Clara P.

Commenti pubblicati:
Lunedì 24 Settembre 2018, 14:39
Dalla fine degli anni 80 fino al 2018 tutti i presidenti del consiglio sono stati del nord o del centro Italia, Berlusconi è di Milano e nel 2011 ci ha lasciato a un passo dal baratro, poi sono arrivati, Monti, Letta, Renzi, Gentiloni nessuno di loro ha fatto miracoli per l'Italia, il PD del toscano Renzi non deve aver governato così bene se poi è sprofondato al 18%. Adesso vediamo cosa sono capaci di fare questi, poi li giudicheremo.
Lunedì 24 Settembre 2018, 14:34
I tagli sono stati fatti dal governo precedente, questo governo sta cercando i soldi da dare alla sanità pubblica, ma non è facile dopo 20 anni di sperperi , poi ci sono gli sprechi, quelli è giusto tagliarli. Io aspetterei la manovra per vedere davvero cosa ci sarà dentro.
Sabato 22 Settembre 2018, 17:12
Non è forse vero che in Italia e in Europa esiste una burocrazia potentissima che conta più dei politici, del voto, del popolo e che decide sopra le nostre teste? Chi decise che dovevamo avere un governo tecnico? Chi ci ha imposto tante scelte in questi anni che non state votate da nessuno?
Venerdì 21 Settembre 2018, 23:59
E' scritto nella proposta di legge spiegata pure dai giornali, per avere il RDC bisogna assicurare al proprio comune un certo numero di ore per fare lavori di pubblica utilità e poi fare formazione e cercare attivamente lavoro, come si fa in Germania. Quindi non c'è il tempo per stare a casa o lavorare al nero. Poi tutto si può migliorare, secondo me la formazione non dovrebbero farla i centri per l'impiego, ma direttamente le aziende che riqualificano il lavoratore, così c'è un'esperienza diretta e se il lavoratore piace e serve, l'azienda se lo tiene. Guardi che lei da anni paga un sacco di ammortizzatori sociali, che costano un sacco di soldi e vengono presi senza cercare lavoro, qualificarsi e fare lavori utili al proprio comune, in pratica per non fare nulla, tipo il reddito di inclusione, se a lei sta bene che resti tutto così!
Venerdì 21 Settembre 2018, 14:10
Il reddito di cittadinanza si chiama così perchè ci vuole la cittadinanza italiana, come mai Tria ha detto che era anche per stranieri? A pensar male si fa peccato però....Il reddito di cittadinanza non consente di stare a casa senza fare nulla,hai tutta la giornata occupata da corsi e volontariato, invece il reddito di inclusione del PD stai a casa senza fare nulla, perchè il PD dice che il RDC è assistenzalismo, ma poi hanno fatto il REI che ti danno i soldi senza fare nulla? Alla notizia che il RDC era solo per italiani la sinistra radical chic è insorta, come mai il RDC per gli italiani non va bene, ma poi insorgono se non viene dato anche gli stranieri?
Venerdì 21 Settembre 2018, 13:15
Ai poveri,ma anche ai furbetti della dichiarazione dei redditi, quelli che lavorano al nero e ai nullafacenti, fino a che non vengono scoperti, già diamo tanti ammortizzatori sociali, per esempio se gli spetta in base al reddito e alle condizioni, diamo:pensione sociale, sussidi di povertà dei comuni, social card, reddito di inclusione, esenzione ticket, mensa per bambini, case popolari, ecc. In Italia gli ammortizzatori sociali già esistono ma vengono erogati senza chiedere nulla in cambio, no ricerca del lavoro, no formazione, no volontariato, li prendi e basta, alcuni come le case popolari quando li hai agguantati chi li molla più.Inoltre vanno anche agli stranieri. Il REDDITO DI CITTADINANZA si chiama così perchè è per i cittadini italiani, non è un ammortizzatore sociale, ma è una politica di inserimento lavorativo come Hartz in Germania che ha consentito di ridurre la disoccupazione da 4 milioni di disoccupati a un tasso di disoccupazione del 3,5%. Per averlo devi fare formazione, cercare lavoro e fare un certo numero di ore di lavori utili per il tuo comune, quindi non hai il tempo di lavorare al nero o stare a casa a guardare la tv, ma i critici continuano a dire che il reddito di cittadinanza lo prenderanno quelli che lavorano al nero o nullafacenti. E' una bufala! Invece sono i vecchi ammortizzatori sociali che ci costano un sacco di soldi e vengono dati anche a chi un lavoro non lo va proprio a cercare.
