Giuseppe Bortolin
1 Gennaio 1954

Commenti pubblicati:
Lunedì 1 Maggio 2017, 23:39
I recenti interventi della Corte Costituzionale, del Parlamento e del Governo non hanno risolto l’assurdità di una tutela legale della bestemmia. Oltre a essere diventata, in alcuni casi, quasi un intercalare, va riaffermato con forza che la bestemmia, al giorno d’oggi, non rappresenta altro che la tutela giuridica di “persone” la cui esistenza è indimostrabile. Nel 2014, persino dall’Onu sono emerse richieste di abrogare ogni legislazione anti-blasfemia. Nei fatti, l’allargamento della fattispecie a tutte le divinità ha in realtà ulteriormente minato la libertà di pensiero e di critica, come è stato fatto notare da più parti. L’anacronismo è reso ancora più stridente dalla volontà, da parte delle confessioni religiose di minoranza sottoscrittrici di intese con lo Stato, di vedersi tutelate in materia penale esclusivamente in base ai diritti di libertà sanciti dalla Costituzione, e non mediante la tutela specifica del sentimento religioso. La permanenza della bestemmia nel Codice penale — anche se come illecito amministrativo — resta così, ancora oggi, legata a una precisa volontà egemonica della Chiesa Cattolica.
Mercoledì 26 Aprile 2017, 15:04
Vannoni e' un truffatore riconosciuto e condannato per avere somministrato false terapie. Che c'entrano gli interessi delle case farmaceutiche? Qui gli unici interessi in ballo sono quelli dello stesso Vannoni.
Lunedì 24 Aprile 2017, 14:29
Vino era ironico...
Lunedì 24 Aprile 2017, 14:27
Additivi. Mercurio (thimerosal) L’ipotesi di un danno possibile al sistema nervoso nei bambini vaccinati deriva dall’osservazione di difetti dello sviluppo neuropsicologico, autismo, disturbo da deficit di attenzione e iperattività.12-15 Tra gli additivi dei vaccini, il mercurio era presente in alcuni vaccini sotto forma di etilmercurio nel con- servante thimerosal. In realtà la forma nota per essere neurotossica è il metilmercurio che si ritrova ne- gli alimenti e in particolar modo nel pesce e viene eliminato dall’organismo più lentamente. La dose di mercurio ricevuta con le vaccinazioni era ben al di sotto del limite di sicurezza.16 Nel 2012, l’OMS ha concluso che le prove disponibili sono sufficienti a supportare la sicurezza del thime- rosal.17 In ogni modo, in nome del principio di precauzione, attualmente nessun vaccino da somministra- re in età pediatrica nei paesi industrializzati contiene thimerosal,18 che invece è ancora presente nei vac- cini utilizzati nei programmi vaccinali nei paesi in via di sviluppo come conservante per evitare il rischio di contaminazione.19 Alluminio Nei vaccini continuano a essere presenti additivi contenenti alluminio in quantità di qualche milligrammo (da 0,25 a 2,5 mg), assai inferiore ai 5-20 milligrammi di alluminio che ogni giorno assu- miamo con il cibo (120 mg per un bambino nutrito con latte artificiale) e che l’organismo elimina con grande facilità. Squalene Lo squalene è un triterpene prodotto da tutti gli organismi superiori incluso l’uomo e presente in numerosi alimenti come anche nei cosmetici. E’ stato indiziato per aver avuto un ruolo nella sindrome del golfo che ha colpito i reduci americani dalla prima guerra irakena, ma livelli elevati di anticorpi anti- squalene erano presenti anche nella popolazione di controllo, inoltre il vaccino contro l’antrace (conside- rato come possibile colpevole) non conteneva squalene.20,21
Sabato 22 Aprile 2017, 14:00
L’Art. 55 (Informazione sanitaria) del codice di deontologia professionale dei medici recita: “Il medico promuove e attua un'informazione sanitaria accessibile, trasparente, rigorosa e prudente, fondata sulle conoscenze scientifiche acquisite e non divulga notizie che alimentino aspettative o timori infondati o, in ogni caso, idonee a determinare un pregiudizio dell'interesse generale”. L'interesse generale, il bene comune, la salute pubblica sono gli obiettivi primari di un medico e devono sopravanzare il pur giusto interesse personale (a fare carriera, ad essere adeguatamente remunerato, a tutelare il diritto alla propria privacy e al proprio tempo libero). Divulgare notizie infondate, scorrette e che mettono a rischio la salute dei bambini per mero interesse personale (visite private, libri, conferenze, casa editrice, fama