Smartphone in mano entro 22 minuti dalla sveglia? "È una malattia". Ecco i possibili sintomi

PER APPROFONDIRE: internet, malattia, smartphone
Smartphone in mano appena svegli?
Controllare il telefono anche di notte, addirittura addormentarsi con il cellulare in mano, oppure precipitarsi a prenderlo appena svegli. Con un occhio sul caffè e l'altro sul display del cellulare per leggere mail o l'ultimo post sui social. Sono alcuni dei 'tic' che evidenziano la possibilità che, in alcuni casi, internet possa diventare una malattia.

È quanto ha rivelato un'indagine di Deloitte del 2016 condotta in 31 Paesi con 49.500 interviste tra cui 2000 in Italia, presentata oggi allo #Sconnessiday al ministero della Salute. Ebbene, il 57% controlla il telefono entro 22 minuti dal risveglio; l'83% legge le email di lavoro durante la notte; il 37% controlla le notifiche sul cellulare nel bel mezzo della notte. Durante il giorno il 92% utilizza il cellulare a lavoro e il 59% controlla il telefono oltre 200 volte al giorno. L'80% si addormenta col cellulare il mano e il 21% di sera guarda film o serie tv in streaming o in diretta.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Giovedì 22 Febbraio 2018, 16:01






Condividi su Google+ Commenta
<< CHIUDI
CONDIVIDI LA NOTIZIA
Smartphone in mano entro 22 minuti dalla sveglia? "È una malattia". Ecco i possibili sintomi
CONDIVIDI LA NOTIZIA
DIVENTA FAN
SEGUICI SU TWITTER
COMMENTA LA NOTIZIA
3 di 3 commenti presenti
2018-04-17 15:51:16
non e un problema mio, ho ancora il telefono con il disco
2018-02-23 09:48:45
Boh. Va bene gli eccessi, ma immagino che tutti appena svegli accendono il telefono (se possono spegnerlo) o diano una rapida occhiata a posta e messaggi vari. Almeno chi lavora potrebbe trovare inaspettate o notturne "comunicazioni di servizio" che non si possono ignorare. Il vero "lusso" adesso e' NON aver bisogno del telefono (e dell'orologio) e/o poterlo spegnere quando ci pare. Ma puo' anche voler dire che NON abbiamo NESSUNO che potrebbe aver bisogno di noi.
2018-02-23 14:43:37
Sono perfettamente in linea con il suo commento. Indagini, teorie e quant'altro che non tengono conto dei possibili motivi dei vari comportamenti sono all'ordine del gioorno, bisogna imparare a non tenerne conto perché la scienza è tutt'altra cosa.