Marco van Beethoven
9 Gennaio 1924

Commenti pubblicati:
Lunedì 19 Febbraio 2018, 16:07
Una famigliola di quattro persone, con due bambini magari di 12 e 10 anni compiuti, paga 40 euro? Mi pare una ladrata, onestamente. Avrei fatto 5 euro il prezzo del biglietto intero e gratis per gli studenti under 18.
Lunedì 19 Febbraio 2018, 15:22
Se non sono rumeni, sono moldavi. Se non sono bosniaci sono bulgari. Ahimè, però son sempre loro! Viva il decreto svuota carceri. Viva l'indulto.
Giovedì 15 Febbraio 2018, 07:25
Dopo anni di regalini e regaloni arbitrali in Italia, la gente dal divano si è convinta che la Juve possa vincere qualcosa di importante in Europa con le sue forze. Ma se le forze sono queste, campa cavallo!
Lunedì 12 Febbraio 2018, 07:34
E la parola"choc" dov'è? Dai giornalista del Gazzettino, così mi deludi.
Domenica 11 Febbraio 2018, 07:28
Ora la RAI sposta l'attenzione su chi sarà il prossimo presentatore di Sanremo, mentre gli autori stanno già scrivendo la canzone che vincerà il prossimo anno. Tratterà il tema della violenza sulle donne o sull'omofobia? La pace nel mondo o l'immigrazione? Riciclerà qualche altro ritornello?
Domenica 11 Febbraio 2018, 07:22
Ha vinto una "canzone d'occasione". Una canzone scritta appositamente per fare bella figura davanti a milioni di spettatori e ad una giuria di giornalisti. Un testo che elenca, senza poesia e senza bellezza, come un articolo di cronaca, una serie di città in cui vi sono stati attacchi terroristici. Personalmente non ritengo Moro un buon cantante. Meta invece ha buone capacità. Annalisa è stata una piacevole sorpresa e una piacevole conferma.
Sabato 10 Febbraio 2018, 16:12
Vi posso garantire che i veneziani non sono farina da far ostie. E questo può essere un comportamento di veneziano verace, caso ammazzaodori.
Mercoledì 7 Febbraio 2018, 12:00
È da anni che lo dico che mi vergogno di essere veneziano, perché io è da almeno trent'anni che vedo i miei concittadini fare i furbetti. Ma non importa, l'importante è che paghino i turisti. I turisti sono arance da spremere, polli da spennare. Si veda il caso del ristorante da Luca. In nessuna altra città o capitale europea è così. Pensiamo: una corsa A/R in battello costa ad un turista 15€, quindi ad una famiglia media un giro con un mezzo pubblico costa 60€. Mi sembra ingiusto. Sproporzionato per un mezzo pubblico. Alcuni miei concittadini si sentono legittimati a pensare che con quei soldi i turisti pagano anche la loro quota parte.
Martedì 6 Febbraio 2018, 16:48
Cari giornalisti del Gazzettino, lo choc ce lo abbiamo noi che tutti i giorni vediamo quelle che sono state definite "risorse" dalla Boldrini, spacciare droghe nei nostri parchi (Bissuola, Piraghetto) delinquere indisturbati (stazione o via Trento) e rendere difficile la vita (via Piave su tutte).
Martedì 6 Febbraio 2018, 10:56
Siamo già ai figli delle risorse boldriniane! Ah benon!
Martedì 6 Febbraio 2018, 07:06
Questa poi. Signor Brugnaro, sia uomo.
Lunedì 5 Febbraio 2018, 17:20
Spero in Annalisa. Moro no; è l'anti-musica: è costantemente arrabbiato, la natura non lo ha dotato né di un bel timbro né di una buona estensione e poi non basta mettere insieme delle belle parole e quattro accordi: ci si deve capire qualcosa di armonia. Basta poco. Ermal Meta non è una valida alternativa ai vecchi cantanti. Finora ha dimostrato poco e non piace né ai giovani né ai vecchi. Vedremo se i quotisti SNAI capiscono qualcosa. Io punterei due soldini anche su Noemi -Biondi, ma ripeto, tre soldini su Annalisa.