Venerdì 21 Settembre 2018, 12:58
Se avesse preso un aereo blu ci sarebbe costato qualche milioncino di euro, ha preso un volo di linea e pure in Economy ci è costato qualche centinaia di euro. Quelli che lo criticano si stanno proprio ad arrampicare sugli specchi, sono stati risparmiati soldi degli italiani. Se un giorno avrà bisogno del volo di stato lo prenda pure, ma se può fare a meno tanto meglio, è un piccolo segnale che anche loro fanno dei sacrifici, perchè è ovvio che volare con l'air force Renzi sarebbe più comodo, ma anche molto costoso per noi contribuenti.
Giovedì 20 Settembre 2018, 19:17
Una tragedia terribile.
Giovedì 20 Settembre 2018, 14:05
Aspettiamo la manovra così vediamo davvero che c'è, il resto sono continue indiscrezioni di stampa che lasciano il tempo che trovano.
Giovedì 20 Settembre 2018, 14:02
Il vitalizio è un privilegio, scommetto che alcuni di questi hanno pure votato la fornero che toglieva i diritti acquisiti degli altri e adesso protestano per tenersi i loro privilegi acquisiti.
Giovedì 20 Settembre 2018, 14:00
Questa legge fu fatta dal precedente governo del PD.
Giovedì 20 Settembre 2018, 13:57
Non sono contro i grandi eventi, però negli anni precedenti ci hanno sempre detto che olimpiadi e mondiali sarebbero stati un volano per l'economia e un'occasione per dotarci di infrastrutture, invece sono rimasti debiti ancora da pagare e cattedrali nel deserto, certe volte pure qualche inchiesta.
Mercoledì 19 Settembre 2018, 23:27
@lepoint il reddito di cittadinanza è copiato dalla riforma tedesca Hartz che riformò il sistema dei sussidi in Germania, prima venivano dati soldi ai tedeschi poveri, con la riforma Hartz si decise di dare i sussidi solo in cambio di un percorso di inserimento lavorativo, questo ha rimesso in moto la Germania che era entrata in crisi con i costi della riunificazione e negli anni 2000 aveva 4 milioni di disoccupati, la Merkel campa ancora delle riforme di Schroeder. In Italia i sussidi già esistono, per esempio il reddito di inclusione che viene dato in cambio di nulla, nessuno ti chiede di formarti, cercare lavoro, fare volontariato per il comune, poi esistono cassa integrazione, sussidi comunali, case popolari, ecc. e vengono dati sempre senza chiedere nulla in cambio. Il RDC è una politica attiva di ricerca del lavoro, ovviamente va avviato come fecero in Germania riformando i centri per l'impiego e creando i percorsi di formazione magari dentro le aziende. Se venissero cancellati tutti i sussidi che abbiamo e che vengono dati in cambio di nulla e sostituiti con un paio di ammortizzatori sociali universali che ti avviano al lavoro, alla fine risparmieremmo un sacco di soldi.Se le riforme non si fanno mai resteremo sempre al livello della Grecia.
Mercoledì 19 Settembre 2018, 23:16
Per quelli che scrivono che la riforma di Renzi aboliva il senato, guardate che non era così, il senato restava solo che veniva riempito con gente che arrivava dalla regione, tipo consiglieri regionali, quindi i costi restavano. Infatti gli italiani hanno bocciato quel referendum.
Mercoledì 19 Settembre 2018, 16:01
Per quelli che dicono che non bisogna aumentare il deficit, sicuramente il debito è un problema, ma dipende che ci fai, se spendi i soldi per rilanciare l'economia o i consumi, il debito diventa un investimento. E' come quando si chiede un prestito per investire in un'azienda, all'inizio hai un debito, ma poi la tua azienda inizierà a produrre, ripagherai il debito e ci guadagnerai. Negli ultimi 7 anni sono state fatte politiche di austerità alla Monti, l'Italia è cresciuta meno, ma il debito pubblico è aumentato, perchè se l'Italia non cresce, il debito non lo ripaghiamo mai, nel frattempo aumentano i poveri e i poveri non consumano, così si avvita tutta l'economia.
