Smart home, è allarme molestie domestiche: il lato oscuro della casa iperconnessa

Smart home, il lato oscuro  della casa iperconnessa

di Paolo Travisi

I dispositivi digitali di smart home, non sono solo un aiuto casalingo, ma potrebbero rivelarsi delle armi per un nuovo tipo di molestie. L'allarme viene dagli Stati Uniti, dove il quotidiano New York Times, ha raccontato la storia di alcuni donne, che avrebbero subito molestie da parte dei loro partner in possesso di account di accesso ad oggetti per smart home: termostati per regolare la temperatura, telecamere interne, lampadine wifi, altoparlanti controllati da remoto. Questo emergente fenomeno di abuso domestico, è difficile da denunciare (e dimostrare), perché non esistono leggi specifiche, ma è in crescita il numero di organizzazioni che sta cercando di portare all'attenzione pubblica questa forma di molestia digitale.

Nell'articolo del giornale americano, sono state intervistate 30 donne, che esasperate, si sono rivolte a linee di ascolto telefonico o, nei casi più gravi, hanno trovato il coraggio di rivolgersi ad un legale. Ma in concreto cosa accade? La maggior parte delle vittime ha rivelato una conflittualità all'interno della coppia, che avrebbe portato il partner ad usare in modo improprio, anche violento, i device di smart home. Termosifoni che rendono l'ambiente eccessivamente caldo, telecamere che si accendono per sorvegliare l'inquilina in casa, sola o in compagnia. O ancora. Lampadine wi-fi che s'illuminano di notte o altoparlanti che riproducono musica a tutto volume.

Un disturbo reiterato, che alimenta l'ossessione del partner aggressore e spaventa la vittima, la quale non ha nessuna possibilità di controllo, non avendo password e codici di accesso. L'uomo che pratica questa forma di molestia, secondo l'articolo del New York Times, utilizza la tecnologia come forma di potere. E la soluzione, solo all'apparenza, sembra facile. Sarebbe sufficiente togliere la corrente ai vari device o romperli fisicamente. Ma secondo gli esperti di abusi domestici, l'effetto potrebbe scatenare reazioni anche più violente, motivo che ha spinto avvocati specializzati a richiedere ai giudici, ordinanze restrittive per gli artefici di tali molestie e contestualmente la disattivazione dei device domestici.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Lunedì 25 Giugno 2018, 20:37






Condividi su Google+ Commenta
<< CHIUDI
CONDIVIDI LA NOTIZIA
Smart home, è allarme molestie domestiche: il lato oscuro della casa iperconnessa
CONDIVIDI LA NOTIZIA
DIVENTA FAN
SEGUICI SU TWITTER
COMMENTA LA NOTIZIA
1 di 1 commenti presenti
2018-06-29 14:36:51
La donna in caso di divorzio vuole la casa per portarci l'amante ? l'ex marito si difende con le armi a disposizione.