Molecole organiche su Marte, Roberto Battiston: «Ora è più forte l'attesa per la nostra missione Exomars»

PER APPROFONDIRE: exomars, marte, roberto battiston
Molecole organiche su Marte, Battiston: «Ora è più forte l'attesa per la nostra missione Exomars»
La scoperta di molecole organiche su Marte è «importante e interessante» e offre grandi speranze in vista della missione europea ExoMars 2020, promossa dalle agenzie spaziali di Europa (Esa) e Russia (Roscosmos) e nella quale l'Agenzia Spaziale Italiana (Asi) gioca un ruolo di primo piano. Quella pubblicata oggi su Science «è una notizia che ci motiva ulteriormente a essere pronti per ExoMars 2020», ha detto all'Ansa il presidente dell'Asi, Roberto Battiston.

Le molecole scoperte da Curiosity «sono i mattoni con cui sulla Terra sono fatti carboidrati, lipidi, proteine e acidi nucleici» ed è interessante, ha osservato, che le molecole siano state trovate «in uno strato superficiale del terreno, in certe zone e non in altre. Potrebbe essere un'indicazione della presenta attuale o passata di fenomeni biologici? È presto per dirlo, ma senz'altro tutto è di grande interesse». Ugualmente importanti sono le rilevazioni cicliche del metano, un gas che era stato osservato su Marte per la prima volta da uno strumento italiano a bordo della missione Mars Express.

«Adesso c'è una fortissima motivazione per la missione ExoMars 2020», ha aggiunto il presidente dell'Asi riferendosi all'esperimento che prevede la perforazione del suolo marziano fino alla profondità di due metri grazie a un trapano costruito in Italia. ExoMars 2020 «costituisce uno sforzo di ricerca importantissimo per il nostro Paese, che per dieci anni ha sostenuto questa doppia missione», ha detto ancora Battiston riferendosi alla prima fase ExoMars 2016 e alla seconda prevista nel 2020. «Se in superficie sono state trovare tracce di molecole organiche, possiamo aspettarci tracce più forti in profondità».

Il trapano potrebbe inoltre raggiungere gli strati di ghiaccio che potrebbero riservare ulteriori sorprese. «Allora - ha aggiunto - questa evidenza potrebbe trasformarsi in qualcosa di più importante e significativo» e «adesso - ha concluso - siamo ancora più motivati a lavorare per portare a termine una missione che potrebbe darci delle grandi soddisfazioni».
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Giovedì 7 Giugno 2018, 20:29






Condividi su Google+ Commenta
<< CHIUDI
CONDIVIDI LA NOTIZIA
Molecole organiche su Marte, Roberto Battiston: «Ora è più forte l'attesa per la nostra missione Exomars»
CONDIVIDI LA NOTIZIA
DIVENTA FAN
SEGUICI SU TWITTER
COMMENTA LA NOTIZIA
0 di 0 commenti presenti