Martedì 21 Marzo 2017, 00:00

«Non tangenti, ma aiuti a un amico»

«Non tangenti, ma aiuti a un amico»
Nessuna mazzetta, soltanto aiuti ad un amico in difficoltà. L'imprenditore trevigiano Enzo Busato si è giustificato così di fronte al giudice per le indagini preliminari di Venezia, Roberta Marchiori, in relazione all'accusa di aver versato somme di denaro e altre utilità al dirigente di Veritas Claudio Ghezzo, finito in carcere la scorsa settimana con l'accusa di corruzione in relazione ad alcuni appalti per lo smaltimento di rifiuti.Busato, 58 anni, rappresentante legale della Busato Autotrasporti di Preganziol, si trova agli arresti...
CONTINUA A LEGGERE L'ARTICOLO
Condividi su Google+ Commenta
<< CHIUDI
CONDIVIDI LA NOTIZIA
«Non tangenti, ma aiuti a un amico»
CONDIVIDI LA NOTIZIA
DIVENTA FAN
SEGUICI SU TWITTER