Takumar

Commenti pubblicati:
Mercoledì 18 Luglio 2018, 16:33
Io ne ho conosciuto uno: me stesso. Si erano però sbagliati però. E assicuro che il ragionamento del Max era/è assolutamente anche il mio.
Mercoledì 18 Luglio 2018, 15:39
Mai stato venetista o nostalgico di tempi remoti e mai vissuti. Ma se ci fossero i Signori della Notte al criminal della Serenissima del tempo che fu, con i loro tratti di corda - una volta preso il/la responsabile - ci salterebbe furi una nottata veramente interessante ed imperdibile.
Mercoledì 18 Luglio 2018, 10:37
Già devi disporre di due strumenti abilitati. Il telefonino ad esempio, sbloccato. Come il computer a cui hai avuto libero accesso. Il protagonista di questa storia ridicola si accorge del flusso di denaro in uscita proprio perchè glielo segnala con SMS la banca. Quindi il telefonino l'aveva lui, non le squinzie con cui si intratteneva. Pare che siano riuscite a far tutto solo con il computer, cosa che mi sembra assai difficile. Se poi sei un hacker coi controbaffi, fai forse quello che vuoi avendo accesso alla macchina, ma è un'altra storia questa...
Mercoledì 18 Luglio 2018, 10:27
Non sta in piedi comunque. Ci dovevano essere assieme troppe cose. A quel punto fai fare tutto al titolare con un coltello alla gola... Devi avere un computer "aperto", con pw memorizzate, il possesso fisico del telefonino del titolare a sua volta sbloccato (e che non ti richieda l'impronta digitale se c'è...). Anche il token a questo punto magari. E anche disposizioni alla banca estremamente "liberali" in termini di volumi di trasferimento di denaro. E il destinatario poi... Avevo dovuto mandare una PICCOLA cifra ad una mia parente stretta che andata all'estero (Europa) aveva aperto un conto lì. Improvvisamente il sistema era diventato sospettoso e mi aveva chiesto un incremento di procedure, che mi sorpresero.
Mercoledì 18 Luglio 2018, 10:19
Andato vicino. Si trattava della Banca Nazionale di Scanzorosciate.
Mercoledì 18 Luglio 2018, 06:35
Certa gente sente l'impellente necessità di rendersi ridicola e si adopera con tenacia per riuscirci. Con successo.
Martedì 17 Luglio 2018, 18:09
Molti per comodità lo fanno. Ma quando vuoi inviare del denaro non ti bastano certo quelle del semplice accesso al conto. Soprattutto quando vuoi inviare denaro all'estero "il sistema" si insospettisce e ti chiede altre verifiche. Anche per piccolissime cifre. Non ne parliamo poi se si tratta di un IBAN non riconosciuto tra i tuoi "storici" con cui hai consuetudini di pagamento di un qualche tipo (collaboratori esteri, fornitori ecc...). Verificato di persona. Se la banca è seria, naturalmente...
Martedì 17 Luglio 2018, 18:01
Storia grottesca. Ma i bonifici li può bloccare entro un certo numero di ore. Non so poi quale banca sia quella di questo sprovveduto, ma con la mia non è affatto facile inviare bonifici (soprattutto all'estero) senza effettuare procedure semplici ma mooolto personalizzate. Anche se ti impadronisci di computer, tablet, cellulare...
Martedì 17 Luglio 2018, 16:33
"Non mi sposto di un millimetro..." ma da che? Giornalista d'assalto? Non ricordo di aver letto nulla di eclatante da questa penna. Saranno fatti personali. Meglio - direi - mantenere un profilo basso sulla faccenda...
Martedì 17 Luglio 2018, 11:21
La mia era una domanda retorica Honi.... Lo sappiamo benissimo tutti che è così... Ma l'onestà (che manca ai media e ai "Padroni del Discorso), vorrebbe che LA DOMANDA VENISSE FATTA AGLI INTERESSATI per sentire che ci rispondono....
Martedì 17 Luglio 2018, 10:14
Storie tristissime. Ma c'è una domanda che non viene mai fatta a questi "migranti": "Sentite, ma perchè prima di affrontare un viaggio così pericoloso (e costoso) non avete pensato di andare in qualche Paese petrolifero arabo, che è più vicino e avete anche comunità di lingua e religione?" Da quanto leggo i cittadini di lì hanno continuamente bisogno di manodopera (loro generalmente ricchi non lavorano "direttamente") che importano da altre zone. Già... perchè non ci vanno? E perchè la domanda - ripeto - non viene posta?
