Ghibli 53
19 Maggio 1968

Commenti pubblicati:
Lunedì 23 Luglio 2018, 11:27
Da altra testaa. Allarme sui passi attorno al Sella: «Il numero chiuso ci sta penalizzando» La sperimentazione parte solo oggi, saliranno 2000 auto. Domani vertice tra gli albergatori, possibile una protesta.
Lunedì 23 Luglio 2018, 10:55
La divisa fa di ogni persona che la indossa un dio minore, ma sempre un dio. Quindi occhio al castigo.
Domenica 22 Luglio 2018, 19:38
Per me parlare in viva voce è come partare con quello seduto a destra o dietro, non mi fa nessuna differenza; e lo ripeto non sono un extreterrestre anche se le prime due lettere della mia trga sono ET.
Mercoledì 18 Luglio 2018, 14:29
La frenata d'emergenza, almeno sulla mia funziona fino a 60 Km/h oltre non interviene. E penso che sia così anche per i modelli più nuovi. Per le auto di altre marche mi risulta che la velocità si di 50 Km/h.
Mercoledì 18 Luglio 2018, 14:25
A me non è mai successo, e non sono un extra terrestre. Sarà perchè mantengo sempre e comunque la distanza di sicurezza anche quando sono in colonna.
Mercoledì 18 Luglio 2018, 12:30
Il codice della strada non proibisce l'uso del cellulare, se lo usi con un auricolare (non tutti e due) o con il viva voce. Quindi lo puoi usare solo per parlare, ed è come si stesse parlando con i passeggeri che sono con noi in auto. Inoltre, sia con l'auricolare e con il vivavoce l'aggacio può essere impostato sull'atuomatico, ossia dopo 2 squilli si aggancia e puoi parlare. Sulla mia volvo ho il vivavoce di serie e quando mi arriva una telefonata si spegne la radio e automaticamente parlo con chi ha chiamato, e tutto senza muovere un dito o distrarmi dalla guida; poi se la telefonata non m'interessa sul volate c'è il tasto con il quale sgancio la telefonata e riprendo ad ascoltare la radio e a intrloquire con i compagni di viaggio. Per chi non ha il vivavice di serie esistono quelli da mettere sul parasole con le stess funzioni dei quello di serie che ho sulla mia auto, io già lo usavo con i primi cellulari che avevano il collegamento bluetooth. Sveglia gente che siamo nel XXI secolo.
Giovedì 12 Luglio 2018, 06:36
Alla fine di tutto i raggazzi "irrequieti" e i "carnefice" sono delle "brave" persone, I primi a fare i prepotenti perché così si credono importanti, i secondi si credono sceriffi al di sopra della legge. Alla fine sono tutti dei pagliacci; e lo sono pure i genitori che non sanno che tipologia di figli hanno. La vita è il palcoscenico del teatro, dove ci sono Pinocchio, Lucignolo, il gatto e la volpe, Mangiafuoco e Geppetto, peccato che non ci siano nè il grillo parlante per fare la morale alle situazioni, e nemmeno la Fata Turchina che alla fine sistema tutto. Ma solo dei burattini con sembianze umane.
Lunedì 9 Luglio 2018, 15:57
Hai sbagliato, la colpa è della strada che al momento del'incidente non s'è spostata, questa è un'altra strada da galera. "strada assassina"
Mercoledì 4 Luglio 2018, 10:09
Ha già sostenuto l'esame di maturità .... è risultato Maturo come delinquente e quindi in galera e buttate via la chiave.
Domenica 1 Luglio 2018, 12:50
La guerra è sempre stata la soluzione per fare spazio togliedo gi eccessi; poi si diede respiro alla ricostruzione e alla ripopolazione. Questo dagli inizi dell'essere umano; ora le guerre servono solo per svuotare i vecchi arsenali per riempirli nuovamente con le modernità. Ora però tuto questo lo si ottiene con una stupidità ottusa, e per cosa? per arrivare prima di quello che stà a 10 Km avanti a noi.
Domenica 1 Luglio 2018, 09:54
Tanto torna con la prossima ONG
Domenica 1 Luglio 2018, 09:45
PORDENONE - In caso di incidenti stradali gravi, con feriti o morti, la Polizia potrà verificare telefonini, tablet e agli altri dispositivi di comunicazione presenti all'interno dei veicoli coinvolti nel sinistro per stabilire se questo è stato provocato dal loro utilizzo, con tutte le conseguenze penali e civili che ne derivano. L'indicazione, come riporta il quotidiano di informazione giuridica dirittoegiustizia.it, arriva dalla Procura di Pordenone che, su input della Procura generale di Trieste, ha emanato la direttiva numero 4414 del 26 giugno 2018: per il momento sarà seguita in tutto il Friuli-Venezia Giulia, ma in futuro potrebbe essere adottata anche in altre aree del Paese. Si tratta di una misura che punta a contrastare il crescente fenomeno degli incidenti provocati da distrazioni tecnologiche, come chattare, inviare sms, utilizzare la rubrica telefonica, impostare il navigatore mentre ci si trova alla guida. «L'autista coinvolto in un grave incidente stradale dovrà prontamente collaborare con gli organi di polizia esibendo cellulari, tablet e ogni altro dispositivo reperibile nell'abitacolo, per consentire nell'immediatezza di verificare eventuali interferenze con la condotta di guida», si legge nella pubblicazione della Giuffrè editore, che commenta gli effetti procedurali del provvedimento. «Per chi si rifiuta o nasconderà il telefonino, scatterà la perquisizione personale con il sequestro dell'apparato». I dispositivi elettronici saranno verificati in loco, in particolare quello del conducente, che avrà la facoltà di farsi assistere da un avvocato. Mi auguro sia fatto in tutto il territorio nazionale.
