Zuckerberg: violati anche i miei dati. Rimosso il numero uno di Cambridge Analytica

Cambridge Analytica, Zuckerberg: violati anche i miei dati
Marck Zuckerberg torna a Capitoll Hill per riferire alla Camera dei Rappresentanti circa lo scandalo Cambridge Analytica e non fa altro che ripetere ciò che ha detto alle commissioni del Senato: si assume le sue colpe, annuncia un cambio di passo nella difesa dei dati degli utenti e assicura di voler andare a fondo nelle indagini sullo scandalo.

LEGGI ANCHE: «Facebook a pagamento». Così Zuckerberg apre la porta a utenti di serie A e serie B

LEGGI ANCHE: Datagate, Zuckerberg si pente davanti alla platea di Capitol Hill


Tra le altre cose Zuckerberg ha rivelato che anche i suoi dati sul social network erano fra quelli acquisiti da Cambridge Analytica. Lo ha affermato rispondendo a domande della deputata democratica della California Anna Eshoo. Il Ceo ha inoltre confermato che è partito questa settimana il servizio di notifica per gli utenti del social network i cui dati sono interessati dal caso. Rispondendo a domande in audizione alla Camera Usa, Zuckerberg ha affermato che le notifiche sono partite lo scorso lunedì.

L'amministratore delegato di Cambridge Analytica, Alexander Tayler, intanto è stato rimosso dal suo incarico e ritorna alla sua precedente posizione. È quanto ha annunciato la stessa società di consulenza, accusata di aver impropriamente ottenuto i dati personali di 87 milioni di utenti Facebook. Tyler riprenderà il suo posto a capo della divisione dati «per focalizzarsi sulle varie inchieste e indagini», ha sottolineato il consiglio della società in una nota, secondo quanto riporta Bloomberg.


 
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Mercoledì 11 Aprile 2018, 18:29






Condividi su Google+ Commenta
<< CHIUDI
CONDIVIDI LA NOTIZIA
Zuckerberg: violati anche i miei dati. Rimosso il numero uno di Cambridge Analytica
CONDIVIDI LA NOTIZIA
DIVENTA FAN
SEGUICI SU TWITTER
COMMENTA LA NOTIZIA
3 di 3 commenti presenti
2018-04-12 11:09:59
HAHAHAHAHAHAHA!!!...
2018-04-12 09:11:48
I dati si vendono, non importa se forniti in modo veritiero .Sia nelle indagini statistiche serie o in quelle desunte dai social,chi fornisce informazioni non e' detto che agisca o pensi veramente come si esprime.Forse vende una immagine fantastica di se stesso o si diverte a depistare. Agli elaboratori venditori non interessa poi tanto, l'importante e' vendere fuffa a qualcun altro..
2018-04-11 21:41:21
....ed ora siamo pari.....?