Mercoledì 19 Settembre 2018, 14:12
In Italia abbiamo quasi 1000 parlamentari che in genere lavorano dal martedì al giovedì e sono i più pagati d'Europa, ci servono tutti? Secondo me no!
Mercoledì 19 Settembre 2018, 14:01
I guai finanziari della Grecia cominciarono subito dopo le Olimpiadi, troppi sprechi, in Italia fino a poco tempo fa stavamo ancora pagando i costi di Italia 90, siamo pieni di strutture costruite durante i giochi olimpici o i mondiali e poi è finito tutto abbandonato, con molti soldi spesi e non si capisce fino a che punto rientrati.
Mercoledì 19 Settembre 2018, 13:56
Sappiate che sia la Francia che la Spagna hanno superato il tetto del 3% e sono cresciute pù di noi, il governo non chiede di superare il tetto, ma arrivare almeno al 2%, non mi pare una richiesta così assurda se serve a fare gli investimenti per la crescita, non possiano stare attaccati allo 0,% imposto da Bruxelles. In questi anni da Monti a Letta, da Renzi a Gentiloni hanno fatto fatto esattamente come voleva Bruxelles, il risultato è stato meno crescita e debito più alto. Le politiche di austerity sono fallimentari. Se vogliamo uscire dalla crisi dobbiamo investire anche facendo un po' di debito e cmq il bilancio statale è pieno di sprechi, il ministro dell'economia anzichè dire no a tutto, deve fare i tagli agli sprechi.
Venerdì 14 Settembre 2018, 23:01
Gli euroburocrati sono insopportabili, ma Salvini da quando è ministro ha litigato con tutti, può essere che il problema è lui e la sua arroganza, se va avanti così, tra qualche mese saremo isolati.
Venerdì 14 Settembre 2018, 22:58
In realtà a parte le solite parole di circostanza, i risultati in Europa sono zero. Per rimpatriare i migranti ci vogliono gli accordi senza quelli non si rimpatria nessuno, per farli bisogna avere l'appoggio di tutta Europa, per questo andare in Europa a fare casino è controproducente, fa salire nei sondaggi, ma non aiuta a risolvere i problemi.
Venerdì 14 Settembre 2018, 16:23
Salvini ieri ha twittato non sbarcheranno da noi, cosa è successo? I migranti sono sbarcati tutti da noi. La politica non si fa con i tweet, si fa in Europa con la diplomazia, in Africa con gli accordi. Quindi si passa le giornate a lavorare in silenzio per fare accordi per cambiare Dublino e per fare i rimpatri dei clandestini, se uno passa le giornate a fare le dirette social o litiga con tutti, non ottiene nulla. Infatti Malta non si è filata Salvini e i suoi tweet, l'Europa non si prenderà un migrante e i paesi di provenienza senza gli accordi non si riprenderanno mezzo connazionale.
Venerdì 14 Settembre 2018, 16:17
Pure Renzi era convinto di ottenere le cose battendo i pugni sul tavolo, ma poi quando tornava in Italia aveva ottenuto un pugno di mosche, Salvini sta facendo lo stesso errore, va in Europa, fa casino, campagna elettorale permanente, dirette su FB, post su twitter, litiga con tutti, così cresce nei sondaggi, ma i risultati reali sono nulli, perchè in Europa puoi strillare quanto ti pare nessuno ti fila. In Europa sanno che un paese che ha il terzo debito pubblico del mondo e una situazione difficile come la nostra può fare la voce grossa, ma poi la realtà ti presenta il conto. La realtà è che non ci sono tanti soldi per fare i rimpatri, che non ci sono accordi con i paesi di provenienza, che Dublino dice che tutti quelli che sbarcano restano qui, che chi parte e arriva non lo puoi respingere, ecc. allora la soluzione non è strillare in Europa o litigare con i partners europei, ma lavorare di diplomazia, il contrario di quello che sta facendo Salvini. Al ritorno da Bruxelles non avrà ottenuto nulla, esattamente come Renzi.Nel frattempo i migranti arrivano e restano nonostante i tweet di Salvini.
Martedì 11 Settembre 2018, 15:30
La giustizia è lenta,ma inesorabile, se sono stati condannati a restituire i 49 milioni di euro, c'è poco da fare penso proprio che li dovranno restituire.
