Facebook, la Ue: «Coinvolgimento utenti europei inaccettabile».Il Garante della privacy chiede chiarimenti

PER APPROFONDIRE: datagate, facebook, mark zuckerberg
Facebook, l'Ue: «Inaccettabile»  Il Garante della privacy  chiede chiarimenti a Menlio Park
«La Commissione europea indagherà sul caso dei dati personali condivisi da Facebook, che consideriamo inaccettabile». Lo ha affermato un portavoce dell'esecutivo europeo. «I dati resi noti dal colosso americano confermano infatti che utenti europei sono stati coinvolti», ha aggiunto la stessa fonte, precisando che la commissaria Ue alla giustizia Jourova «ha scritto una lettera a Facebook la scorsa settimana chiedendo ulteriori spiegazioni entro due settimane» e «Facebook ha già detto di essere disponibile a chiarimenti», ha precisato. 

A due settimane dallo scandalo Facebook-Cambridge Analytica si iniziano intanto a definire meglio i contorni della vicenda. Gli utenti coinvolti nel mondo sono 87 milioni, a fronte dei 50 milioni stimati inizialmente, e fra questi ci sono poco più di 214 mila italiani. Da lunedì il social network inizierà ad avvisare le persone i cui dati sono stati condivisi dalla società di consulenza britannica che ha lavorato anche per Donald Trump. «La Commissione europea indagherà sul caso che consideriamo inaccettabile», dice un portavoce dell'esecutivo. Mentre in Italia il Garante Privacy intende raccogliere ulteriori elementi sugli utenti del nostro paese. 

«Dal 9 aprile diremo agli utenti se le loro informazioni sono state impropriamente condivise da Cambridge Analytica», spiega Mike Schroepfer, Chief Technology Officer di Facebook. Le persone potenzialmente impattate dovrebbero ricevere un avviso che consentirà di vedere quali dei loro dati sono stati condivisi. La piattaforma ha inoltre annunciato una stretta nel modo in cui le app possono usare i dati e darà agli utenti la possibilità, sempre a partite da lunedì, di individuare più facilmente le applicazioni che usiamo e cancellare quelle che non ci interessano più. Per fare questa operazione, apparirà un link apposito in cima al flusso delle notizie. Altre novità «arriveranno nelle prossime settimane», sottolinea Schroepfer.

Secondo i numeri divulgati ieri da Mark Zuckerberg sono 87 milioni gli utenti colpiti globalmente, di cui quasi l'82% sono negli Stati Uniti (è il paese più colpito, a seguire ci sono Filippine, Indonesia e Regno Unito). In Italia le persone potenzialmente interessate dalla vicenda sono 214.134, nel nostro paese Facebook conta 31 milioni di utenti attivi.

Il Garante per la Privacy italiano, Antonello Soro, intende raccogliere ulteriori elementi per una piena valutazione del
caso e il prossimo 24 aprile riceverà Stephen Deadman, Deputy Chief Global Privacy Officer del social network. Dall'Italia, lo scorso 20 marzo è partita dall'Agcom una richiesta di informazioni, mentre il Codacons prepara una class-action negli Stati Uniti per gli utenti italiani coinvolti.

«La Commissione europea indagherà sul caso dei dati personali condivisi da Facebook, che consideriamo inaccettabile», afferma un portavoce dell'esecutivo. Lo scorso 27 marzo Bruxelles ha scritto una lettera al direttore operativo del social network, Sheryl Sandberg, chiedendo risposte «entro due settimane». E il presidente dell'Europarlamento Antonio Tajani ha invitato Mark Zuckerberg.

Sarà anche più facile rimuovere le app che non vogliamo più. Sempre a partire da lunedì comparirà in cima al flusso di notizie di tutti gli utenti un link che mostrerà tutte le app che utilizziamo e le informazioni condivise con queste applicazioni. «Gli utenti saranno in grado di rimuovere le app che non vogliono più. Riteniamo che queste modifiche consentiranno di proteggere meglio le informazioni delle persone. Sappiamo di avere più lavoro da fare», ha spiegato Schroepfer.

Intanto la vicenda si allarga anche all'Australia. Il Commissario per la Privacy ha avviato un'indagine formale per capire se il social network ha violato la legge del paese sulla protezione dei dati. L'appuntamento più atteso comunque è l'11 aprile, quando Mark Zuckerberg si presenterà al Congresso Usa.


 
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Giovedì 5 Aprile 2018, 13:25






Condividi su Google+ Commenta
<< CHIUDI
CONDIVIDI LA NOTIZIA
Facebook, la Ue: «Coinvolgimento utenti europei inaccettabile».Il Garante della privacy chiede chiarimenti
CONDIVIDI LA NOTIZIA
DIVENTA FAN
SEGUICI SU TWITTER
COMMENTA LA NOTIZIA
0 di 0 commenti presenti