charliepd7

Commenti pubblicati:
Venerdì 19 Gennaio 2018, 21:55
cifra irrisoria. Quando gli sequestreranno (in via definitiva) almeno 17,5 milioni inizieremo ad intravedere un po di giustizia.
Mercoledì 10 Gennaio 2018, 22:32
ennesimo caso in quell'ospedale. Altra ragione che rende incomprensibile aver mantenuto una ULSS autonoma (caso quasi unico al di fuori dei capoluoghi di provincia).
Venerdì 29 Dicembre 2017, 23:35
Ma non si vergognano. L'autostrada gestita da Autovie Venete è un autentico calvario (e pericolosa) grazie ai pluriennali cantieri per l'ampiamento. E questi oltre a dare un servizio del genere hanno anche il coraggio di aumentare i costi per chi è costretto a transitare. Complimenti!
Lunedì 25 Dicembre 2017, 10:28
costoro dovrebbero stare a scuola solo se dimostrano impegno e dedizione, altrimenti è dannoso per gli altri bambini (ne traggono esempi da evitare) ed inutile per loro (tanto non cambieranno mai)
Sabato 23 Dicembre 2017, 18:16
Sono dello stesso anno ed anche a me in famiglie spettava analogo trattamento in situazioni simili. Purtroppo si vedono gli effetto dell'involversi dei tempi in Italia. L'educazione va scomparendo, pochi sanno ascoltare e si pensa troppo spesso di avere ragione a prescindere.
Giovedì 21 Dicembre 2017, 15:02
Il doppio polo con pari dignità (come politicamente definito) è una buona notizia per i politici cittadini, molto meno per chi dovrà curarsi. Sarebbe infatti molto meglio avere tutti i settori e reparti concentrati in un polo principale, garantendo piena efficenza terapeutica senza necessità di possibili spostamenti. Poteva rimanere un polo ospedaliero (su attuale sede) al servizio delle città, ma limitato alle emergenze e poche ulteriori unità, con presenza di vari ambulatori per le visite. Importante è comunque aver deciso di partire con la programmazione delle opere, Padova ne ha bisogno.
Giovedì 21 Dicembre 2017, 14:52
Mentre oggi chi viene da fuori città arriva in via Giustiniani volando
Martedì 19 Dicembre 2017, 20:57
bene, allora andrebbero tolti tutti i messaggi pubblicitari visibili dalle strade ed eliminati gli inutili messaggi che compaiono nei tabelloni lungo le autostrade senza indicare imprevisti che meritano attenzione. Ad esempio i messaggi "allacciare le cinture" o "rispettare le distanze di sicurezza" oltre a dire ovvietà, distraggono inutilmente: chi vuole rispettare le regole ed il buon senso già si comporta così, chi non vuole non lo fa per quanti messaggi si predispongano.
Domenica 17 Dicembre 2017, 20:48
conosco abbastanza bene la slovenia e posso assicurare che la tradizione della "mancetta" non le appartiene proprio. Possono esserci dei casi, come ovunque, ma se scoperti le sanzioni sono ben peggiori per entrambi (corrotto e crruttore sono attesi da carcere immediato e pene, reali, ben più severe di quanto accade in italia)
Mercoledì 6 Dicembre 2017, 20:38
Ma quale sostegno alle famiglie, questi soldi diventerebbero l'ennesimo sostegno ad extracomunitari che vivono in alloggi popolari quasi gratis, ricevono sussidi di ogni tipo, spesso non lavorano, ma hanno rigorosamente smrtphone da 500 euro ed oltre in tasca.
Sabato 2 Dicembre 2017, 21:43
E poi chiedetevi perchè in Italia ci si sposa sempre meno. Una delle cause sono le leggi assurde che ci sono ancora su separazioni e divorzi. Io sono divorziato, adesso convivo e mai più mi risposerò.
Lunedì 27 Novembre 2017, 21:08
Ricordo solo che per realizzare l'ospedale ci vogliono i soldi della Regione, altrimenti non si fa nulla. Ora chi deve pagare l'opera ed ha un progetto già pronto per essere definito e vede che una (ed una solo tra le varie) parti in causa vuole ridiscutere quanto già visto, esaminato e definito e, dopo che per l'ennesima volta si scartano progetti già visti in passato, vuole alzare il prezzo per realizzare quanto solo da uficializzare, ha diritto ad un minimo di arrabbiatura. Ciò a prescindere dai partiti rappresentati. Ora è vero che la Regione era in linea di massima favorevole a padova ovest, ma chi ha chiesto di ridiscurere il progetto ? Il Comune di Padova. Quindi si è riesaminato tutto da capo e si è concordatro per Padova est con tutti d'accordo. E chi è arrivato a chiedere di ridiscutere nuovamente tutto? Il Comune di Padova. Quindi chi è che sta facendo perdere tempo (e parliamo di anni) ? La risposta vien da sè. Ora la soluzione può essere cessione gratuita delle aree del Comune in cambio della realizzazione dell'ospedale per la città nella sede attuale. Se anche questo non va bene, Padova sarà destinata a perdere ancora punti quanto medicina e sanità.
