Domenica 17 Giugno 2018, 00:00

L'INTERVISTA
Le nostre sono vite potenziali che sarebbero piaciute a Giuseppe

L'INTERVISTALe nostre sono vite potenziali che sarebbero piaciute a Giuseppe Berto. Esistenze confinate in un «paesaggio senza passato e senza futuro», ostaggio di «felicità inseguita e mai definitivamente raggiunta». Vite potenziali (Mondadori) che lanciano il 38enne Francesco Targhetta sul podio del Premio Berto, edizione numero 26, applaudito ieri sera nel gala conclusivo a Capo Vaticano, dove l'autore de Il male oscuro fu sepolto 40 anni fa. Nessuna ode alla locomotiva d'Italia, all'operoso Nordest che sogna il successo e si spacca la...
CONTINUA A LEGGERE L'ARTICOLO
Condividi su Google+ Commenta
<< CHIUDI
CONDIVIDI LA NOTIZIA
L'INTERVISTA
Le nostre sono vite potenziali che sarebbero piaciute a Giuseppe
CONDIVIDI LA NOTIZIA
DIVENTA FAN
SEGUICI SU TWITTER