Per 5 anni in chemio per curare un cancro, poi scopre che la diagnosi è sbagliata

PER APPROFONDIRE: cancro, chemioterapia
Per 5 anni in chemio per curare un cancro, poi scopre che la diagnosi è sbagliata

di Alessia Strinati

Per cinque anni si sottopone a chemioterapia, ma non ha nessun tumore. James Salaz, di Montrose, negli Usa, ha denunciato un caso di grave malasanità che lo ha portato per 5 anni a curarsi per una rara forma di cancro che in realtà perl non ha mai avuto. All'uomo nel 2012, dopo una visita è stato detto che aveva delle anomalie al polmone, è stato sottoposto a una biopsia e gli è stato diagnosticato il cancro.




Da quel momento per lui è iniziato il calvario. Per anni si è sottoposto a chemioterapia, ma il livello dei suoi globuli bianchi non diminuiva, fino a quando ha deciso di rivolgersi a un altro medico che gli ha detto che il cancro, in realtà, non lo aveva mai avuto. L'elevato numero dei globuli bianchi è dovuto a un'altra malattia, un'infiammazione dei vasi sanguigni, ben meno grave di un cancro e per la quale non era assolutamente necessaria la chemio.

Secondo quanto riporta il Daily Mail, l'uomo per anni ha fatto cure molto forti, biopsie e controlli invadenti, convinto che la malattia che avrebbe potuto ucciderlo non stesse regredendo. Un calvario fisico e psicologico dovuto solo ad una diagnosi sbagliata. La vasculite, la vera malattia di cui soffre James, aveva causato delle infiammazioni al polmone, ma non masse cancerose. La malattia, se presa in tempo, può guarire completamente, ma nell'uomo è stata trascurata per 5 anni e sta facendo dei controlli per verificare se ha danneggiato qualche organo. La chemio ha invece già scatenato nel paziente una forte pancreatite, ormai cronicizzata. 
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Venerdì 16 Novembre 2018, 16:55






Condividi su Google+ Commenta
<< CHIUDI
CONDIVIDI LA NOTIZIA
Per 5 anni in chemio per curare un cancro, poi scopre che la diagnosi è sbagliata
CONDIVIDI LA NOTIZIA
DIVENTA FAN
SEGUICI SU TWITTER
COMMENTA LA NOTIZIA
3 di 3 commenti presenti
2018-11-16 18:42:21
Quando si vuole abolire il valore legale del titolo di studio, come negli Usa, poi spuntano fior di medici laureati nelle universita' piu' strampalate del Paese. Li' paghi e diventi DOCTOR presso l'universita' della strada.
2018-11-16 17:47:50
C'e'anche stato chi , per una diagnosi sbagliata di cancro comunicata al volo ed in fretta , stava pensando al suicidio mediante precipitazione dal piano alto dell'ospedale..Poi facendo leggere gli esami a medico piu'scrupoloso , e' stato rincuorato e indirizzato su cura di patologia meno grave.Chi dei due medici si crede abbia fatto carriera e diventato primario?N1 o N2??
2018-11-16 17:26:12
La sanita` private si che funziona, altro che la sanita pubblica...