Domenica 26 Novembre 2017, 10:46
Giordani vuole mobilitare la cittadinanza di Padova contro la realizzazione dell'ospedale fuori città? Bene mobilitiamo anche la cittadinanza della provincia a favore del progetto a Limena (se soluzione rapida), purchè si realizzi velocemente. Vinciamo per 700.000 contro 200.000 (il numero di abitanti tra provincia e città). Tra l'altro Limena è molto più facilmente raggiungibile dell'ultima trovata dell'ospedale ai colli (un imbuto per chi arriva da fuori città, con difficili e molto costose opere di adattamento).
Domenica 26 Novembre 2017, 10:39
Non ero un tifoso di Bitonci, ma direi che siamo riusciti ad andare anche peggio. La posizione della nuova giunta sul nuovo ospedale è comica e totalmente da censurare. Insiste con voler far nuovamente esaminare ipootesi già viste, riviste e bocciate (sede attuale, ospedale ai colli). L'unicoi effetto è aver fatto perdere ulteriori sei mesi (almeno sino ad oggi), avviare nuovi (inutili) studi (che sasrebbero da addebitare a titolo personale al duo Giordani/Lorenzoni) e non produrre nulla per arrivare ad una soiluzione. A questo punto si confermi Padova est o, pur di liberasrsi di giunte cittadine che non pensano altre che alla demolizione delle iniziative di chi le ha precedute, sia realizzato a Limena come ipotizza ora la regione. Si è già persa una enormità di tempo (in altri stati europeri sarebbe già realizzato e funzionante) è ora di procedere!
Mercoledì 22 Novembre 2017, 14:15
Altra bella notizia da comunicare a chi sostiene questi cialtroni. Sarebbe ora di applicare diffusamente espulsioni e rimpatri per tutti quelli che non hanno lavoro e diritto ad asilo per ragioni umanitarie. Al riguardo la prima facile definizione di tale diritto è la nazionalità. Tutti quelli megrebini, del senegal, nigeria e tutti gli stati senza guerre diffuse in atto, a casa immediatamente.
Mercoledì 22 Novembre 2017, 14:11
Piccolo errore nella scelta del prefetto. La soluzione doveva essere: tornate nella base e solo 100 saranno rimpatriati, altrimenti rimpatrio immediato per tutti!
Martedì 21 Novembre 2017, 08:48
Se ricordate alcuni anni fa in Germania un gruppo di stranieri si era presentato in centro a Berlino a prostestare per avere lavoro e cittadinanza. I tedeschi, impassibili, li hanno lasciati lì all'aperto, circondandoli con una serie di transenne, notte compresa (la notte le temperature erano di 8-10 gradi sotto zero). Solo alcune associazioni avevano procurato loro delle piccole tende per riparo.Alla fine non hanno ottenuto nulla di ciò che chiedevano e, ben rinfrescati dopo il soggiorno, sono tornati da dove venivano (con previsione di espulsione, secondo leggi tedesche, se entro sei mesi dal primo ingresso, non dimostri di avere lavoro e riuscire a mantenerti autonomamente). E' solo un esempio, ma nessuno stato se possa chimarsi tale permette di farsi ricattare da gruppi di clandestini che, in gran maggioranza, non hanno diritto a rimanere.
Lunedì 20 Novembre 2017, 21:07
Ecco uno dei motivi (oltre a molti altri) per cui la legge Fornero va demolita ed azzerata, per poi fare una seria riforma delle pensioni e, finalmente (come già in essere in quasi tutti gli stati evoluti) una separazione netta tra previdenza ed assistenza (quest'ultima va pagata con la fiscalità e non con i contributi dei lavoratori).
Lunedì 20 Novembre 2017, 13:36
Rispedirli tutti a casa loro, subito!
Lunedì 20 Novembre 2017, 13:35
Comincererebber? Hanno già ampiamente stufato! Tenuto conto che sono mantenuti a spese nostre, non fuggono da nessuna guerra e stanno qui perchè nessun altro paese al mondo li manterrebbe a sbafo, se iniziamo a rispedire a casa immediatamente tutti quelli che fanno casino, forse se ne starebbero più tranqulli
Domenica 12 Novembre 2017, 21:15
Che novità! Mi raccomando continuiamo ad accoglierli, tanto ormai in europa non li vuole più nessuno. Possono rimanere solo quelli che hanno un lavoro o lo trovano entro tre mesi, altrimenti tutti a casa loro!
Domenica 12 Novembre 2017, 21:13
In effetti un tempo (ormai abbastanza lontano) un medico di base lavorava dalle 8 di mattina alle 8 di sera, in caso di necessità faceva regolarmente visite a domicilio, il sabato e la domenica spesso era reperibile, era in grado di curare molte situazioni senza necessità di rivolgersi agli specialiti. Altri tempi. E pensare che a fronte di tutto questo, in proporzione, prendeva circa la metà di quanto percepiscono oggi i mdici di base che, non visitano a domicilio praticamente mai, fanno 4 ore al giorno di ambulatorio ed il resto della giornata, nonchè festivi sono liberi (al massimo fino alle 19,30 circa ti rispondono al telefono).
