Mangia un panino al bar, poi appoggia la testa sul tavolo e muore

PER APPROFONDIRE: bar, cornedo, malore, morto, panino, vicenza
Mangia un panino al bar, appoggia  la testa sul tavolo e muore a 44 anni
CORNEDO VICENTINO - Tragedia l’altro pomeriggio in un bar del centro storico dove per un malore improvviso si è spento il 44enne Enrico Fin. Sarà l’autopsia a stabilire le cause esatte della morte. Verso le 15 di venerdì il 44enne era all’interno del bar e, dopo avere mangiato un panino, ha appoggiato la testa sul tavolino. Il titolare pensando che si fosse assopito lo ha chiamato più volte, senza ottenere risposta. Un altro cliente ha chiamato il 118. Sul posto sono giunti i sanitari del Suem di Valdagno che per oltre un’ora hanno tentato di rianimare l'uomo, prima di certificare il decesso. Enrico Fin probabilmente è stato colto da arresto cardiocircolatorio, ma sarà l’autopsia a fare chiarezza.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Domenica 12 Novembre 2017, 09:46






Condividi su Google+ Commenta
<< CHIUDI
CONDIVIDI LA NOTIZIA
Mangia un panino al bar, poi appoggia la testa sul tavolo e muore
CONDIVIDI LA NOTIZIA
DIVENTA FAN
SEGUICI SU TWITTER
COMMENTA LA NOTIZIA
5 di 9 commenti presenti
2017-11-13 17:45:53
ma che ca...volo c'era dentro al panino?
2017-11-13 15:11:31
..ma i proprietari dei locali pubblici hanno l'obbligo di un corso di primo soccorso e dell'uso del defibrillatore ?
2017-11-13 11:37:25
prima di diffondere certe notizie bisognerebbe anche conoscere i "risultati dell'autopsia": altrimenti quel bar fallisce e forse il signore e' morto per problemi suoi come uno che cammina in strada e viene stroncato da infarto, malore non correlato a cos'ha mangiato o bevuto.
2017-11-12 17:37:10
certo che persone come lapasoa e erminiottone sono il classico esempio di intelligenza sopra la media... c'è proprio da fare gli spiritosi con la morte di qualcuno..
2017-11-13 10:39:29
ed è per questo motivo che quando leggo i commenti dei succitati lettori su Napoli, non me la prendo nemmeno più di tanto. Considerando da chi provengono, non c'è da prendersela