Macerata, così hanno massacrato Pamela: nigeriani traditi dall'ultimo sms

Così è stata massacrata Pamela

di Daniel Fermanelli e Andrea Taffi

MACERATA Ammazzata. Da un branco di tre nigeriani, a cui verosimilmente si era ribellata, nonostante lo stordimento dell'eroina. E poi fatta a pezzi dagli stessi tre, con macabra precisione e dovizia di ripulitura a base di varechina. Nel giorno in cui diverse sensazioni si spostano nel quadrante delle ipotesi accusatorie (al punto che il procuratore di Macerata Giorgio parla di «caso chiuso») si alzano molti, ma non tutti, i veli sulla tremenda fine di Pamela Mastropietro, la 18enne romana i cui resti sono finiti in due trolley abbandonati e ritrovati nella periferia di Macerata lo scorso 31 gennaio.

Per questo, con le stesse pesanti accuse di omicidio, vilipendio, distruzione e occultamento di cadavere, oltre Innocent Osegahle (nel penitenziario di Montacuto dal primo febbraio), da ieri sono in stato di fermo anche i connazionali Desmond Lucky e Lucky Awelima, dopo l'accelerazione impressa alle indagini dalla Procura maceratese due giorni fa. Così, il sabato del capoluogo blindato per la manifestazione dei centri sociali contro il raid xenofobo del fascio-leghista Traini scioglie i nodi decisivi nella ricostruzione degli inquirenti. Cioè: cosa è successo nell'attico dell'orrore prima dello smembramento di Pamela e (soprattutto) chi sono i responsabili di quello scempio.

GLI ELEMENTI
Il venerdì da ventre a terra dei carabinieri del comando provinciale di Macerata ha due inneschi: il primo è la geolocalizzazione del cellulare di Lucky Awelima, una spia che si sposta molto velocemente lungo la via Emilia e approda a Milano. Nel dubbio di una fuga, andava fermato subito. Il secondo, la relazione preliminare dell'anatomopatologo Cingolani che sposta il dilemma overdose/morte violenta fino alla ragionevole convinzione di un «omicidio volontario» ai danni di Pamela. In parallelo, gli investigatori del reparto operativo che già da qualche giorno hanno nel radar Desmond Lucky (denunciato per spaccio e ascoltato come persona informata sui fatti) chiudono anche il perimetro dei responsabili sulla base di «gravi indizi» come spiega la nota diramata dall'Arma: il traffico telefonico, le celle agganciate dai telefoni dei tre indagati il 30 gennaio e soprattutto le impronte digitali. «Siamo stati bravi, veloci e fortunati ad avere subito a disposizione il Ris» dicono dal comando provinciale, mentre il comandante Roberti preferisce rimanere in silenzio.
Silenzio su una storia che però, adesso, ha una sua prima spina dorsale. Questa: dopo aver comprato eroina (l'accusa è che gliel'abbia data Desmond Lucky, che nega), Pamela e Oseghale vanno nella casa di via Spalato. Partono chiamate o sms per Desmond e Awelima che rapidamente raggiungono l'attico.
A questo punto si entra in una bolla dove per motivi ancora da accertare Pamela subisce violenza: due coltellate profonde all'addome, un colpo alla tempia e un ematoma all'avambraccio sono le tracce sui resti del suo corpo. L'ipotesi su cui si lavora è che la ragazza sotto effetto di eroina si sia ribellata provocando la reazione dei suoi aguzzini. Da lì in poi, la decisione di farla a pezzi, la missione in via Roma di Oseghale e Desmond Lucky in un Acqua&Sapone (sono stati visti) per acquistare due taniche di varechina, il tentativo disperato di cancellare le prove.

I RUOLI
Allo stato attuale non emerge nettamente il profilo del macellaio capace «di sezionare con così tanta perizia» (annota il medico Cingolani) il corpo della ragazza: sarebbero stati tutti e tre in collaborazione, tanto che l'accusa parifica i ruoli. Ma sono attesi i riscontri del Ris a giorni sugli indumenti della ragazza e soprattutto su mannaia e coltelli sequestrati.

Quanto alle versioni difensive, quella di Oseghale si conosce (non ha venduto la droga, nell'attico ha visto con Desmond la ragazza andare in crisi per l'eroina ed è scappato) e Desmond ha negato su tutto il fronte (non ha spacciato e non era presente nell'attico). Di quella di Awelima, richiedente asilo ospitato all'hotel Recina a due passi da Villa Potenza, si sa ancora poco: è arrivato al comando provinciale alle 20 di venerdì e non aveva ancora un nome.

A lui i carabinieri sono arrivati attraverso il nomignolo e il numero trovato nei telefoni di Oseghale e Desmond Lucky. Lo hanno preso a Milano sul binario con la moglie. Aveva una grande valigia e pare stesse cercando di arrivare in Svizzera. Deve spiegare come mai è sparito da Macerata proprio il 31 gennaio e perché il suo cellulare, il giorno prima, dice che è stato a lungo - al pari dei due connazionali - in via Spalato, nella casa dove Pamela è entrata viva ed è uscita a pezzi.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Domenica 11 Febbraio 2018, 09:19






Condividi su Google+ Commenta
<< CHIUDI
CONDIVIDI LA NOTIZIA
Macerata, così hanno massacrato Pamela: nigeriani traditi dall'ultimo sms
CONDIVIDI LA NOTIZIA
DIVENTA FAN
SEGUICI SU TWITTER
COMMENTA LA NOTIZIA
0 di 0 commenti presenti