Imprenditore nella rete dei truffatori: «Moltiplichiamo le banconote con un liquido magico»

PER APPROFONDIRE: chimica, denaro, falsari, moltipicare, thiene, vicenza
Imprenditore nella rete dei truffatori: «Moltiplichiamo le banconote con un liquido magico»
THIENE - Gli uomini della Guardia di finanza di Vicenza hanno smascherato un gruppo di persone che truffavano le persone promettendo loro la "moltiplicazione" di banconote. In particolare, le fiamme gialle di Thiene hanno denunciato alla locale Autorità giudiziaria quattro persone, colte in flagranza del reato mentre cercavano di truffare un imprenditore locale, chiedendo denaro contante promettendone la duplicazione. Al malcapitato era stata assicurata la moltiplicazione di 20mila euro che questi avrebbe dovuto consegnare loro al fine di produrne almeno il triplo, attraverso una inverosimile procedura chimica che, mediante un composto liquido "magico", sarebbe stata in grado di trasferire l'inchiostro delle banconote vere su altre pre-trattate, originate da semplici fogli di carta che sarebbero diventati identici a banconote aventi corso legale. L'indagine di polizia economico-finanziaria è stata originata dalla denuncia dell'imprenditore che, qualche giorno prima, si era presentato presso gli uffici della Guardia di finanza per denunciare la possibile truffa. I soggetti extracomunitari gli avevano proposto la possibilità di moltiplicare il proprio patrimonio al punto che gli era già stato mostrato, giorni addietro, in altra circostanza, il procedimento chimico che avrebbe consentito la creazione del denaro.
 
 
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Sabato 22 Dicembre 2018, 10:03






Condividi su Google+ Commenta
<< CHIUDI
CONDIVIDI LA NOTIZIA
Imprenditore nella rete dei truffatori: «Moltiplichiamo le banconote con un liquido magico»
CONDIVIDI LA NOTIZIA
DIVENTA FAN
SEGUICI SU TWITTER
COMMENTA LA NOTIZIA
5 di 31 commenti presenti
2018-12-23 16:20:04
se l'imprenditore -peraltro disonesto in partenza- avesse speso un po' di tempo a leggere i romanzi di un certo Sergiusz Piasecki, avrebbe sgamato subito il trucco, descritto nel romanzo "nessuno ci salva" , che descrive la malavita di Minsk durante la prima guerra mondiale... Evidentemente i lestofanti extracomunitari amano la lettura e non si limitano al gazzettino dello sport...
2018-12-23 14:42:30
Qui si "posta" e si condanna senza conoscere(leggere)i fatti!Questa e'pura ignoranza(dal verbo ignorare),non conoscere ,non informati/non informarsi prima di....! Purtroppo questo e'solo uno dei pochi casi con soluzione positiva ma, rimane da capire perche' tanti lestofanti stranieri si trovino ad operare in italia; non ci bastano i "nostri" connazionali?
2018-12-23 14:00:28
Un imprenditore si fa truffare in questa maniera da comiche finali? Ma questo non e' un imprenditore ma un poveraccio che crede ai miracoli e alle magie.
2018-12-22 19:07:43
Non mi sembra che l'imprenditore padaneuganeo sia stato truffato, mi sembra però evidente che i maghi si trovino a loro agio in queste zone. Sarebbe gradito un commento dal prof. cop e dall'esimio pensionato2°, grassie!
2018-12-23 17:44:16
Anche voi se è per questo vi trovate bene, siamo pieni, troppo, di paesani tuoi, pensionato statale che dà del pensionato al prossimo.