e gloria) e approfittando dell'autorevolezza del camice bianco non vuol dire essere come Galileo Galilei ma violare uno dei più elevati principi etici di una professione fortemente permeata dall'etica. Questo è il pericolo, il danno contestato a Roberto Gava, un pericolo potenziale che molti bambini hanno scampato solo grazie al fatto che, per loro fortuna, la maggior parte dei genitori continuano a vaccinare, un danno culturale incalcolabile per aver favorito la diffusione di concetti assurdi, di ignoranza e di atteggiamento antiscientifico e per aver irretito tanti cittadini. Roberto Gava, dipendente pubblico del Sistema Sanitario Nazionale ha minato la fiducia dei pazienti nella stessa Istituzione che lo paga e ha violato il diritto dei cittadini ad una giusta informazione che permettesse loro di partecipare attivamente alla tutela della salute. Ma per i suoi avvocati "nessun paziente è scontento di lui, anzi tutti sono pienamente soddisfatti" perché forse per Roberto Gava e i suoi avvocati conta di più la soddisfazione del "CLIENTE" della tutela della salute dei pazienti...quest'atteggiamento da MERCATO RIONALE non si addice al medico che alla soddisfazione del singolo deve preferire sempre la salute del paziente e della comunità..
Venerdì 21 Aprile 2017, 21:33
I livelli di alluminio nel sangue crescono maggiormente in chi beve bibite in lattina che nei vaccinati. Non glielo aveva detto nessuno?
Venerdì 21 Aprile 2017, 21:31
La percentuale dei cosiddetti non responder, cioe' delle persone che non sviluppano anticorpi dopo la vaccinazione, per il morbillo e' del 2-5% dopo la prima dose e dell'1% dopo la seconda dose. Se la strategia difensiva fosse quella di sostenere che "forse quelli senza anticorpi sono dei non responder" si tratterebbe di una strategia scientificamente insostenibile.
Venerdì 21 Aprile 2017, 21:05
Paragonarsi a Galileo. Ma che modestia!
Venerdì 21 Aprile 2017, 18:40
La liberta' di un singolo termina dove inizia la liberta' degli altri. Quindi e' giusto che non sia concessa la liberta' di infettare gli altri.
Lunedì 17 Aprile 2017, 15:22
Della serie: "non sono razzista, ma...". Qui tradotto in: "non sono antivaccinista, ma..."
Domenica 16 Aprile 2017, 11:49
Certo che uno che sostiene "se sbagli scelta del vaccino al massimo... crepi." ha una credibilita' pari a zero.
Domenica 16 Aprile 2017, 11:47
Serso81, e lei a che titolo parla? Ha qualche argomento valido da proporre?
Domenica 16 Aprile 2017, 11:35
Quantomeno curiose le affermazioni di questo tono visto che sono dette dall'uomo più ricco del mondo...
Sabato 1 Aprile 2017, 18:39
E' proprio per proteggere i "non responder" e quelli che per problemi di salute non possono essere vaccinati che bisogna raggiungere il 95% di vaccinati nella popolazione infantile. Così si innesca la cosiddetta immunita' di gregge.
Sabato 1 Aprile 2017, 18:33
Avete mai sentito parlare del DHMO? Il Monossido di Diidrogeno è contenuto in TUTTI I VACCINI ed è noto per essere un componente causale di tantissime perdite di vita MA NESSUNO VE LO DICE!! Leggete qui: - Morte dovuta ad inalazione accidentale di DHMO, anche in piccole quantità. - Esposizioni prolungate a DHMO allo stato solido possono causare gravi danni ai tessuti biologici. - L'ingerimento di quantità eccessive di DHMO produce una serie di effetti sgradevoli, anche se tipicamente non mortali. - Il DHMO è uno dei componenti principali delle piogge acide e delle scie chimiche. - Il DHMO allo stato gassoso può causare ustioni anche gravi. - Il DHMO contribuisce in modo significativo all'erosione del suolo. - Il DHMO può corrodere ed ossidare diversi metalli. - Contaminazione da DHMO su componenti elettronici e circuiti elettrici può causare in determinati casi anche dei corto-circuiti. - I freni delle automobili esposti al DHMO perdono gran parte della loro efficienza. - Il DHMO è sistematicamente rilevabile nelle biopsie di tumori pre-cancerosi e di diversi tipi di lesioni. - Il DHMO è spesso associato con i "cicloni killer", sia negli Stati Uniti che in altri Paesi. - Si sospetta che variazioni termiche di sistemi ad alto contenuto di DHMO contribuiscano in modo significativo all'effetto meteorologico "El Nino". E questa è solo la minima parte dei GRAVI EFFETTI del DHMO. APRITE GLI OCCHI!! Non fatevi fregare!!!!!!!!!
