Macerata, spari da auto in corsa, sei feriti: sono tutti di colore. Una vendetta per Pamela:
bloccato un uomo avvolto nel tricolore

PER APPROFONDIRE: macerata, sparatoria
Spari sui migranti, voto avvelenato:
28enne leghista fa 6 feriti a Macerata
per "vendicare" Pamela
Quando l'hanno fermato era avvolto in una bandiera tricolore. Luca Traini, 28 anni, incensurato e originario delle Marche, è l'uomo responsabile di aver seminato il panico nel centro di Macerata sparando da un'auto in corsa e ferendo 6 immigrati. Due di loro sono ricoverati in ospedale con riserva di prognosi e potrebbero essere operati a breve. Meno gravi le condizioni degli altri quattro i quali non è escluso che vengano dimessi a brevi.

Forse una vendetta per l'omicidio di Pamela Mastropietro, la ragazza romana uccisa, fatta a pezzi e chiusa in due valige, per cui è stato arrestato il nigeriano Innocent Oseghale.Tentato omicidio è il reato ipotizzato. Al momento la posizione del giovane è ancora al vaglio degli investigatori ma a suo carico dovrebbe essere formalizzato l'arresto.

Inseguito dai carabinieri Traini è sceso dall'auto, si è tolto il giubbetto, ha indossato una bandiera tricolore sulle spalle, salendo sui gradini del Monumento. Si è poi girato verso la piazza e ha fatto il saluto fascista:
«Viva l'Italia», avrebbe urlato. Poi sono arrivati i carabinieri e non ha opposto resistenza. A bordo dell'auto la pistola, una tuta mimetica, sul cruscotto piume bianche, appunti a penna e bottiglie d'acqua.

L'uomo avrebbe sparato anche contro la sede del Pd a Macerata. Lo conferma un tweet di Deborah Serracchiani: «Il folle che ha sparato su cittadini inermi e contro la sede del pdnetwork a Macerata è un esponente della Lega candidato alle comunali 2017». Chi come Salvini e Fedriga «fa l'occhiolino agli estremisti -incalza l'esponente dem- prenda immediatamente le distanze».

Il folle gesto sarebbe legato ad una vendetta per l'omicidio di Pamela Mastropietro, la ragazza romana uccisa, fatta a pezzi e chiusa in due valige, per cui è stato arrestato il nigeriano Innocent Oseghale.
I primi colpi sono partiti a un chilometro dalla casa dell'atroce delitto. A quanto sembra i feriti sarebbero tutti di nazionalità straniera. Subito soccorsi sono ora in ospedale.



Paura, apprensione e momenti di grande trepidazione. Atmosfera irreale in centro con gente barricata in casa e nei negozi, anche il sindaco aveva invitato i cittadini a non uscire: 
«C'è uno squilibrato che si aggira in città, non uscite per strada». L'allarme ora sembra essere rientrato.
 
 

Hanno provato «un grande senso di liberazione» i due carabinieri che hanno bloccato lo sparatore dopo il raid xenofobo a colpi di pistola per le vie di Macerata. Quando Traini ha cominciato a sparare sono stati inviati nelle strade del centro con i dispositivi di protezione e l'hanno intercettato. I loro nomi non vengono resi noti. «Abbiamo provato un grande senso di liberazione per la città e anche per noi - hanno detto subito dopo aver bloccato l'uomo - Siamo due genitori. È andata bene così».
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Sabato 3 Febbraio 2018, 12:18






Condividi su Google+ Commenta
<< CHIUDI
CONDIVIDI LA NOTIZIA
Macerata, spari da auto in corsa, sei feriti: sono tutti di colore. Una vendetta per Pamela:
bloccato un uomo avvolto nel tricolore
CONDIVIDI LA NOTIZIA
VIDEO
DIVENTA FAN
SEGUICI SU TWITTER
COMMENTA LA NOTIZIA
5 di 156 commenti presenti
2018-02-04 12:35:24
@enricosecondo2018-02-03 21:07:49 Già nel 2000, quando gentilini ricopriva la carica di sindaco di Treviso, era stato processato nella sua città per aver proposto, durante un discorso pubblico, di far travestire «gli extracomunitari da leprotti per consentire ai cacciatori di addestrarsi» Quindi le fregnacce sono tue e dei tuoi idoli.
2018-02-04 13:48:17
komunista, visti i tempi che corrono, aveva fatto bene il Genty con la sua proposta. Peccato che lo avesse detto per scherzo.
2018-02-04 09:51:56
Chi sparge vento , raccoglie tempesta . Ma sentenzia dal porto sulla navigazione di chi ha fatto navigare .
2018-02-04 09:42:06
Sono convito se continua questa invasione incontrollata :tutti ci armeremo in difesa dei nostri figli e territorio, la sinistra ci rifletta .
2018-02-04 09:13:29
Ad armare questa gente ci ha pensato la sinistra : con la complicità dei magistrati permettendo ai rom e mussulmani di invaderci.