Alla Miteni veleni nel sangue dei lavoratori. Zanoni: chiuderla subito

Alla Miteni veleni nel sangue dei lavoratori. Zanoni: chiuderla subito

di Daniela Ghio

VENEZIA - Il sangue degli operai della Miteni è avvelenato. E lo è molto di più degli abitanti della zona in cui si trova la fabbrica ritenuta la maggiore responsabile dell'inquinamento da Pfas. Così risulta da uno studio compiuto su un gruppo di 415 lavoratori nei quali è stata riscontrata una presenza di Pfoa (acido perlfluoro ottanico) dai 5 ai 10mila nanogrammi per grammo di sangue contro la media di 70 nanogrammi che era risultata dal campione di abitanti esaminato l'anno scorso dall'Istituto superiore di sanità. Sulla base dello studio il consigliere regionale Andrea Zanoni del Pd osserva: «La Regione deve far chiudere la Miteni, bonificare il sito contaminato e promuovere una causa civile per il risarcimento dei danni subiti da comuni, consorzi acquedottistici, allevatori, agricoltori, cittadini».

Il dato che emerge dallo studio è stato reso pubblico ieri, all'ospedale San Giovanni e Paolo di Venezia, a conclusione del convegno internazionale organizzato dalla Regione Veneto, con l'Istituto superiore di sanità e l'Oms, per lanciare uno studio epidemiologico sulla popolazione veneta esposta a sostanze perfluoroalchiliche (Pfas). Dopo aver esaminato valori di contaminazione ed effetti sulla salute di 85mila residenti nei comuni contaminati del Vicentino, dai 14 ai 65 anni, il convegno ha analizzato lo studio effettuato da due esperti della Regione Veneto, Enzo Merler e Paolo Girardi che ha preso in esame un campione misto di 415 dipendenti sul totale di 600, di genere maschile, al lavoro da più di un anno e assunti prima del 2004.

«Abbiamo notato che il gruppo di addetti all'industria chimica giovani con una importante componente con alto livello di educazione, che non fuma mai in azienda, non presenta uno stato migliore di altri, ed è assolutamente più marcato nei dipendenti esposti al Pfoa  - ha spiegato Merler -. Nel gruppo di 75 addetti al Pfoa in particolare registriamo un numero importante di tumori al fegato (triplicato) e cirrosi epatica (+400 per cento), nonché un aumento di mortalità da diabete (+6,9 per cento) e da ipertensione (+7 per cento) rispetto al resto della popolazione». Lo studio ha anche messo in evidenza come dal 2004 al 2012 non siano calate le concentrazioni di Pfoa nel sangue dei lavoratori, mantenendosi sempre tra i 5 e i 10 mila nanogrammi per grammo. «Essendo l'emivita di queste sostanze chimiche di 5 anni - ha detto Girardi - questi lavoratori, anche se non più esposti, non riusciranno mai ad avere concentrazioni simili a quelle della popolazione mai esposta a Pfas».

Intanto la Miteni contesta lo studio sugli esisti materni e neonatali in relazione alla contaminazione da Pfas a cura del Registro nascita Coordinamento Malattie rare Regione Veneto con una nota a firma di un professore dell'università di Milano, Angelo Moretto che critica metodologia e conclusioni del lavoro, affermando che la natimortalità dell'area rossa (1,9 per mille) è inferiore alla media del Veneto (2,5 per mille), che il decorso della gravidanza è definito come fisiologico in una maggiore percentuale dei casi nell'area rossa (83,3 per cento) rispetto alla media del Veneto (81,6 per cento).
 
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Venerdì 24 Febbraio 2017, 14:17






Condividi su Google+ Commenta
<< CHIUDI
CONDIVIDI LA NOTIZIA
Alla Miteni veleni nel sangue dei lavoratori. Zanoni: chiuderla subito
CONDIVIDI LA NOTIZIA
DIVENTA FAN
SEGUICI SU TWITTER
COMMENTA LA NOTIZIA
3 di 3 commenti presenti
2017-02-25 09:01:19
Ma l'ULSS e l'Arpav dove erano ..dormivano sonni profondi...che senso ha tenere in vita carrozzoni con (medici, biologi, chimici, tecnici..) se non fermano sul nascere situazioni a forte rischio . Qualcuno può chiedergli come organizzano il lavoro ? che priorità hanno ?'
2017-02-24 20:11:57
.... chiudere, bonificare, danno. vuote parole intrise d'ideologia del solito ometto ciarliero.. il crimine contro l'umanità è compiuto ed è drammaticamente irreversibile. neppure il tempo e le forze della natura possono contro di esso. l'alchimia soprattutto se moderna è un linguaggio ad essi sconosciuto..
2017-02-24 16:16:33
L'Ilva del veneto. E come per l'Ilva pagheranno solo i cittadini, non i responsabili nè le istituzioni che non hanno vigilato.