Il Papa cambia il Padre Nostro come aveva detto a Don Pozza del carcere di Padova

Papa Francesco
La Chiesa di Papa Francesco cambia il Padre Nostro, la prima preghiera dei cristiani, l'unica insegnata direttamente da Gesù e riportata nel Vangelo. Lo comunica la Cei, la Conferenza episcopale italiana, che ha introdotto le modifiche nella nuova edizione del Messale Romano.

A cambiare è il versetto che, nel Padre Nostro della Tradizione, suona così: 
«Non indurci in tentazione». La nuova versione dice: «Non abbandonarci alla tentazione».

Cambia anche il Gloria: l'invocazione non è più «Pace in terra agli uomini di buona volontà» ma «Pace i terra agli uomini amati dal Signore».

VOTA IL SONDAGGIO cliccando qui

Le modifiche alle due preghiere sono sottoposte all'approvazione della Santa Sede, ma non c'è dubbio che Papa Francesco le approvi, perché è stato proprio lui a porre pubblicamente la questione. Fu nel dicembre dell'anno scorso, in una lunga intervista televisiva, che andò in onda su Tv2000 il 6 dicembre, con don Mario Pozza, cappellano del carcere di Padova.

In quella occasione, il Papa osservò che «Nella preghiera del Padre Nostro, Dio che ci induce in tentazione non è una buona traduzione. Anche i francesi hanno cambiato il testo con una traduzione che dice: non lasciarmi cadere nella tentazione. Ma sono io a cadere, non è Dio che mi butta nella tentazione per poi vedere come sono caduto, un padre non fa questo, un padre aiuta ad alzarsi subito».

Dalla conversazione del Papa con don Pozza è nato anche il libro “Padre nostro” di papa Francesco, edito da Rizzoli e dalla Libreria Editrice Vaticana (pagine 144; euro 16) in cui, tra l’altro, il Pontefice sottolinea che «quello che ti induce in tentazione è Satana, quello è l’ufficio di Satana».








 
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Giovedì 15 Novembre 2018, 13:35






Condividi su Google+ Commenta
<< CHIUDI
CONDIVIDI LA NOTIZIA
Il Papa cambia il Padre Nostro come aveva detto a Don Pozza del carcere di Padova
CONDIVIDI LA NOTIZIA
DIVENTA FAN
SEGUICI SU TWITTER
COMMENTA LA NOTIZIA
2 di 2 commenti presenti
2018-11-18 11:45:07
Non me ne può fregare di meno ... non sono religiosa per cui la questione resta indifferente.
2018-11-16 00:24:01
Contrordine, fratelli, c'e' un errore di traduzione! Si sono sbagliati per 2 millenni...? Certo che, a pensarci bene, secondo la dottrina cattolica, chiunque venga messo al mondo e' soggetto alla tentazione, persino Gesu' Cristo: nel Vangelo si dice "Gesu' fu condotto dallo Spirito nel deserto per esser tentato dal diavolo". E non e' che sia stato il diavolo a crearci...