Lunedì 5 Febbraio 2018, 16:30
Capirai! Credete che i bulletti prendano paura?
Sabato 3 Febbraio 2018, 09:03
Un altro grillino che vuole cambiare l'Italia!
Sabato 3 Febbraio 2018, 08:57
E questi vorrebbero cambiare l'Italia? Sono anche peggio di tutti gli altri.
Venerdì 2 Febbraio 2018, 12:05
Quand'ero dirigente d'azienda, mai e poi mai avrei esposto un collaboratore o un sottoposto a dichiarazioni alla stampa per un fattaccio che riguardasse l'azienda stessa. E poi, cosa vuole giustificare? 1.200 euro per quattro bistecche e quattro astici surgelati e fritti? E quel "erano cicciotelli" cosa ci vuol dire?
Mercoledì 31 Gennaio 2018, 12:23
Queste sono polemiche fasulle che non sollevano problemi veri. Non tiriamo in ballo Auschwitz: quello fu l’inferno. Non parliamo a vanvera. Riflettiamo: quale lavoro rende liberi? E da cosa ci rende liberi il lavoro? Il lavoro è un mezzo per il raggiungimento di un fine. Il fine è soddisfare un bisogno. L’uomo moderno, invece, ha trasformato il lavoro da un mezzo ad un fine. Il lavoro, fatalmente, è diventato un valore tale da fondare addirittura la nostra costituzione. Il lavoro, nella nostra attuale società, ha come obiettivo solamente produrre reddito: non è un valore (anzi, oggi è una utopica speranza, specialmente per i giovani, ed era già debole nel 1946), non è un fine, ma solo un mezzo ed in quanto tale non rende libero nessuno e nemmeno non rende schiavo nessuno. Casomai sono i bisogni a renderci schiavi del lavoro e i bisogni dell’uomo moderno sono beni materiali per cui serve denaro per il loro acquisto. Parlare di bisogni di natura spirituale, utili al perseguimento della felicità è un concetto superato: questi, però, sono gli unici beni che ci rendono liberi poiché se li doniamo ad un altro, niente perdiamo e arricchiamo qualcuno.
Sabato 27 Gennaio 2018, 08:38
Per RedFoxy: porti le prove scientifiche di quello che dice. Se mai dovesse far causa ai mulini a vento, ci dica come è andata. Spero di poter vivere così a lungo per leggere buone notizie quando finirà l'iter processuale.
Sabato 27 Gennaio 2018, 08:36
Per RedFoxy. La vaccinazione non è mia e non ho mai parlato di miracoli. L'articolo che commento non dice che i "l'idiozia degli scienziati" ha fatto in modo che venisse scelto il vaccino più costoso. L'articolo che commento non parla dei "giochi di potere" che se ne infischiano se il vaccino non offre garanzie di protezione. L'articolo che commento non esplicita il fatto che il vaccino non copre le persone a rischio. Lei si è costruita un mondo immaginario, parallelo a quello reale, basato su libertà di scelte e proprio per questo, ripeto, in nome della libertà di scegliere, lei, RedFoxy, non sta scegliendo niente. Non c'è peggio sordo di chi non vuol sentire. Fine della questione.
Venerdì 26 Gennaio 2018, 08:07
RedFoxy, ascolti, uno degli strumenti più efficaci per la prevenzione della morte da malattie infettive, come l'influenza senza scendere in una lista più articolata di malattie, è la vaccinazione. Nessuno ne dubita. Lei che fa? Dubita? Che conoscenze scientifiche ha? Vada a visitare le tombe dei bambini morti di influenza e inizi a porsi delle domande. Poi scrive di giochi di potete, idiozia degli scienziati, si scaglia contro la vaccinazione di massa: perché si ostina a propagandare il rifiuto dei vaccini di massa? Il suo individualismo è senza limiti, in nome della libertà di scelta, lei non sceglie niente.