Lunedì 16 Luglio 2018, 19:10
Concordo. Non riesco ad immedesimarmi anche provandoci nella tragedia del piccolo. Una cosa orrenda. Ma chiamarlo eroe...perchè? Che ha fatto di particolare? Sono vecchio della lettura dei quotidiani, ma il degrado del lessico, la terminologia ripetitiva e bolsa, il luogo comune li rendono ormai illeggibili. Sei mosso a consultarli solo dalla curiosità di sapere che succede in giro.. Va bene, i Barzini e i Montanelli del passato che si leggevano anche solo per la loro prosa stupenda non ci sono più. Ma pretendere qualcosa di meglio dei consuma tastiere illetterati che abbiamo oggi sarebbe un "minimo sindacale" (come si dice nella neo-lingua corrente)
Lunedì 16 Luglio 2018, 15:55
Se la caverà. Affetto da ludopatia, con una triste storia di abbandono alle spalle e quant'altro. Se era un figlio naturale invece ergastolo secco con tutte le aggravanti possibili ed immaginabili. Che invece in questo particolare contesto facilmente diventeranno attenuanti.
Lunedì 16 Luglio 2018, 15:19
AH AH... anni fa un mio vecchio amico voleva affittare un prestigioso appartamento nel centro città ad un avvocato. Mi chiese se lo per caso io lo conoscessi. Non l'avevo mai sentito nominare ma avendo a mia volta qualche conoscenza nell'ambiente forense chiamai un altro amico, di professione avvocato. Quando sentì di che si trattava, mi rispose (testualmente e letteralmente): "Non dirmi nemmeno come si chiama, e dì al tuo amico di lasciar perdere. Se è un avvocato di sicuro è un ladro". Restai a bocca aperta. Ma riferii, puntualmente.
Lunedì 16 Luglio 2018, 10:48
La realtà è spesso diversa da quella raccontata. E le statistiche ufficiali raccontano quel che si vuole che dicano. I miei vivevano in una zona residenziale che ritenevo tranquilla e anche prestigiosa. Amico di mio padre era un vecchio maresciallo di P.S. e con lui una volta mi ero lasciato andare a magnificare la zona in questione. Venni gelato dalla sua risposta: "Questo è quello che pensi tu perchè ti limiti a leggere i giornali e credi che lì ci sia scritto tutto quello che succede". La zona poi era piacevolissima anche per passeggiate serali. Ma lui lì la figlia adolescente NON ce la mandava da sola per nessuna ragione.
Domenica 15 Luglio 2018, 18:24
No bisio33, il problema sta nell'interpretazione che i giudici riescono a dare delle leggi. Che riescono a piegare al loro arbitrio, pregiudizio e preconcetto qualsiasi esse siano, buone o cattive. Tempo fa su questo giornale lessi la notizia dell'assoluzione di una donna della provincia di Vicenza che aveva ucciso il marito che la maltrattava. Giudice donna e motivazione "legittima difesa". Tutto bene. O no.... La donna aveva ucciso il marito mi pare a colpi d'ascia MENTRE LUI STAVA DORMENDO. Non credo di dover aggiungere altro.
Domenica 15 Luglio 2018, 16:11
Con tutto il rispetto: vado a leggere le specifiche tecniche di una popolare utilitaria dalle prestazioni inesistenti e poi la vedo accartocciata a lato strada col carro funebre parcheggiato accanto coi necrofori in azione. Che dico: "si spiega da sola?" Cerchiamo di essere seri (esperienza personale la mia citata, in A4 tempo fa direzione Milano, fermo in coda)
Domenica 15 Luglio 2018, 15:32
Ditemi voi che senso ha il "hanno identificato tre persone"... Le arresti subito e le processi la mattina dopo per direttissima. Quanto all'albergatore non vedrà un euro non essendosi accertato dell'identità del titolare della carta. Quest'ultimo con il disconoscimento della spesa non ci rimetterà nulla se la sua carta ha un minimo di serietà.
Domenica 15 Luglio 2018, 12:45
Feci anche io un incidente del genere negli anni 70. E pure io avevo una Ducati. Ma non andavo veloce ed ero in salita. Un torrentello aveva invaso la carreggiata e ovviamente imboccando la curva non avevo visto che oltre la mia visuale la strada era inondata dall'acqua! Le ruote persero aderenza, la moto finì in una scarpata e io "mi stampai" contro un paracarro. Mi salvò una fascia elastica rinforzata che portavo alla vita. In un'altra occasione riuscii però a controllare il mezzo, anni dopo... qualcuno aveva perso dell'olio sulla carreggiata...
