Mediatore: «Preso in giro dal Suem»: ma la registrazione lo smentisce

Mediatore: «Preso in giro dal Suem»: ma la registrazione lo smentisce

di Marina Lucchin

PADOVA «L'ambulanza? Non c'è, è in vacanza». È questa la risposta che un mediatore culturale di una cooperativa, che si occupa dell'accoglienza dei richiedenti asilo, racconta di aver ricevuto dagli operatori del 118. L'uomo, un maliano di 29 anni, accusa i dipendenti del Suem di Padova di averlo discriminato e preso in giro perché straniero.

Il direttore del servizio di urgenza ed emergenza medica dell'Ulss 6 Euganea, Andrea Spagna, però, dopo aver riascoltato più volte la registrazione della telefonata al centralino del 118 incriminata, assicura che i suoi operatori hanno risposto senza alcuna ironia e inviato l'ambulanza come richiesto dall'utente: «Deve aver capito male», taglia corto. A denunciare il fatto, subito smentito, è la cooperativa che dà lavoro a Gnarega Dembele. Il giovane è sbarcato a Lampedusa sette anni fa. Poi è arrivato a Padova e ha vissuto per due anni nella ex casa occupata di don Gallo. Ha imparato l'italiano ed è diventato mediatore culturale per Gruppo R, che gestisce l'accoglienza dei richiedenti asilo a Legnaro. Qui il maliano aiuta gli ospiti a comunicare con gli addetti della coop e fa sorveglianza notturna. Era di turno anche tra domenica e lunedì e, proprio per questo, alle 3 della mattina, visto che uno dei richiedenti asilo stava male, ha chiamato il 118...
 

 
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Venerdì 9 Febbraio 2018, 09:01






Condividi su Google+ Commenta
<< CHIUDI
CONDIVIDI LA NOTIZIA
Mediatore: «Preso in giro dal Suem»: ma la registrazione lo smentisce
CONDIVIDI LA NOTIZIA
VIDEO
DIVENTA FAN
SEGUICI SU TWITTER
COMMENTA LA NOTIZIA
5 di 81 commenti presenti
2018-02-09 18:28:12
il mediatore culturale è una figura professionale che non dovrebbe esistere: non c'è nulla da mediare, chi si reca in un altro Paese ne accetta le regole, se non gli aggradano migra altrove. problema risolto.
2018-02-09 19:23:15
Vero, il 4 marzo, cerchiamo di farlo capire al governo che attualmente ci governa.
2018-02-09 19:35:54
Vero, il 4 marzo, cerchiamo di farlo capire al governo che attualmente ci governa.
2018-02-09 21:39:21
I "mediatori culturali" sono una (giusta) pensata delle anime belle per far da ponte tra la nostra cultura e retaggi medioevali. Peccato che quando esistono sono in pratica dei traduttori che servono a spiegarCI come DOBBIAMO comportarci per soddisfare ogni richiesta dei graditi ospiti
2018-02-09 18:00:24
questo media per se stesso