Sabato 1 Aprile 2017, 17:41
Complessivamente sono 13 i ricoverati, di cui 5 bambini. Uno dei ricoverati è un ragazzo di 27 anni attualmente in rianimazione per insufficienza respiratoria grave, le cui condizioni sono gravi ma stabili. Il ragazzo aveva ricevuto una sola dose di vaccino contro il morbillo nel 1991, anziché due come previsto. La polmonite è una delle complicazioni previste nei malati di morbillo. Con la finalità di circoscrivere l’aumento dei casi di morbillo e rispondere alle richieste crescenti della popolazione di effettuare la vaccinazione, l’Azienda ULSS 6 lancia la campagna di promozione della vaccinazione denominata “La settimana contro il morbillo” che parte domani, sabato 1 aprile e durerà fino a sabato 8 aprile. Durante questo periodo gli ambulatori delle vaccinazioni saranno aperti senza appuntamento con i seguenti orari, per bambini, adolescenti, giovani adulti. #RIV #bastamorbillo #complicanze #NoAllaDisinformazione #TeamVaxItalia
Sabato 1 Aprile 2017, 17:02
Sicuramente gli immunologi, anche se non conoscono alcuni dettagli delle difese immunitarie (ma lei a quali parti dell'immunologia si riferisce quando parla della mancata conoscenza del sistema immunitario?) le conoscono meglio di chi si mette a pontificare nei social avendo una laurea all'Università della vita. Poi a che cosa fa riferimento quando parla di "tutto quello che viene iniettato insieme al virus?" Mercurio? Alluminio? Squalene? Vada tranquillo che non ci sono pericoli e c'e' una spiegazione per tutto. Per chi ha l'apertura mentale di voler ascoltare.
Sabato 1 Aprile 2017, 16:51
Un bambino di etnia rom non vaccinato, se viene a contatto con una popolazione vaccinata trovera' l'ostacolo dell'immunita' di gregge che impedira' la diffusione del virus. Se questo bambino ha provocato una piccola epidemia e' perche' e' venuto a contatto con una popolazione vaccinata in maniera insufficiente. Per avere immunita' di gregge serve una copertura vaccinale di alnpmeno il 95% che il Veneto non raggiunge.
Sabato 1 Aprile 2017, 16:14
Ma di quali linee guida parla? Lei oltre a "io ho fatto, io sono andata, io so e posso dare un n. di telefono" e' in grado di dare riferimenti seri? Un bel link per esempio. O un estratto della linea guida. L'articolo di ieri sul Gazzettino cartaceo sul prof. Palu' era chiaro. Lei concorda con Palu' come concordo io o ritiene di doverlo correggere?
Sabato 1 Aprile 2017, 16:02
La scuola dovrebbe educare al senso critico. Ma spesso non lo fa. E senza senso critico si e' esposti alle più svariate e fantasiose credenze.
Venerdì 31 Marzo 2017, 16:56
Mai stati vaccinati tutti. A malapena negli ultimi 17 anni si e' raggiunto solo un paio di volte il 90% di vaccinati in età pediatrica. Fra gli adulti ci sono dei non vaccinati non immunizzati. Lei è medico?
Venerdì 31 Marzo 2017, 16:53
Qui si parla di morbillo, non di varicella.
Venerdì 31 Marzo 2017, 15:15
Anton48 ci dai la fonte della tua informazione che un vaccinato potrebbe contagiare? Perche' a me non risulta proprio.
Venerdì 31 Marzo 2017, 14:17
Discorso inutile e fuori tema sudtiroler. Se tutti fossero vaccinati un bambino infetto non contagerebbe nessuno.
Venerdì 31 Marzo 2017, 14:15
Comincia a dare nome, cognome e indirizzo di quel farmacista.
Venerdì 31 Marzo 2017, 13:30
Un piacere per gli occhi trovarsi davanti un cadavere. Particolarmente nei momenti difficili.
