La dirigente dichiara guerra ai dolci: vietato portare a scuola torte fatte in casa

PER APPROFONDIRE: circlolare, divieto, dolci, scuola, valbrenta, vicenza
La dirigente vieta a scuola le torte fatte in casa. Donazzan: «Usi il buonsenso»
VALBRENTA - Vietato portare e mangiare torte in classe, sia fatte in casa che confezionate, per festeggiare un compleanno o una festività negli otto plessi scolastici di Valbrenta. Lo impone una circolare di Carla Carraro, dirigente scolastica dell’Istituto comprensivo Bombieri. Un divieto sgradito ad alunni e genitori che se non sono sul piede di guerra poco ci manca. Si possono portare in classe merendine confezionate singolarmente, così caramelle e cioccolatini. Avrebbe valore di prevenzione il divieto di portare a scuola cibarie di consumo collettivo, con l’obiettivo di evitare i rischi derivanti da allergie o intolleranze alimentari e pure per l’impossibilità da parte dell’istituto di garantire la bontà dei cibi preparati a casa. Prima di firmare la circolare con il divieto la dirigente Carraro si è consultata con i tecnici dell’ufficio igiene dell’Ulss 7 e con colleghi altri istituti, trovando l’avvallo: ora potrebbe essere imitata da altri presidi.

L'ASSESSORE DONAZZAN: «SI USI IL BUONSENSO»​
L’assessore all’Istruzione e Formazione della Regione Veneto ha scritto personalmente alla dirigente scolastica dell’istituto comprensivo Bombieri di Valstagna (Vicenza), prendendo posizione nei confronti della circolare con cui la dirigente degli otto plessi scolastici della Valbrenta impedisce di portare da casa alimenti destinati al consumo collettivo: “Vorrei capire quale significato educativo abbia un divieto di questo tipo – sostiene l’assessore – quando invece la scuola deve diventare sempre più un momento di crescita ed integrazione, anche attraverso momenti non formali”. Il divieto ribadito con circolare scolastica vale per i panini fatti in casa, la frutta per merenda, le fette di torta cucinate dalla mamma, nonché le torte fatte in casa per feste di compleanno o occasioni speciali della vita scolastica . “Festeggiare il compleanno in classe è da sempre motivo di inclusione – osserva l’assessore regionale –. Così come raccogliere fondi attraverso la vendita di torte è evento che crea spirito di appartenenza e rafforza la partecipazione della famiglie ai problemi reali e, a volte anche materiali, della scuola. Oppure le "feste" di Natale, che hanno fatto conoscere tradizioni da condividere, senza mettere in gioco la religiosità più profonda. Tutti esempi di momenti di vita scolastica che hanno sempre avuto come protagoniste le torte, o in senso più lato, la condivisione della tavola e del cibo, non come freddo prodotto confezionato, ma in quanto frutto del tempo, sempre più prezioso, che mamme o nonne - alle volte anche i papà - dedicano ai propri bimbi e alla comunità scolastica”.

“Non mi sono noti casi di allevamento – prosegue l’assessore - e per quanto riguarda allergie e intolleranze alimentari, che sembrano essere il vero motivo del divieto dirigenziale, va detto che bambini e famiglie sono molto preparati e consapevoli dei pericoli, tanto che sempre più spesso i dolciumi sono previsti in ambiente scolastico con tutte le accortezze del caso. Del resto, analoghe precauzioni valgono anche per la mensa scolastica. Genitori e insegnanti sanno bene che la vita nella scuola non può essere diversa dalla vita fuori dalla scuola, anzi è proprio a scuola che si può vivere la dimensione comunitaria stando dentro le regole e introiettandone il significato. Regole che poi serviranno soprattutto fuori dai luoghi protetti. Invito ad affrontare il problema – conclude l’assessore - non è solo in termini di responsabilità, ma soprattutto di buon senso”.

 
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Martedì 17 Ottobre 2017, 09:43






Condividi su Google+ Commenta
<< CHIUDI
CONDIVIDI LA NOTIZIA
La dirigente dichiara guerra ai dolci: vietato portare a scuola torte fatte in casa
CONDIVIDI LA NOTIZIA
DIVENTA FAN
SEGUICI SU TWITTER
COMMENTA LA NOTIZIA
5 di 23 commenti presenti
2017-10-18 18:21:59
Quindi tutti obbligati a mangiare i prodotti dati dalle mense scolastiche realizzati da società che si sono aggiudicati l’appalto al massimo ribasso! Complimenti per la genialità del provvedimento. Io tra una torta fatta in casa o dal pasticciere di fiducia e quelli delle mense scolastiche non avrei alcun dubbio o mi mangio le mie o digiuno.
2017-10-18 17:59:52
Se i genitori non facessero cause ogni 2x3, i dirigenti scolastici non prenderebbero certe decisioni.
2017-10-18 11:28:21
Fatto super bene ... dovrebbero proibire anche portare/vendere le torte fatte in case agli open day, feste di fine anno e alle riunioni scouts ...queste torte fatte in casa buone da morire.
2017-10-17 23:50:42
Purtrppo e dico purtroppo fa bene, anzi benissimo! Purtroppo i motivo é sempre ed il solo ed unico! Cioé che a questo mondo ci sono dei genitori dementi ch epiu dementi non si puó, ch eper qualunque cazzata succeda sońo pronti a far causa agli istituti per rimpinguare le proprie casse familiari..... cari genitori, prendetevela con i vostri compagni di viaggio invece di stupirsi dei comportamenti dei dirigenti che sono previdenti!
2017-10-17 21:02:15
Giusto. La gente sa solo appellarsi all avvocato per qualsiasi parvenza di non gradimento... sono finiti i tempi del buon senso.... la Donazzan firmi un assunzione di responsabilità per le torte casalinghe sollevando la dirigente, con la lingua tutti bravi, timbrare e firmare Prego. ...