Prestiti al 70% annuo, condannato Bonazza, il re degli insaccati

PER APPROFONDIRE: angelo bonazza, insaccati, treviso, usura
Prestiti al 70% annuo, condannato  a 2 anni Bonazza, re degli insaccati

di Gianluca Amadori

TREVISO - Angelo Bonazza, 76 anni, il re degli insaccati, è colpevole di usura. Lo ha stabilito il Tribunale di Venezia che, ieri pomeriggio, lo ha condannato a due anni di reclusione, con la sospensione condizionale della pena, limitatamente a uno solo degli episodi contestati dalla Procura.

Per tutti gli altri, più datati, è stato dichiarato il non doversi procedere per prescrizione: è trascorso troppo tempo affinché possano essere giudicati. L'imprenditore di Tessera (che gestisce anche la trevigiana Bechèr e lo stabilimento di speck Unterberger di Belluno) è stato invece assolto dall'accusa di estorsione. Il pm Laura Cameli si era battuta per ottenere la sua condanna a 4 anni e 6 mesi di reclusione. Il Tribunale ha disposto la revoca del sequestro conservativo emesso lo scorso novembre a carico di Bonazza fino all'ammontare di 300mila euro a garanzia di eventuali risarcimenti. La vicenda è finita davanti al Tribunale a seguito della denuncia presentata da un florovivaista di Casale sul Sile, Lucio Barbiero, e dai suoi familiari che, costituitisi parte civile al processo, hanno raccontato di numerosi prestiti a tassi usurai (fino al 10-15 per cento mensile) da loro subìti tra il 2000 e il 2008. 

La sentenza di ieri ha condannato Bonazza per un solo prestito usuraio accordato nel 2008 al figlio di Barbiero, Andrea: circa 14mila euro con un tasso annuo del 70 per cento. «Con questa sentenza vi è stata conferma piena del quadro accusatorio, visto che la prescrizione presuppone l'accertamento nel merito della sussistenza sia della gravissima usura che della collegata estorsione contestate al Bonazza -ha commentato l'avvocato Ravagnan -. Purtroppo il tempo trascorso non ha consentito la piena affermazione della responsabilità del Bonazza per questi reati. Ci riserviamo in ogni modo la lettura della sentenza, poiché a nostro avviso non era ancora maturata la prescrizione».

Di diverso tenore il commento dei difensori dell'imputato: «Una grossa soddisfazione: siamo sempre stati convinti dell'innocenza del signor Bonazza e dalla sentenza le accuse sono risultate svuotate. Ora confidiamo nell'appello».

 
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Martedì 12 Settembre 2017, 05:02






Condividi su Google+ Commenta
<< CHIUDI
CONDIVIDI LA NOTIZIA
Prestiti al 70% annuo, condannato Bonazza, il re degli insaccati
CONDIVIDI LA NOTIZIA
DIVENTA FAN
SEGUICI SU TWITTER
COMMENTA LA NOTIZIA
5 di 25 commenti presenti
2017-09-12 13:27:29
L'usura nasce quando le banche non prestano più soldi. Per cui, colpevoli sono anche le banche che, nonostante abbiano ricevuto miliardi di euro dalla BCE, non aiutano la gente e le imprese. Sepoi ci mettiamo che due delle più importanti banche venete (Vicenza e Veneto Banca) erano al soldo di delinquenti (Zonin+Sorato, Consoli+Trinca) per cui prestavano soldi solo agli amici, l'usura è servita.
2017-09-12 12:08:13
Guarda dove è finito lo stabilimento Unterberger di Perarolo di Cadore (18 km. da Longarone !).....mi sembra sia stato uno dei primi (sic !) finanziamenti Vajont......
2017-09-12 11:24:20
Ora il conto di 20.000.000.000.000.000.000 di euro al sud dovrà essere ritoccato, karniet aiutami, perchè se aspetto henri two a schifìo finimo!
2017-09-12 10:55:37
La meridionalizzazione del Veneto continua...
2017-09-12 15:21:57
Torna a dormire