#gazzettino35775

Commenti pubblicati:
Domenica 20 Maggio 2018, 01:33
Vorrei anch'io sapere dove verranno collocate Kuma è L'una, dopo un impiego e un addestramento certo non facile. C. Romieri
Sabato 19 Maggio 2018, 01:07
Spero che si facciano indagini accurate per trovare il responsabile di questo orribile gesto. Spero anche che i cani non siano ora lasciati fuori. C. Romieri
Lunedì 2 Aprile 2018, 00:55
Bravi, grazie! Speriamo che abbia trovata casa, o la sua originaria o una Nuova sicura.
Domenica 1 Aprile 2018, 01:02
Tutta la mia solidarietà. Cristina R.
Mercoledì 28 Marzo 2018, 00:53
Ma basta mangiare esseri viventi! E dar loro sofferenza e morte. C. Romieri
Sabato 24 Marzo 2018, 23:25
Bella notizia per la vita dei cuccioli e della loro mamma. Ma come si fa, in Sicilia, dove ogni giorno soffrono e muoiono tanti cani randagi, far nascere e vendere cani?! C. Romieri
Martedì 13 Marzo 2018, 01:04
Condivido le proteste, giustamente spiegate nell'articolo. Purtroppo anche una "pubblicità progresso" italiana, trasmessa in questi giorni, mostra un lupo al posto di un uomo violento. Cristina Romieri
Domenica 11 Marzo 2018, 20:35
Bravissimi. Grazie!
Sabato 10 Marzo 2018, 00:52
La notizia è stata poi ridimensionat da una nota dell'Assessore. Ovviamente era una follia proibire i Murazzi, luogo meraviglioso e caro a molte persone che lo preferiscono alle comodità delle spiagge attrezzate.
Sabato 24 Febbraio 2018, 00:37
C'è scritto "sembra".
Venerdì 9 Febbraio 2018, 23:23
Triste il contenuto che conferma tante cose sostenute da noi animalisti ma ottimo l'articolo che accusa chiaramente i delfinari e simili. Che vanno chiusi.
Domenica 21 Gennaio 2018, 00:20
Questo "sgarbo istituzionale" e' stato un po' casuale. Peraltro il Ministro Franceschini aveva il funerale della madre. Ma avrebbe dovuto essere invece una scelta: quella di non trattare con un Paese che non rispetta minimamente i diritti umani, che fa processi sommari e pene di morte. Che ha occupato illegalmente un altro Paese, il Tibet, dove da più di 50 anni perpetua un genocidio fisico e culturale. E, oltretutto, si dovrebbe pensare che a Venezia non possono di certo aumentare i turisti! C. Romieri
Domenica 7 Gennaio 2018, 00:46
Ha fatto un gesto di generosità, che non gli è costato nulla se non qualche decina di minuti. Da qui a premiarlo , a chiamarlo "eroe" ... ce ne vuole. Al di là delle disgustose immagini che pubblica.
Giovedì 14 Dicembre 2017, 02:03
Non c'è scritto se è stato ritrovato il cucciolo. È comunque una supposizione quella che sia morto per salvare il cane, che peraltro è- essendo di razza - anche un investimento. Ricordo un cacciatore che tranquillamente mi ha detto che aveva fatto sopprimere il cane acquistato perché non rispondeva ai comandi, non era adatto alla caccia e per lui era solo un costo. Non tutti certamente sono così ma per molti il cane è uno "strumento di lavoro". C. Romieri
Mercoledì 29 Novembre 2017, 00:52
Se ha maltrattato i suoi cani spero che la denuncia sia anche per questo reato. E spero che la condanna sia ben adeguata per tutta la sua violenza (anche contro le forze dell'ordine sembra). C. Romieri
Martedì 21 Novembre 2017, 00:59
La corrida è' una "tradizione" violenta e crudele. Non è peraltro neanche una lotta alla pari. Uno spettacolo sanguinario che si spera venga abolito al più presto. C. Romieri
Martedì 14 Novembre 2017, 19:41
all'inizio di questa grave e sconcertante storia si è' imputato con sicurezza (e con,titoloni) la colpa ai colombi e quindi criminalizzandoli ulteriormente. Per equità si dovrebbe ora scrivere nei titoli che i colombi non c'entrano. Cr. Romieri
Domenica 29 Ottobre 2017, 18:27
Mi dispiace per la signora e speriamo non sia grave. Ma il bufalo ovviamente non poteva ch scappare appena possibile dalla sua esecuzione. Gli animali non vanno mangiati! C. Romieri
Sabato 28 Ottobre 2017, 01:43
Mi scuso ma sembra più il comunicato stampa della proprietà che un articolo. Non mi pare proprio che sia stata rispettata la tipologia veneziana, visto che nella facciata laterale sono stati aperti molti finestroni atipici (a fronte di due finestre esistenti). C. Romieri
Martedì 24 Ottobre 2017, 20:00
Ovviamente da condannare pesantemente il vicino che ha ucciso gli animali. Ma io condanno anche il "proprietario" che li deteneva in gabbia peraltro all'aperto ed evidentemente senza tanta protezione. C. Romieri
Martedì 24 Ottobre 2017, 19:49
Orribile. Sia che sia un cane sia che sia un giovane lupo. Inasprire la pena per i reati contro gli animali! C. Romieri
Sabato 7 Ottobre 2017, 12:30
Giusto che si scriva con il condizionale relativamente alla causa delle morti. Ma perché per i piccioni i titoli davano certezza, criminalizzando questi animali già troppo vituperati? C. Romieri
Giovedì 5 Ottobre 2017, 00:53
Scagionati quindi del tutto i piccioni mi pare, pesantemente incriminati dai primi titoli. Occorrerebbe farlo maggiormente presente meno nei sottotitoli. C. Romieri
Mercoledì 4 Ottobre 2017, 00:57
Chiedere scusa ai piccioni, accusati da titoli sparati senza avere alcuna certezza! C. Romieri
Martedì 3 Ottobre 2017, 00:50
Perché si continua - e non solo qui - a incolpare nel titolo (che è quello che la gente legge di più) i piccioni quando poi si scrive che le cause sono ancora ignote. Così si criminalizza ancora di più questo animale! C. Romieri
Domenica 1 Ottobre 2017, 00:41
Ma perché se non c'è certezza (come scritto nell'articolo) si mette un titolo così allarmistico?
Mercoledì 20 Settembre 2017, 18:28
Condivido quanto scritto sui sentimenti che provano gli animali. La storia - ovviamente non l'unica - è' triste e commovente. Rispetto il dolore dei proprietari e non conosco la situazione ma mi permetto di dire che non dovevano essere lasciati a girovagare da soli in una strada così pericolosa. C. Romieri
Mercoledì 6 Settembre 2017, 14:13
Vergogna il furto ma ancora più vergogna che si vendano (e si fabbricano) giacche ecc. di coccodrillo (o di qualunque altro animale). C. Romieri
Lunedì 31 Luglio 2017, 00:43
Speriamo cambi mestiere. E che i leoni vengano liberati in un centro di recupero. Basta circhi con animali! Cristina Romieri
Venerdì 28 Luglio 2017, 19:10
Le conseguenze di una campagna pro vaccini a senso unico, con notizie strumentalizzate e altre omesse. Il Codacons ha dovuto chiedere per via legale i dati reali.