Autonomie locali: ok Cal a sostegno famiglia e rimozione amianto

Udine, 18 feb - Il Consiglio delle Autonomie locali (Cal), riunito oggi a Udine, ha espresso parere positivo all'unanimità su tutti i punti all'ordine del giorno: dalla modifica al regolamento del fondo per l'abbattimento delle rette per gli asili nido agli interventi di rimozione dell'amianto da edifici privati, fino al sostegno alla mobilità ciclistica e al fondo per il risanamento finanziario degli enti locali.

A illustrare il primo provvedimento è intervenuta l'assessore regionale alla Famiglia, Alessia Rosolen, che ha evidenziato come le nuove modalità di intervento, introdotte dal provvedimento, puntano da un lato a venire incontro alle esigenze delle donne che si trovano a dover conciliare il lavoro all'impegno della maternità, dall'altro a contrastare la denatalità.

"Si tratta di un regolamento che rafforza il sostegno alla famiglia" ha indicato Rosolen, ricordando come su questo ambito la Giunta Fedriga ha aumentato le risorse nella legge di Stabilità.

"Se per il primo figlio - ha aggiunto l'assessore - il contributo resta invariato sulle fasce Isee previste, per i nuclei familiari con due o più figli minori viene indicata l'applicazione di un contributo massimo di esenzione del pagamento delle rette fino a un Isee di 50mila euro: un aspetto - ha precisato - che riguarda tutte le fasce della popolazione e non solo le più deboli, con la garanzia di poter accedere alla misura a partire dal primo anno di residenza in Fvg e con incremento delle risorse per chi vi risiede da almeno 5 anni".

In sostanza si tratta del bonus di 600 euro al mese per l'asilo nido del secondo figlio destinato ai nuclei familiari con un Isee al di sotto dei 50mila euro e residenti in regione da almeno cinque anni.

Un'altra novità inserita nel regolamento è il riconoscimento del beneficio, anche in assenza di Isee, alle madri di figli minori inserite in un percorso di protezione a sostegno dell'uscita da situazioni di violenza.

Il Cal ha dato il via libera anche al regolamento per la concessione di contributi ai Comuni per rimozione e smaltimento dell'amianto da edifici di proprietà privata, invitando l'assessore regionale all'Ambiente, Fabio Scoccimarro, a prendere in considerazione l'incremento della posta in bilancio e a realizzare analoghi provvedimenti per le ordinanze in tema di sicurezza.

"E' uno strumento snello - ha spiegato Scoccimarro - da poter mettere in campo tutto l'anno, andando così incontro alle esigenze di salute e sicurezza della comunità attraverso i sindaci che, in questo modo, di concerto con l'azienda sanitaria, nel caso di inottemperanza all'ordinanza contingibile e urgente emessa dal sindaco nei confronti dei proprietari, saranno in grado di utilizzare i contributi messi a disposizione per la rimozione dell'amianto sulle proprietà dei privati".

"L'intervento ha già a bilancio 100mila euro ma - ha aggiunto l'assessore Fvg all'Ambiente - le risorse potranno essere aumentate laddove e quando saranno richiesti ulteriori stanziamenti. Si tratta di un primo passo a cui se ne aggiungeranno altri a favore di iniziative rivolte alla sicurezza dei cittadini per intervenire dove i Comuni non riescono per mancanza di fondi, ovvero, ad esempio, per la rimozione o messa in sicurezza di alberi che potrebbero causare rischi all'incolumità delle persone".

Raggiunta l'intesa sulla delibera inerente il Fondo per il risanamento finanziario degli Enti locali che deliberano la procedura di riequilibrio finanziario pluriennale. L'assessore regionale alle Autonomie locali, Pierpaolo Roberti, è intervenuto a spiegare come lo strumento serva a dare risposte ai Comuni in difficoltà economica. "Con questo provvedimento - ha sottolineato - si individuano i beneficiari, si disciplinano i criteri di accesso al fondo di anticipazione e si fissano le modalità di riparto, le tempistiche e le modalità di restituzione a favore del bilancio regionale".

Parere favorevole anche per la delibera sui regolamenti inerenti modalità e criteri di concessione finanziamenti in materia di promozione della nuova mobilità ciclistica.

Il Cal ha designato, infine, due rappresentanti della Consulta regionale per il servizio civile regionale e solidale nelle persone di Monica Vanzella e Massimiliano Pobaiz, mentre ha rinviato la nomina del componente del consiglio di indirizzo e verifica dell'Irccs Burlo Garofolo di Trieste. ARC/LP/fc

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Lunedì 18 Febbraio 2019, 13:45




Condividi su Google+ Commenta
<< CHIUDI
CONDIVIDI LA NOTIZIA
Autonomie locali: ok Cal a sostegno famiglia e rimozione amianto
CONDIVIDI LA NOTIZIA
DIVENTA FAN
SEGUICI SU TWITTER
COMMENTA LA NOTIZIA
0 di 0 commenti presenti