Messina, resta in carcere il giovane che ha dato fuoco all'ex fidanzata: «Non sono stato io»

PER APPROFONDIRE: fidanzata, fuoco, messina
Messina, resta in carcere il giovane che ha dato fuoco all'ex fidanzata: «Non sono stato io»
Resta in carcere Alessio Mantineo, il ragazzo messinese di 25 anni accusato di aver dato fuoco alla sua ex fidanzata, Ylenia Bonavera. Lo ha deciso il gip di Messina Eugenio Fiorentino che però non ha convalidato il fermo di Polizia giudiziaria. Secondo il gip a carico del ragazzo ci sono «gravi indizi di colpevolezza» ma non il pericolo di fuga. La Procura, questa mattina, durante l'interrogatorio di garanzia, ha depositato nuove prove a carico del giovane. Tra cui alcune riprese di telecamere fisse che lo avrebbero ripreso nei pressi dell'abitazione della ragazza. I due, secondo la ricostruzione dei magistrati, nella notte tra sabato e domenica, dopo essersi incontrati in discoteca avrebbero litigato. La ragazza sarebbe andata a casa e lui l'avrebbe raggiunta con del liquido infiammabile. Arrivato a casa le avrebbe dato fuoco. Ma è la stessa ex a scagionare il ragazzo dicendo che non è stato lui. La Polizia, però, continua a ritenere che sia stato proprio lui. E oggi il gip ha deciso che Alessio Mantineo resterà in carcere.

Alessio Mantineo, l'ex fidanzato di Ylenia B., la ragazza messinese di 22 anni, prima cosparsa di benzina e poi data alle fiamme, respinge ogni accusa e sostiene di non essere il responsabile dell'agguato. «Non sono stato io», ha ripetuto durante l'interrogatorio davanti al gip del Tribunale di Messina, che è appena terminato. Il giovane, che è in stato di fermo per tentato omicidio, ha detto al gip che quella sera non era a casa di Ylenia e che, invece, si trovava a casa sua. Ma la Procura, come apprende l'Adnkronos, avrebbe depositato «nuovi elementi a carico del ragazzo». Il gip di Messina deciderà entro oggi se convalidare il fermo. Intanto, Ylenia, ricoverata al Policlinico di Messina, continua a dire che non è stato il suo ex fidanzato a darle fuoco. Ma le sue versioni sono contraddittorie, specialmente nella descrizione dell'aggressore.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Mercoledì 11 Gennaio 2017, 14:08






Condividi su Google+ Commenta
<< CHIUDI
CONDIVIDI LA NOTIZIA
Messina, resta in carcere il giovane che ha dato fuoco all'ex fidanzata: «Non sono stato io»
CONDIVIDI LA NOTIZIA
DIVENTA FAN
SEGUICI SU TWITTER
COMMENTA LA NOTIZIA
0 di 0 commenti presenti