Blitz in 5 negozi cinesi del centro: sanzioni per oltre 100mila euro

PER APPROFONDIRE: alimenti, arma, cinesi, mestre, negozi
Blitz in 5 negozi cinesi del centro: sanzioni per oltre 100mila euro
MESTRE Ammende per 100 mila euro sono state comminate dai carabinieri a 5 attività commerciali cinesi dai carabinieri di Mestre nell'ambito di una serie di controlli ad attività commerciali.

Le ispezioni sono state svolte con il supporto dei militari del Nucleo Ispettorato del Lavoro di Venezia e del Nas di Treviso ad un bar, due parrucchieri, una pescheria ed un centro massaggi tra la stazione ferroviaria e il centro di Mestre. È stato verificato il rispetto delle normative in materia di conservazione degli alimenti e di tutela del lavoro.

I militari hanno accertato un rapporto di lavoro «in nero» con sospensione dell'attività, e contestato 21 irregolarità in materia di sicurezza sui luoghi di lavoro, tra cui le carenze igienico-sanitarie, l'omessa autorizzazione all'installazione di impianti di videosorveglianza.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Sabato 23 Febbraio 2019, 11:47






Condividi su Google+ Commenta
<< CHIUDI
CONDIVIDI LA NOTIZIA
Blitz in 5 negozi cinesi del centro: sanzioni per oltre 100mila euro
CONDIVIDI LA NOTIZIA
DIVENTA FAN
SEGUICI SU TWITTER
COMMENTA LA NOTIZIA
5 di 21 commenti presenti
2019-02-24 16:31:35
io darei 100.000.000 milioni di euro di multa così tanto x far ridere..... perchè x i cinesi non cambia niente comunque.
2019-02-24 13:57:13
Pensate che pagheranno un cent ? Queste attivita' nascono e scompaiono in un attimo. Gestite da un titolare fantasma che scomparira' nel nulla con la multa da pagare. E il negozio riaprira' a 100 metri con "nuova gestione". italia
2019-02-24 00:15:06
Questi blitz devono essere fatti indipendentemente dalla nazionalità dei commercianti. A me sembra impossibile che gli irregolari siano soltanto i cinesi.
2019-02-23 19:42:38
forse pagheranno il corrispettvo di 100mila non euro ma yen ( 700 / 800 euro in tutto )
2019-02-23 17:38:46
Vediamo se me l'hanno spiegata bene: non pagheranno proprio nulla. Domani l'attività è già passata di mano a cugini o parenti (veri o presunti) e i titolari sono ritornati a casetta loro. E si ricomincia daccapo.