Venerdì 31 Marzo 2017, 13:25
Molti genitori, quando si parla di morbillo, se ne escono fuori con l'incredibile frase "io l'ho avuto e sono in perfetta salute". Insomma, esiste la percezione del morbillo come di una malattia lievissima, ma è una percezione sbagliatissima. Per capirlo meglio, andiamo a vedere i numeri inoppugnabili dell'ISTAT (per i quali ringrazio Luisa Frova) che ci dicono cosa succedeva in Italia quando il vaccino non c'era. Tra il 1950 e il 1970, anni in cui il nostro paese non era propriamente a livello del terzo mondo, in Italia sono morti 5473 bambini di morbillo. Avete letto bene: cinquemilaquatrocentosettantatre morti, corrispondenti a 274 bambini all'anno chiusi in piccole bare e sepolti. Ora tutti voi comprenderete che queste 5473 persone hanno qualche difficoltà a scrivere su Facebook "io l'ho avuto e sono morto", così come hanno problemi a scriverlo quelli che sono morti in moto per la mancanza del casco o in auto per non avere allacciato le cinture. Il morbillo è una malattia da un lato evitabile con un vaccino estremamente sicuro ed efficace; dall'altro molto contagiosa e molto pericolosa. In un caso su mille ci sono conseguenze gravi e permanenti (danni all'udito, alla vista, problemi neurologici) e in un caso su due-tremila, anche con la migliore assistenza del mondo, il malato muore, pure se al momento dell'infezione era in perfetta salute. Per questo dobbiamo tutti vaccinare i nostri figli, o - se adulti - correre a vaccinarci qualora necessario. Il vaccino, eccezionalmente sicuro, è talmente efficace da fare sparire il virus nelle comunità dove utilizzato adeguatamente. Pensateci tutti in tempo, perché poi potrebbe essere tardi. Come vi racconta in maniera struggente lo scrittore Roald Dahl, che ha dedicato alla sua figlia Olivia, morta di morbillo a 7 anni, il suo libro "Il Grande Gigante Gentile". " A sette anni, Olivia, la mia figlia maggiore, prese il morbillo. Ricordo che mentre la malattia faceva il suo corso leggevo spesso per lei mentre era a letto, e non ero particolarmente preoccupato. Poi un mattino, quando ormai stava guarendo, ero seduto sul suo letto e le stavo mostrando come fare degli animali con dei nettapipe colorati. Quando ha provato a farne uno lei, mi sono reso conto che le sue dita e la sua mente non si coordinavano e lei non riusciva a fare niente. «Ti senti bene?» le chiesi. «Mi sento assonnata», mi rispose. Nel giro di un’ora aveva perso conoscenza. Dodici ore dopo era morta. Il morbillo si era trasformato in una cosa terribile chiamata encefalite, e non c’era niente che i dottori avrebbero potuto fare per salvarla." Nel 1962 il vaccino non c'era e il morbillo non si poteva evitare. Oggi il vaccino c'è, è sicuro e funziona. Corriamo a vaccinare i nostri figli e - se necessario - a vaccinarci noi stessi. Perché se non lo facciamo ben presto un altro padre potrebbe dovere scrivere una lettera come questa. Non sarà in questo caso fatalità, ma una tragedia causata dall'ignoranza e qualcuno avrà sulla coscienza la vita di quella bambina, se una coscienza ce l'ha. ------ Fonti Dati Istat http://www.istat.it/it/archivio/109861
Giovedì 30 Marzo 2017, 13:25
Rifacendosi a una vecchia pubblicita' si potrebbe dire: "Chi non vaccina avvelena anche te. Digli di smettere!"
Lunedì 20 Marzo 2017, 12:38
Non mi intendo di autismo, ma so selezionare con attenzione le mie fonti di informazione, evitando i siti che raccontano solo bufale e falsita'. La correlazione tra vaccini e autismo e' stata un'invenzione di un medico inglese radiato da anni dall'ordine ed è' stata smentita da tonnellate di studi. Chi ancora sostiene che ci sia questo legame diffonde solo bugie.
Sabato 18 Marzo 2017, 18:03
Non e' cosi' Masidesign. La relazione fra vaccini e autismo e' ormai smentita definitivamente e non e' corretto riproporla visto che si tratta di una bufala assodata. Quanto si rischi, quelli dei vaccin i sono migliaia e migliaia di volte inferiorità a quelli delle malattie. Perche' continuare a combattere questa battaglia che danneggia solo i piu' deboli, visto che si basa solo su bugie e falsita'?