Sabato 30 Giugno 2018, 13:13
Per ridurre la moto in quelle condizioni la velocità non era poca.
Giovedì 28 Giugno 2018, 19:48
Non dico che sia la soluzione, certo è che se la tolleranza per chi guida (per tutti) sia messa a zero e nel caso si sfori la patente viene ritirata a vita sono convinto che qualcuno ci penserebbe due volte prima di bere; poi come sempre c'è l'ecezione alla regola, quello che se ne frega di tutto e di tutti, ma questo non è intelligente ma un somaro.
Giovedì 28 Giugno 2018, 19:44
Dispiace per quanto accaduto R.I.P. Quei carabinieri non hanno nessuno sulla loro coscienza, hanno fatto il loro dovere applicando una legge che è uguale per tutti. La coscienza devono averla coloro che entrano al bar o al ristorante e capire che qualche volta la vita degli altri dipende da loro. Non è semplice restarsene a casa e bere tutto il vino o la birra che si vule e poi andare a dormire? No il rischio è il loro secondo mestiere, e poi si lamentano se si fanno male.
Domenica 24 Giugno 2018, 06:43
Occhio gente, ora non passate e siete fortunati, la prossima volta tocca a voi, oggi esclusi, portatevi tutto da casa, fate il pieno al mezzo di locomozione prima di iniziare la salita, perché quando arriverete in cima tutto costerà il triplo che a casa vostra.
Sabato 23 Giugno 2018, 11:30
Occhio gente, ora non passate e siete fortunati, la prossima volta tocca a voi, oggi esclusi, portatevi tutto da casa, fate il pieno al mezzo di locomozione prima di iniziare la salita, perché quando arriverete in cima tutto costerà il triplo che a casa vostra.
Sabato 23 Giugno 2018, 11:23
Tempo 2 mesi e rientra col barcone/gommone e grazie alle ONG.
Venerdì 22 Giugno 2018, 06:48
Il governatore pensa a salvare il prosecco dalle tempeste in arrivo. Secondo lui in veneto le USSL sono le migliori ma sono carenti nelle sicurezza sul lavoro. Mi ricordo qualche anno fa dovetti fare ben 3 denuncie (non anonime, ma con tanto di generalità e recapiti telefonici) prima che ci fosse l'intervento degli addetti; arrivarono in 6 quando ne bastava 1 al massimo 2, anche qui uno spreco di denaro pubblico.
Giovedì 21 Giugno 2018, 14:02
Se quello che scivi è vero hai perso del tempo, vai e denuncia, se non lo fai sei un/a complice silenzioso/a.
Giovedì 21 Giugno 2018, 13:59
Almeno per una volta di cosa scommetti, soldi, pugni nel naso e su cosa; altrimenti stai fermo con le mani, togliele dalla tastiera.
Mercoledì 20 Giugno 2018, 10:39
La soluzione è che la polizia non usi più le auto identificabili ma come in Svizzera, dove le auto della polizia con lampeggianti e sirena visibile sono rarissime, sono tutte auto normali.
Mercoledì 20 Giugno 2018, 09:58
A4 l'autostrada della morte, ma non perchè l'arteria autostradale sia pericolosa, ma per colpa dei deficienti che non rispettano le regole.
Martedì 19 Giugno 2018, 16:42
Dove è scritto sul breve articolo che è stato postato?
Martedì 19 Giugno 2018, 16:40
Ho l'auto con il collegamento allo smartphone, ho tutti i comandi al volante, inoltre il mio cellulare è attivato a voce e quindi non vedo perché non posso usare questa tecnologia. Concordo con lei sul fatto che ci sono dei deficienti che pur avendo a disposizione tele tecnologia non la usi.
Martedì 19 Giugno 2018, 16:34
Prima cosa l'incidente è avvenuto su una rampa in uscita e li il limite dovrebbe essere di 40 Km/h se non adirittura di 30 Km/h, le tre corsie non centrano nulla.
Martedì 19 Giugno 2018, 16:31
Prima di commentare aspetto di leggere, domani, la notizia completa sul digitale.
Lunedì 18 Giugno 2018, 10:13
Ragione di che? Anche mia madre ha quel tipo di diabete e quando succede la crisi è così semplice e facile fare l'iniezione che non comporta nessun rischio, anche perche l’iniezione è intramuscolo; coscia o gluteo. Svegliatevi imbranati
Lunedì 18 Giugno 2018, 06:42
Da quelle parti non hanno mai digerito il governo di Roma, nemmeno quando c'erano i romani con i cesari, quindi nulla di nuovo. Li non c'è la mafia del sudd-italia ma quella del sud-tirolo.
Sabato 9 Giugno 2018, 13:36
Se l'ascensore è datato alcune sicurezze mancano e non sempre si possono installare. Il freno da te menzionato funziona solo se si rompe una fune, essendo sceso lentamente è un ascensore idraulico ed è entrata in funzione la sicurezza della valvola posta sulla pompa, che porta la cabina a fermarsi 15 cm sotto la soglia del piano più basso, dando così l’opportunità di aprire le porte di piano agevolmente e poi forzare il leveraggio delle porte di cabina.