegliere dove meglio esercitarlo - ha concluso Pinotti - è un filone di ragionamento che dobbiamo cominciare ad avere».

 
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Domenica 14 Maggio 2017, 14:31






Condividi su Google+ Commenta
<< CHIUDI
CONDIVIDI LA NOTIZIA
Pinotti: «Valutare ampliamento servizio civile»
CONDIVIDI LA NOTIZIA
DIVENTA FAN
SEGUICI SU TWITTER
COMMENTA LA NOTIZIA
5 di 7 commenti presenti
2017-05-15 12:12:23
Ma gli alpini non hanno opinioni in merito ai migranti ? E la parola patria è stata bandita.
2017-05-15 12:55:42
Eh le opinioni degli alpini variano a seconda se le esprimono prima o dopo il fiasco de vin.
2017-05-15 10:46:34
Oltre alla sparata del servizio militare a sei mesi, o civile obbligatorio( c'entrano qualcosa gli effluvi di bevande esalati nell'aria??)... ci sarebbe gia' ( ma forse un ministero non sa cosa abbiano proposto gli altri)l'alternanza scuola lavoro.In teoria ottima idea..poi dopo anni di prova...un consuntivo mostra le pecche : i previlegiati ben indirizzati ne traggono ottime prospettive e pure lavoro assicurato, i figli di nessuno ( quelli che dovrebbero pure fare la naja ed il servizio civile ..ovviamente come truppaglia e non come graduati)finiscono per perdere tempo in mansioni per niente formative o umulianti, tipo cuoco in cucina sulla carta-pulitore di cessi ed eliminatore rifiuti nella realta'.Aggiungiamo assegnati in sedi lontane da casa con esborso dei genitori per trasporto e vitto.Poi come si fa ad essere sicuri che non prestino gia'volontariato in associazioni varie?Ci sono i gruppi Scout, i Grest..le associazioni sportive che durant el'anno scolastico o inestate svolgono promozione con gli scolari in vacanza . .Un tempo, alla buona,c'erano i lavori stagionali in campi agricoli o zone turistiche-ora riservati a gentili ospiti. Conclusione : se c'e' da buscare qualche soldino ...largo al low cost importato , se c'e' da fare volontariato o addestramento militare..spetta ai giovani italiani. Non potrebbero coinvolgere tutti quelli che dopo la ferma breve un anno o quattro anni, sono rimasti col cu...per terra, non ostante fossero state loro ventilate rosee prospettive cartacee?? Sono tutti diventati tiratori scelti, manovratori di armi o macchine tecnologiche, paracadutisti sciatori e rocciatorio o...solo grandi marce a piedi con vesciche e zaini da 20 kili sulle spalle... e tante parate al suono della banda con solo quell'unico inno martellante.?
2017-05-15 09:50:15
per pura logica: se di "Ministro della Difesa" si tratta che c'azzecca con la "Protezione o Servizio civile"? che casomai sarebbe di competenza del "Ministero dell'Interno" (es:Vigili del Fuoco) [il "servizio militare" anche ai tempi "della leva" poteva essere svolto come "Vigile del Fuoco ausiliario" o anche "Agente di Polizia di Stato" (demilitarizzato)
2017-05-15 09:49:13
Servizio o schiavitù civile? Che 400 euri al mese per 40 e passa ore alla settimana (straordinari non retribuiti), mi sembra più andare sul secondo, tral'altro raramente poi il servizio civile diventa altro che un modo per tirar avanti un annetto e basta, non si trasforma cioè in un'esperienza apprezzabile per l'accesso al mondo del lavoro. Comunque la Pinotto tra un pò fa le valigie come il resto del governo e tanto sono impegnati in campagna elettorale permanente che non combineranno niente, le parole della "ministra" vanno lette in un'ottica di slancio emozionale per i lustrini del raduno degli alpini, fuffa insomma.