Sabato 14 Luglio 2018, 19:46
Effettivamente non capisco perchè non lo facciano soprattutto i vigili urbani. Tempo fa credetti di averli visti in azione astutamente arrivando alla Stanga a Padova da fuori. Una coppia di vigili uno dei quali utilizzava un piccolo binocolo. Grande idea: in posizione magica osservi chi arriva, lo vedi al telefonino, il traffico è rallentato sulla rotonda, lo fermi con tutta comodità e lo multi. Poi però le cronache non mi hanno mai riportato notizie di questo genere. Ripeto, sarebbe facile punire un'infrazione tra le più pericolose e CRETINE (un auricolare costa un niente...)
Sabato 14 Luglio 2018, 17:48
Astuti gli schiavisti. Si sono resi conto che ultimamente creavano perplessità gli arrivi di gente in ottima salute e dal fisico curato e ora quindi li affamano un po' per farceli accettare. ONG, cooperative e parassiti vaticani si stanno già preparando a strillare al genocidio e lustrano i borsellini da riempire a breve.
Venerdì 13 Luglio 2018, 21:22
Viaggio per lavoro, e mi imbatto spesso, in trattorie e ristoranti, in personale raccogliticcio. Che cambia anche di frequente, lo noto tornando negli stessi posti a distanza anche di breve tempo. E aspetto e accenti tradiscono facilmente l'origine dei personaggi. E' gente sfruttata, probabilmente. E ingaggiata per il suo basso costo. E per salvare la faccia i responsabili di questo strillano che cercherebbero in realtà personale qualificato, preferibilmente italiano. Ma non lo trovano perchè non si ha voglia di lavorare.... Pagate adeguatamente il personale, e vedrete che correrà a frotte.
Venerdì 13 Luglio 2018, 19:26
Chiamiamo allora le cose col loro nome, quando necessario corretto politicamente. Lui "fedifrago", va bene? Per la cognata sono in difficoltà: ogni storico adeguato e consolidato nome è scorretto e inaccettabile. Usiamo un giro di parole vai: "Fanciulla nota per fuggire dagli uomini molto lentamente". O anche: " Brillante sintesi tra moderno e passato, emancipazione e libertà femminili con un occhio alla professione più antica del mondo"
Venerdì 13 Luglio 2018, 16:53
Non risulta che l'uomo avesse pagato chicchessia. Probabilmente di altro non si trattava che di un incontro a sfondo sessuale tra due adulti consenzienti. Mi piace molto invece questa definizione di "donna libera" utilizzata per la cognata. Una volta si chiamavano diversamente queste figure, con o senza passaggio di denaro o di altre utilità. Ma io certamente sono di altri tempi...
Venerdì 13 Luglio 2018, 16:01
Ancora con queste scempiaggini? Io lavoravo nei cinema e mi mantenevo all'università lavorando tutti i giorni festivi, e l'ho fatto per anni. E non ero certo solo a farlo. Raccontino invece che spesso ti si richiede di fare l'aiuto cuoco, il lavapiatti, il cameriere, l'addetto alle pulizie e qualsiasi altra cosa con un orario indefinito e per una paga vergognosa.
Venerdì 13 Luglio 2018, 15:45
Il dentista avrebbe dovuto scrivere "aggredita da un non caucasico". Così nessuno avrebbe capito alcunchè e si sarebbe salvato da sicure noie, facendo altresì la figura di persona dal lessico corretto, colta e politicamente in linea. Superiore alle bassezze fascioleghiste, soprattutto, dettaglio questo non da poco.
Venerdì 13 Luglio 2018, 15:37
Ne sai più di noi. Pensi che la moglie dell'odontoiatra abbia avuto il tempo di verificare la cavità orofaringea dell'aggressore? L'articolo non ne fa cenno....
Venerdì 13 Luglio 2018, 01:49
Erano solo esercizi spirituali. Rammento qualcosa nei miei pii anni goliardici a proposito di una confessione da ottenere e di un cordone da tirare che non era propriamente quello della campana.
Giovedì 12 Luglio 2018, 20:32
Concordo. Capisco (tra virgolette) un'accusa simile nel corso di una rissa, ma contestare l'omicidio PRETERINTENZIONALE ad un farabutto che a scopo di rapina percuote un anziano con un badile è un insulto all'intelligenza. L'assassino se la caverà in souplesse, e il magistrato ovviamente pure.
Giovedì 12 Luglio 2018, 12:44
Il conducente del mezzo se la riderà della denuncia. Per queste cose vedi i limiti imposti dal nostro andazzo permissivo. Io personalmente ritengo il reato - comunque lo si voglia configurare - gravissimo. Il personaggio lo devi massacrare in un giudizio per direttissima. Non deve restare a piede libero. Gli levi qualcosa solo se canta come un uccellino, raccontando nei dettagli cosa ha venduto e a chi. Analogamente, questi ultimi poi li asfalti senza pietà.