Giovedì 25 Gennaio 2018, 11:18
Qualcuno di voi ha le idee confuse per quanto riguarda lo scontrino. Lo scontrino DEVE sempre essere emesso. Rispetto alla legislazione precedente, è cambiato solamente che, se la Guardia di Finanza ti dovesse pizzicare senza lo scontrino dopo aver effettuato un acquisto, non paghi più la multa. Perché si batte lo scontrino? Per arginare l'evasione fiscale. Se acquisti un prodotto qualsiasi per 50 €, e l'esercente non dovesse battere lo scontrino, quei 50 € se li intascherebbe. Se lo batte, certifica l'incasso. Se uno "striscia" il bancomat e non viene emesso lo scontrino, l'esercente è stupido, poiché un controllo dell'Agenzia delle Entrate lo incastrerebbe subito. Il vero problema è che nessuno, sia a Venezia che in Italia in generale, fa più il proprio dovere. Nessun ente o Agenzia o Guardia di Finanza controlla le attività di ristorazione, le attività fiscali e via discorrendo. Le cose cambiano quando quattro sfigati non se la mettono via e denunciano il furto subito.
Mercoledì 24 Gennaio 2018, 13:41
Leggendo questa notizia non mi stupisco se la gente si disaffezioni sempre più all'impiego pubblico e alla Pubblica Amministrazione in generale. E questo mi dispiace.
Lunedì 22 Gennaio 2018, 13:30
Intendevo Calle Lunga, a 100 metri da Barbaria. Celestia e S. Francesco d. v. è vero che si stanno svuotando, come del resto Venezia, ma di turisti ne vedo pochi che alloggiano lì, per fortuna! Lì ancora si respira il profumo della Venezia autentica. Immagino che sappia che alla Celestia ci sono le case popolari: non credo sia un luogo che attrae i turisti.
Domenica 21 Gennaio 2018, 14:27
Ti sì che te colto in pièn el senso dea notissia. Bravo bocia.
Domenica 21 Gennaio 2018, 12:25
Ragazzi. Questa è Venezia. Io amo questa città, ci sono nato, ci sono cresciuto. Oggi non la riconosco quasi più, se non la zona di san Francesco della vigna, la celestia, la tana e castello in generale. Non è la prima volta che scrivo che a volte, vedendo come sono trattati i turisti, di come vengono "fregati" i turisti, mi vergogno di essere veneziano. Con mille euro in mano, sapete quanta carne riesco a comprare? Sapete quanta carne potete comprare? Se andate in macelleria in Barbaria dele tole, gli comprare tutto il banco! L'accoglienza è stata sempre il fiore all'occhiello di Venezia. Oggi il biglietto da visita è l'abusivo che ti porta la valigia, i quindici euro per fare due fermate di battello, i mille euro di conto in ristorante. Povera Venezia.
Venerdì 19 Gennaio 2018, 10:31
Un altro problema è la qualità dei politici che abbiamo. Sono uomini pessimi, limitati nell'intelletto, burattini senza arte ne parte, uomini di facciata che nemmeno di accorgono dei quotidiani problemi a cui la gente deve confrontarsi. Cosa mai ci si deve aspettare da costoro, che ci risolvano i problemi?
Venerdì 19 Gennaio 2018, 10:26
Quando ci sbarazzeremo di questa feccia? Per favore, politici veneti che sedete in parlamento, chiedete alla Boldrini quando finirà tutto questo. Asilo politico? Centri di accoglienza. Chi dobbiamo accogliere? Tipi come questi?
Lunedì 15 Gennaio 2018, 10:57
La morale per queste situazioni è sempre la stessa. Più soldi hanno e più ne vogliono avere. Sono ingordi. Sono avidi. Non si accontentano mai. E ce ne sono tanti in giro. Troppi. Oggi il primario domani un chirurgo ieri un politico l'altro ieri un dirigente pubblico e poi funzionari, poliziotti, carabinieri, finanzieri corrotti e corruttibili.
Lunedì 15 Gennaio 2018, 10:54
La morale per queste situazioni è sempre la stessa
Domenica 14 Gennaio 2018, 14:34
Dove sta la notizia?