Conte, pressing sulla Libia: «Dovete fare la vostra parte»

PER APPROFONDIRE: conte, libia, migranti
Migranti, l'Italia riapre il fronte Libia

di Marco Conti

Giuseppe Conte ieri pomeriggio ha provato a metterci una pezza alzando il telefono di palazzo Chigi e facendo arrivare - attraverso l'intelligence italiana - un messaggio chiaro al presidente del Consiglio Presidenziale libico, Fayez Al Serraj, e al generale Khalifa Haftar: «Salvate i migranti in mare e portateli al sicuro». A tutti e due Conte ha anche chiesto di intervenire affinchè le coste libiche vengano pattugliate con maggiore cura per evitare partenze.

Libia, il pase africano in mano alle milizie e quegli impegni difficili da mantenere

IL PROBLEMA
La morte dei 117 profughi, e i numerosi sos ignorati dai guardacoste libici, rischiano infatti di scaricare sull'Italia responsabilità politiche difficili da gestire. L'incapacità dei libici di sorvegliare le proprie coste e di intervenire nelle emergenze, sono infatti in grado di compromettere quel rapporto privilegiato che la comunità internazionale riconosce all'Italia in Libia.
Il presidente del Consiglio ieri ha supplito così al monitoraggio che competerebbe al ministro dell'Interno utile a tenere sotto controllo l'efficienza del centro di coordinamento libico che dovrebbe raccogliere le richieste di soccorso in mare. «Sentite Tripoli», è la risposta che il centro di coordinamento italiano dà da settimane alle richieste di soccorso. Il problema, che Conte ha ben chiaro, è che Tripoli spesso non risponde. Come da qualche tempo non risponde la Valletta e non rispondono nemmeno le navi mercantili che si trovano a passare nel Mediterraneo e che temono i lunghi fermi-nave dovuti alle difficoltà che incontrano nel far sbarcare i naufraghi nei porti che le leggi internazionali considerano sicuri, visto che quelli libici sono considerati ad alto rischio. Senza guardiacoste italiane e, senza le Ong, il tratto di mare davanti la Libia è di fatto gestito ora solo dai libici che operano con i mezzi consegnati dall'Italia. Ma le partenze - malgrado il freddo e il mare agitato - non cessano e dalle coste della Libia si continua a partire. Ieri i libici hanno giustificato i ritardi con una serie di interventi fatti in giornata. Alla fine è stato mandato un cargo che ha riportato a Misurata i profughi.

La politica dei porti chiusi che Salvini esalta, e sulla quale un gruppo di senatori M5S ed ex (Nugnes, De Falco, Fattori) ha presentato un'interrogazione al ministro Toninelli, ha svuotato il Mediterraneo, ma i trecento milioni che l'Italia ha speso in Libia per addestrare la guardia costiera sembrano gettati al vento o forse ritenuti insufficienti da qualcuna delle tribù libiche che gestiscono le coste.
Dietro l'inefficienza della Guardia costiera libica spicca soprattutto l'ennesimo caos politico in cui si trova la Libia in questi giorni dopo che i tre vicepremier hanno messo in discussione l'autorità del premier Fayez Al Serraj che guida l'unico esecutivo riconosciuto a livello internazionale. La mancata stretta del governo libico sui mercanti di esseri umani potrebbe essere dovuta soprattutto alle difficoltà che incontra Serraj. Conte, che a dicembre è tornato in Libia dopo il vertice di Palermo, ha ben presente il ruolo sempre più pesante che il generale Haftar sta assumendo anche nella difesa dei confini esterni e ieri sera non escludeva un suo nuovo intervento per cercare di riportare un po' di ordine nel Paese africano.
Il caos politico in Libia rischia infatti di scaricarsi sull'Italia attraverso i migranti che vengono fatti partire dal porto di Garabulli controllato da tribù vicine ad Haftar. Mentre i due vicepremier polemizzano con la Francia sull'unione monetaria africana, è proprio Parigi - che da sempre ha puntato su Haftar - a guadagnare posizioni in Libia. Conte, che al vertice di Palermo, è riuscito ad avere al tavolo anche il generale libico, punta però ancora su un accordo politico tra Tripoli e Bengasi nel tentativo di evitare che diventi Parigi il primo interlocutore politico della Libia.

LO SCONTRO
Ma l'attività diplomatica del presidente del Consiglio si scontra con i toni da campagna elettorale perenne dei due vicepremier. Tra Di Maio e Salvini è ormai sempre più difficile scorgere differenze e anche sui migranti i due procedono compatti. Malgrado nel M5S non manchino i dubbi per il progressivo spostamento a destra del Movimento, la Francia di Macron diventa l'avversario dei due vicepremier sovranisti. Non ha aiutato ieri sera l'ala sinistra dei parlamentari grillini nemmeno l'intervento in tv di Alessandro Di Battista il quale, oltre a ripetere analisi pubblicate da siti economici sulla moneta africana, ha difeso la linea Salvini e definito DI Maio e Toninelli i «migliori ministri». Proprio quest'ultimo ieri è intervenuto sulla vicenda dei barconi in mare chiamando in causa l'Unione Europea. Di recente Conte ha incontrato il commissario Ue all'immigrazione Avramopoulos con il quale ha concordato i meccanismi di ripartizione dei profughi sbarcati a Malta durante il Natale. Conte continua a premere su Bruxelles affinchè si riapra un confronto sul tema dei migranti, sul trattato di Dublino, ma gli interlocutori, se si eccettua la Germania della Merkel, scarseggiano.
 
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Lunedì 21 Gennaio 2019, 07:29






Condividi su Google+ Commenta
<< CHIUDI
CONDIVIDI LA NOTIZIA
Conte, pressing sulla Libia: «Dovete fare la vostra parte»
CONDIVIDI LA NOTIZIA
DIVENTA FAN
SEGUICI SU TWITTER