Martedì 11 Settembre 2018, 15:26
Se ho capito bene dovrebbe pagare Autostrade che aveva in gestione il ponte Morandi, ma lo costruirà Fincantieri che è azienda di stato.
Martedì 11 Settembre 2018, 15:22
Si potrebbe ribaltare la domanda se i negozi devono restare aperti no stop allora perchè devono stare chiusi uffici pubblici,scuole,asili,banche,ecc.??? Una cosa sono i servizi pubblici essenziali dove tra l'altro esistoni i turni, un'altra lo shopping che non è proprio essenziale di domenica, visto che ormai ci sono negozi aperti da lunedì al sabato fino alle 21/22 di sera. Anzi i negozi sempre aperti tolgono lavoro a ristoranti,pub,cinema,parchi giochi,non si va fuori il weekend perchè c'è più gente al lavoro,ecc. Quindi qualche regola non mi sembra una cattiva idea. Se lavorassimo tutti h24 7 giorni su 7, lavoreremmo solo e chiuderebbe tutta l'industria del divertimento o turistica, oltre al danno di intere famiglie che manco si vedrebbero più.
Lunedì 10 Settembre 2018, 17:28
La proposta di legge di Di Maio che ho letto sui giornali non chiude tutti i negozi tutte le domeniche, ma ci sono dei turni come le farmacie, e sono escluse le zone turistiche. Quindi la spesa la domenica si potrà fare lo stesso, però chi lavora nei negozi potrà stare più facilmente libero la domenica, così le famiglie si potranno riunire, ci lamentiamo sempre che le famiglie sono allo sbando,nessuno controlla i figli, o i giovani non fanno figli perchè lavorano sempre, diamo la possibilità alle famiglie di stare insieme e alle mamme che lavorano nei centri commerciali di farsi Pasqua e Natale con i loro bambini. Lo shopping non è un servizio pubblico essenziale.
Lunedì 10 Settembre 2018, 16:12
Salvini mi è simpatico, ma i suoi successi con l' immigrazione sono in realtà il frutto del successo di Minniti che ha lavorato sodo per mesi per fare gli accordi con i libici, se in Libia riesplode la guerra e quegli accordi saltano, torneranno i barconi e sbarcheranno di nuovo 200 mila migranti l'anno e neanche Salvini potrà farci nulla. Come non può fare nulla per i rimpatri, infatti ha ammesso che di questo passo ci vorrano 80 anni e non come aveva promesso in campagna elettorale al primo consiglio dei ministri.
Lunedì 10 Settembre 2018, 16:08
Si tratta di una fake news già smentita dagli stessi giornali che l'hanno data. Lo stesso Emiliano ha chiarito di cosa parlavano.
Lunedì 10 Settembre 2018, 14:18
"Sul tema molte reazioni sui social, tra cui quella dell'ex portavoce Pd nazionale Stefano Di Traglia che difende il vicepremier M5S: «Chi conosce un pochino il dossier di Matera 2019 - scrive su Fb - sa che la domanda di Di Maio al presidente della Regione Puglia Emiliano è pertinente. Non è una gaffe». Secondo Di Traglia, infatti, Di Maio si riferisce alle collaborazioni tra le due Regioni. Emiliano dopo l'apparente imbarazzo spiega al ministro dello Sviluppo: «Noi stiamo finendo la ferrovia che è un investimento tutto pugliese, sennò loro non hanno la stazione» Infatti è Emiliano che non ha capito la domanda, perchè Di Maio c'era appena stato a Matera e quindi sa benissimo che è in Basilicata. Dai adesso capisco che i social questo fanno, ma non è una gaffe, è un equivoco di Emiliano.
Lunedì 10 Settembre 2018, 14:13
In parlamento ci sono proposte sull'apertura dei negozi di 5s,lega e persino pd,che adesso fa finta di essere contrario solo perchè lo ha proposto Di Maio,però a leggere i commenti sembra che Di Maio è impazzito e vuole chiudere l'Italia,in nessuna proposta c'era la chiusura di tutti i negozi tutte le domeniche, e Di Maio non ha fatto nessuna marcia indietro perchè la proposta è sempre stata la turnazione, solo che la gente non legge le proposte di legge, non legge neanche gli articoli di giornale dove c'erano le spiegazioni, legge solo il titolo e non lo capisce neanche.