Presi i professionisti dei colpi in villa: 100 furti a segno e bottino milionario

PER APPROFONDIRE: albanesi, furti, pordenone, treviso, villa
Presi i professionisti dei colpi in villa  100 furti a segno e bottino milionario  Raid notturni e il covo nel Trevigiano
La Polizia di Pordenone ha smantellato una banda dedita a furti in ville e abitazioni nel Nord Italia, composta da 3 cittadini albanesi, su disposizione della procura di Pordenone. Sono state anche sequestrate armi da fuoco, e riscontrati furti per oltre un milione di euro di refurtiva che sarebbero avvenuti oltre che in Friuli Venezia Giulia anche in Veneto e Lombardia. I tre arrestati, pluripregiudicati per reati specifici, sarebbero responsabili di 33 furti aggravati in ville ed abitazioni, oltre che di altri 70 crimini analoghi commessi dallo scorso periodo prenatalizio, principalmente nelle province di Pordenone e Treviso.

IL BOTTINO
Ammonterebbero a circa un milione gli introiti dei furti tra denaro contante, gioielli, orologi e lingotti in oro. Gli investigatori hanno anche trovato pistole e munizioni e individuato un flusso di beni illeciti verso l'Albania, dove venivano investiti o riciclati. Le indagini sono state svolte dalla squadra mobile di Pordenone che ha eseguito, coordinata dallo Sco, le perquisizioni e gli arresti in collaborazione con le squadre Mobili di Milano e di Treviso.


DA DOVE E' NATA L'INDAGINE - IL RAID IN CENTRO A PORDENONE
L´indagine ha tratto origine dal furto aggravato in abitazione perpetrato nel centro di Pordenone la sera del 27 dicembre 2018, allorquando ignoti, introdottisi nell´appartamento asportavano un armadio blindato ove erano custoditi monili in oro per un valore di 30.000 euro, nonché un revolver Smith e Wesson cal. 38, una pistola semiautomatica Browning cal. 33, e tre fucili. Venivano quindi avviate le indagini anche con l´acquisizione di traffico dal cui esame si evidenziavano tre utenze che si contattavano tra loro e temporalmente compatibili con la perpetrazione del furto. Sviluppando tale dato si riscontrava come le tre utenze individuate, acquistate nel mese di ottobre in provincia di Milano ed intestate fittiziamente a persone inesistenti, risultavano essere presenti in concomitanza con altri furti in abitazione, perpetrati a far data già dal mese di novembre, reati predatori commessi nelle province di Pordenone e Treviso.

LA BANDA E IL COVO NEL TREVIGIANO
Si delineava così l´esistenza di un ben strutturato sodalizio criminoso, costituito da cittadini albanesi, gravati da precedenti specifici, specializzati nei furti in abitazione con sottrazione di casseforti ed armadi blindati, aventi la loro base logistica in due appartamenti rispettivamente ubicati a Conegliano Veneto (Tv) e Treviso, luoghi ove materialmente, utilizzando dei flessibili scardinavano i forzieri sottratti dalle case, impossessandosi del contenuto.

VIA GIOIELLI E PISTOLE - IL COLPO A SACILE
Tra i vari furti in abitazione accreditati alla banda, anche quello commesso la sera del 21 gennaio scorso a Sacile (Pordenone) con sottrazione della cassaforte contenente 40.000 euro di preziosi, nonché 1 pistola semiautomatica Sig Sauer cal. 45 ed 1 pistola semiautomatica Walther cal. 9 x 21, con relativi caricatori e nr. 200 cartucce. 

I NOMI DEGLI ARRESTATI
Darjel Prushi, nato il 9.9.1992 a Kruje, gravato da precedenti specifici, domiciliato a Conegliano Veneto (Treviso); Edmond Et Hemaj, detto “Mondi”, nato 10.6.1984 a Peqin, gravato da precedenti specifici, domiciliato a Conegliano; Nikoll Dobrozi, detto “Niku”, nato il 10.8.1992 a Mamurras, gravato da precedenti specifici, in Italia. 
Questa mattina all’alba la Polizia di Stato di Pordenone ha arrestato Prushi in un appartamento a Milano, Et Hemaj in casa a Conegliano e Dobrozi in un appartamento di Treviso. Al termine delle operazioni, i tre arrestati sono stati associati presso la casa circondariale di Pordenone, in regime di isolamento.



© RIPRODUZIONE RISERVATA

Giovedì 21 Febbraio 2019, 08:58






Condividi su Google+ Commenta
<< CHIUDI
CONDIVIDI LA NOTIZIA
Presi i professionisti dei colpi in villa: 100 furti a segno e bottino milionario
CONDIVIDI LA NOTIZIA
DIVENTA FAN
SEGUICI SU TWITTER
COMMENTA LA NOTIZIA
5 di 78 commenti presenti
2019-02-22 15:03:25
Stanno gia' arrivando rimpiazzi di loro connazionali..e non si capisce cosa vengano a fare se tante fabbriche di zone industriali-artigianali continuano ad esser chiuse , edilizia ferma...eppure ..stanno saturando appartementi sfitti... arrivano corriere di "Minori"appiopppati ai bilanci comunali , chiamati magari da parenti,ma cosa cercano...Salviniiiii meno campagne elettorali e puo'occhio anche in altre direzioni.
2019-02-21 21:44:02
ha ha ha leggo or ora la notizia, quindi presumo che a quest ora siano già a casa loro
2019-02-21 19:13:47
Pure armati e munizionati, gratis, prelevando ad alcune vittime ed infischiandosene degli armadi blindati di custodia. ripensandoci...ad un idraulico mio vicino venne rubato un furgone..contanto dimacchinari a disco carborundum per taglio metalli e pure fiamma ossidrica...completa di bombole e cannelli vari.
2019-02-21 19:12:30
Ve li meritate....tanto per voi onesti o delinquenti sono tutti uguali.Godetevi la crema allora.....
2019-02-21 18:49:22
le magliette rosse ne vogliono ancora per le loro qualita' prestazionali rispetto agli italici stanchi del lavoro (chi l'ha). La passerella italica boldriniana e' sempre pronta con l'attuale canone rai pagato da noi...