Domenica 12 Novembre 2017, 21:07
Stipendi vergognosi se considerato che, non tutti ma in media, i medici di base lavorano 4 ore al giorno, rigorosamente in ambulatorio (i pediatri solo su prenotazione),non fanno una visita a domicilio nemmeno a pagarli ed il venerdì sera molti ti danno una cura minimale dicendo eventualmente di rivolgerti alla guardia medica il giorno dopo.
Lunedì 6 Novembre 2017, 21:34
Curiosa interpretazione della storia. Quale entità dell'offensiva. Dopo che uno scellerato generale ha mandato al macello e decimato le sue forze in inutili offensive (andavano all'atto in pianura con i fucili, contro nemici trincerati in collina con le mitragliatrici) anche pochi elementi più riposati, con il morale ben più alto ed adeguatamente armati avrebbero avuto vita facile in una offensiva. Riguardo all'abilità nel ripirgare, davanti a nemici che mai avrebbero immaginato di avanzare così velocemente e quindi con scarsi rifornimenti, non era impresa difficile arretsare l'avanzata.
Lunedì 6 Novembre 2017, 21:27
Quella del nuovo ospedale di Padova è sempre più una barzelletta. In altri paesi europei a quest'ora l'ospedale sarebbe già fatto e funzionante. Le alternative ancora in valutazione sono sempre le stesse,due delle quali (nuovo su sito attuale e via dei colli) viste, riviste e bocciate. Se il nuovo ospedale deve far parte del sistema sanitario regionale e quindi servire non solo la città, la soluzione via dei colli dovrebbe poi prevedere drastica rivisitazione della viabilità (oggi pessima per chi arriva da fuori città) con conseguenti esprori che farebbero lievitare costi e tempi. Il problema qui è che ciascuna amministrazione cittadina è più interessata a demolire le soluzioni di chi c'era prima che non a realizzare l'opera. Di questo passo non si va da nessuna parte. E Verona ringrazia.
Sabato 4 Novembre 2017, 18:14
Scelta encomiabile.ca dorna era un arrogante e totale incapace. Ha sulla coscienza decine di miglia di morti completamente inutili dovute a strategie folli,senza alcuna possibilità di successo e suicide. riguardo ai meriti circa la difesa che ha fermato gli austriaci sul piave, leggendo la sotria da entrambe le parti, una significativa quota della ragione di tale evento sta proprio nella talmente repentina avanzata dopo caporetto (che l'esercito austrico non immaginava minimamente) che, a un certo punto, hanno avuto problemi con i rifornimenti, arrivando alla battaglia non in condizioni ottimali.
Sabato 21 Ottobre 2017, 12:50
Altra dimostrazione dell'efficenza delle auto a gas e gpl. RIsparmi sul costo del rifornimento, solo a scapito della vita se fai un incidente. Mille volte giusto proibirne l'ingresso nei parcheggi seminterrati e nei silos. I motori non sono stati progettati per andare a gas e, al di là degli spot di che vende o installa impianti, la sicurezza viene fortemente ridotta da eventuali conversioni forzate.
Venerdì 13 Ottobre 2017, 20:52
Alternanza scuola lavoro, ovvero idea buona, realizzazione pessima. Ho esperienza diretta nella classe di mio figlio; oltre la metà degli studenti durante gli stage ha fatto solo fotocopie, archivio e lavori di sistemazione (quasi da addetti alle pulizie). Fatta così è meglio lasciar perdere, come sempre in Italia si vogliono fare le nozze con i fichi secchi (non si creano le condizioni per far funzionare idee che, di principio, sarebbero anche buone). Infine 400 ore sono decisamente troppe, meglio farne 200 ma che siano utili.
Venerdì 13 Ottobre 2017, 20:45
Quella dell'ospedale di Padova è sempre più una farsa. Ci sarebbe estrema urgenza di avviare le opere ed invece le varie giunte (di destra o dinistra) che si alternano hanno come primo obiettivo quello di distruggere ciò che ha fatto chi li ha preceduti. Poteva essere una soluzione la zona ovest, può esserlo la zona est, ma intervenire sull'area esistente è pura follia. A parte i tempi e costi (chiunque ha fatto lavori in casa sa che intervenire sull'esistente costa ben di più che rifare ex novo), una struttura moderna e funzionale deve essere agevolmente raggiungibile dalla grande viabilità e disporre di adeguati parcheggi (inutile definire l'area attuale al riguardo). Si è persa una quantità di tempo enorme e non è proprio il caso di tornare a discutere. A questo punto bello o brutto si proceda con la soluzione pronta (padova est) o si dica ai padovani che per curarsi bisognerà pensare ad emigrare in altre città.
Domenica 8 Ottobre 2017, 21:24
Ma quale integrazione, qui bisogna avviare subito i rimpatri. Siamo pieni di gentech e non lavora, non troverà (ammesso neab bia voglia) alcun lavoro ed dobbiamo mantenere sottraendo soldi per le pensioni, la sanità, .... dei cittadini italiani. Come fanno quasi tutti gli altri stati, chi non è in grado di mentenersi deve andarsene.